Contributi e Opinioni 3 Febbraio 2020

«Serve una campagna di informazione per fare conoscere ai cittadini i pregi del nostro sistema sanitario»

Gentile Direttore, leggo sul giornale da lei diretto l’interessante articolo «Pagare per chiamare l’ambulanza? Assurdo» dove vengono riportate le reazioni dei romani ai costi della sanità made in USA. Giustamente l’autrice si pone il quesito se davvero l’erba del vicino è sempre più verde. Il nostro servizio sanitario nazionale è di tipo universalistico ed in […]

di Luciano Cifaldi, Segretario Generale Cisl Medici Lazio

Gentile Direttore,

leggo sul giornale da lei diretto l’interessante articolo «Pagare per chiamare l’ambulanza? Assurdo» dove vengono riportate le reazioni dei romani ai costi della sanità made in USA. Giustamente l’autrice si pone il quesito se davvero l’erba del vicino è sempre più verde. Il nostro servizio sanitario nazionale è di tipo universalistico ed in quanto tale eroga “quasi tutto a tutti” chiedendo il pagamento del ticket ma non addebita sicuramente il costo delle ambulanze per le chiamate al 118. Mi stupisco però per le reazioni stupite dei cittadini i quali, evidentemente, non hanno la consapevolezza di quale grande valore rappresenta il nostro servizio sanitario pubblico che, tutti i giorni e ventiquattro ore al giorno, garantisce il pronto soccorso ospedaliero ad ognuno di noi. E lo garantisce nonostante scarsità a volte di mezzi e troppo spesso di professionisti, medici ed infermieri, sempre più stressati perché sottoposti a gravosissimi turni di servizio.

GUARDA IL SERVIZIO:

Ed il pronto soccorso garantisce questa assistenza facendosi carico delle gravi carenze del territorio, ultima delle quali ad esempio ad Empoli dove sembra che il servizio di guardia medica notturna, a causa della carenza di medici, potrà essere garantito da mezzanotte alle otto del mattino esclusivamente in quei paesi che non hanno un ospedale nelle vicinanze.

Dunque in quella area della Toscana bisognerà chiamare il 118 o recarsi al pronto soccorso con tutto ciò che ne deriva a cominciare dai tempi di attesa che si allungheranno e contribuiranno a determinare fenomeni di intolleranza o apertamente aggressivi nei confronti degli operatori sanitari. E il 118 arriverà a domicilio con una ambulanza che il paziente non dovrà pagare e magari quel paziente non sarà nemmeno a conoscenza di quanto recentemente accaduto in Campania ed in Sardegna dove ambulanze sono state date alle fiamme.

Magari non servirà riformare il SSN ma potrebbero bastare periodiche revisioni di manutenzione ordinaria e straordinaria come si dovrebbe fare ad esempio con gli edifici e le automobili insieme ad una importante campagna mediatica di informazione per fare conoscere i pregi del nostro sistema sanitario visto che dei difetti non ci sfugge nulla e ognuno è sempre pronto ad evidenziarli con annesse lamentele.

Questa è l’Italia dove dovrebbe esserci maggiore rispetto per quanti sono in prima linea a garantire la salute e la sicurezza della popolazione.

Articoli correlati
Tamponi, Cisl Medici Lazio: «Bene Raggi su screening per senza fissa dimora, ma non dimenticatevi dei sanitari»
«La Cisl Medici Lazio e di Roma Capitale/Rieti – dichiarano Luciano Cifaldi, segretario della Cisl Medici Lazio, e Benedetto Magliozzi, segretario della Cisl Medici di Roma Capitale/Rieti – esprime apprezzamento per la richiesta del sindaco di Roma di sottoporre al tampone per il Covid-19 le persone senza fissa dimora che si trovano nell’area della stazione […]
«Urgenti chiarimenti e rispetto obblighi di legge». Cisl Medici Lazio scrive lettera alla Regione Lazio
Luciano Cifaldi, segretario generale del sindacato Cisl Medici Lazio, richiede urgenti chiarimenti e l’invito ad ottemperare agli obblighi derivanti dal D.Lgs. 81/2008 comprensivi dell’atto di diffida  alla Regione Lazio. Di seguito, il testo. LEGGI LA LETTERA ALLA REGIONE «La Cisl medici Lazio – si legge nella lettera – chiede di verificare se presso tutte le […]
«Buona fortuna a tutti noi, medici e operatori sanitari»
Buona fortuna a tutti noi che continuiamo a stare in prima linea e non abbiamo più tempo per noi stessi e per i nostri cari, figuriamoci per vedere i meme sul telefonino
di Luciano Cifaldi, Segretario Cisl Medici Lazio
«Mancano mascherine FFP2 e FFP3». Cisl Medici Lazio diffida l’assessore alla Sanità e il Direttore regionale Salute
Il segretario generale Luciano Cifaldi: «Sia attentamente valutata l'opportunità di effettuare tamponi a tutti coloro che siano stati in contatto con pazienti Covid-19 positivi indipendentemente dal fatto che siano sintomatici o meno»
Coronavirus, Cifaldi (Cisl Medici Lazio): «Subiamo le conseguenze di scellerati piani di rientro. Ora se ne accorgono tutti, poi si dovrà cambiare»
«Fino al 31/12/2019 gli economisti capeggiati dal MEF sostenevano che il DM70 era il Vangelo e che i letti di terapia intensiva ed infettivi erano sovrabbondanti rispetto ai bisogni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 7 aprile, sono 1.348.628 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 74.834 i decessi e 285.064 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...