Contributi e Opinioni 3 Febbraio 2020

«Serve una campagna di informazione per fare conoscere ai cittadini i pregi del nostro sistema sanitario»

Gentile Direttore, leggo sul giornale da lei diretto l’interessante articolo «Pagare per chiamare l’ambulanza? Assurdo» dove vengono riportate le reazioni dei romani ai costi della sanità made in USA. Giustamente l’autrice si pone il quesito se davvero l’erba del vicino è sempre più verde. Il nostro servizio sanitario nazionale è di tipo universalistico ed in […]

di Luciano Cifaldi, Segretario Generale Cisl Medici Lazio

Gentile Direttore,

leggo sul giornale da lei diretto l’interessante articolo «Pagare per chiamare l’ambulanza? Assurdo» dove vengono riportate le reazioni dei romani ai costi della sanità made in USA. Giustamente l’autrice si pone il quesito se davvero l’erba del vicino è sempre più verde. Il nostro servizio sanitario nazionale è di tipo universalistico ed in quanto tale eroga “quasi tutto a tutti” chiedendo il pagamento del ticket ma non addebita sicuramente il costo delle ambulanze per le chiamate al 118. Mi stupisco però per le reazioni stupite dei cittadini i quali, evidentemente, non hanno la consapevolezza di quale grande valore rappresenta il nostro servizio sanitario pubblico che, tutti i giorni e ventiquattro ore al giorno, garantisce il pronto soccorso ospedaliero ad ognuno di noi. E lo garantisce nonostante scarsità a volte di mezzi e troppo spesso di professionisti, medici ed infermieri, sempre più stressati perché sottoposti a gravosissimi turni di servizio.

GUARDA IL SERVIZIO:

Ed il pronto soccorso garantisce questa assistenza facendosi carico delle gravi carenze del territorio, ultima delle quali ad esempio ad Empoli dove sembra che il servizio di guardia medica notturna, a causa della carenza di medici, potrà essere garantito da mezzanotte alle otto del mattino esclusivamente in quei paesi che non hanno un ospedale nelle vicinanze.

Dunque in quella area della Toscana bisognerà chiamare il 118 o recarsi al pronto soccorso con tutto ciò che ne deriva a cominciare dai tempi di attesa che si allungheranno e contribuiranno a determinare fenomeni di intolleranza o apertamente aggressivi nei confronti degli operatori sanitari. E il 118 arriverà a domicilio con una ambulanza che il paziente non dovrà pagare e magari quel paziente non sarà nemmeno a conoscenza di quanto recentemente accaduto in Campania ed in Sardegna dove ambulanze sono state date alle fiamme.

Magari non servirà riformare il SSN ma potrebbero bastare periodiche revisioni di manutenzione ordinaria e straordinaria come si dovrebbe fare ad esempio con gli edifici e le automobili insieme ad una importante campagna mediatica di informazione per fare conoscere i pregi del nostro sistema sanitario visto che dei difetti non ci sfugge nulla e ognuno è sempre pronto ad evidenziarli con annesse lamentele.

Questa è l’Italia dove dovrebbe esserci maggiore rispetto per quanti sono in prima linea a garantire la salute e la sicurezza della popolazione.

Articoli correlati
SSN e odontoiatria, Pergola (Cisl Medici Lazio): «Avvilente non poter dare la dentiera ad anziani con basso reddito»
«Nel pubblico è prevista un'esenzione completa per le cure e per le estrazioni, però quando si arriva alle protesi il costo medio si aggira sugli 800 euro. Purtroppo esistono pazienti con 500 euro di pensione. Non sono previsti bonus o rateizzazioni, non c'è modo per aiutarli»
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Covid-19, Cifaldi (Cisl Medici Lazio): «Servono misure eccezionali per far fronte alla situazione»
«Quello che sta accadendo è la prova provata che non si sta investendo nella medicina territoriale e neanche nei dipartimenti di prevenzione cioè quelli che si occupano di igiene pubblica» dichiara in un comunicato Luciano Cifaldi, segretario generale della Cisl Medici Lazio. «Vorremmo che qualcuno ci spiegasse a cosa serve fare migliaia di tamponi se […]
«Ammirazione per il medico di Aosta che ha violato la quarantena per salvare una vita»
di Luciano Cifaldi, primario oncologo, segretario generale della Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
«Che fine hanno fatto le altre malattie?»
di Luciano Cifaldi, oncologo, Segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
Come comportarsi con i bambini ai tempi del Covid-19? La pediatra scioglie alcuni dubbi
Sono numerose le domande che in questi giorni assillano i genitori di bambini: dal come comportarsi in caso di Covid-19 in classe al vaccino antinfluenzale. Cerchiamo allora di fugare qualche dubbio parlando con la dottoressa Silvia Bartolozzi, dirigente medico pediatra presso l’Ospedale San Giovanni Addolorata di Roma e segretario aziendale Cisl Medici Lazio. Vaccino antinfluenzale: […]
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 ottobre, sono 44.495.972 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.174.225 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 29 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...