Contributi e Opinioni 3 Febbraio 2020 10:41

«Serve una campagna di informazione per fare conoscere ai cittadini i pregi del nostro sistema sanitario»

Gentile Direttore, leggo sul giornale da lei diretto l’interessante articolo «Pagare per chiamare l’ambulanza? Assurdo» dove vengono riportate le reazioni dei romani ai costi della sanità made in USA. Giustamente l’autrice si pone il quesito se davvero l’erba del vicino è sempre più verde. Il nostro servizio sanitario nazionale è di tipo universalistico ed in […]

di Luciano Cifaldi, Segretario Generale Cisl Medici Lazio

Gentile Direttore,

leggo sul giornale da lei diretto l’interessante articolo «Pagare per chiamare l’ambulanza? Assurdo» dove vengono riportate le reazioni dei romani ai costi della sanità made in USA. Giustamente l’autrice si pone il quesito se davvero l’erba del vicino è sempre più verde. Il nostro servizio sanitario nazionale è di tipo universalistico ed in quanto tale eroga “quasi tutto a tutti” chiedendo il pagamento del ticket ma non addebita sicuramente il costo delle ambulanze per le chiamate al 118. Mi stupisco però per le reazioni stupite dei cittadini i quali, evidentemente, non hanno la consapevolezza di quale grande valore rappresenta il nostro servizio sanitario pubblico che, tutti i giorni e ventiquattro ore al giorno, garantisce il pronto soccorso ospedaliero ad ognuno di noi. E lo garantisce nonostante scarsità a volte di mezzi e troppo spesso di professionisti, medici ed infermieri, sempre più stressati perché sottoposti a gravosissimi turni di servizio.

GUARDA IL SERVIZIO:

Ed il pronto soccorso garantisce questa assistenza facendosi carico delle gravi carenze del territorio, ultima delle quali ad esempio ad Empoli dove sembra che il servizio di guardia medica notturna, a causa della carenza di medici, potrà essere garantito da mezzanotte alle otto del mattino esclusivamente in quei paesi che non hanno un ospedale nelle vicinanze.

Dunque in quella area della Toscana bisognerà chiamare il 118 o recarsi al pronto soccorso con tutto ciò che ne deriva a cominciare dai tempi di attesa che si allungheranno e contribuiranno a determinare fenomeni di intolleranza o apertamente aggressivi nei confronti degli operatori sanitari. E il 118 arriverà a domicilio con una ambulanza che il paziente non dovrà pagare e magari quel paziente non sarà nemmeno a conoscenza di quanto recentemente accaduto in Campania ed in Sardegna dove ambulanze sono state date alle fiamme.

Magari non servirà riformare il SSN ma potrebbero bastare periodiche revisioni di manutenzione ordinaria e straordinaria come si dovrebbe fare ad esempio con gli edifici e le automobili insieme ad una importante campagna mediatica di informazione per fare conoscere i pregi del nostro sistema sanitario visto che dei difetti non ci sfugge nulla e ognuno è sempre pronto ad evidenziarli con annesse lamentele.

Questa è l’Italia dove dovrebbe esserci maggiore rispetto per quanti sono in prima linea a garantire la salute e la sicurezza della popolazione.

Articoli correlati
Accordo Specialistica ambulatoriale, Cisl medici Lazio presenta ricorso al Tribunale Civile di Roma
«Dopo i ricorsi presentati dalla Cisl medici, la regione finalmente apre al tavolo del rinnovo dell’accordo regionale integrativo della specialistica ambulatoriale». È quanto fa sapere il sindacato in una nota. «È del 2 dicembre u.s. la lungamente attesa comunicazione della Direzione Regionale Salute e Integrazione Socio-Sanitaria – Area Risorse Umane che richiede alla OOSS firmatarie […]
Ricetta elettronica, Cisl medici Lazio: «Bene l’interrogazione di Fabio Capolei»
«La Cisl Medici comunica il proprio apprezzamento per l’interrogazione a risposta scritta che Fabio Capolei, consigliere regionale e vice presidente della commissione sanità, ha presentato al presidente della giunta regionale e all’assessore alla sanità sul tema della ricetta dematerializzata». Così in un comunicato la Cisl Medici Lazio. «La Cisl Medici Lazio e di Roma Capitale  […]
Prorogati contratti in scadenza per l’emergenza Covid, Cisl medici Lazio: «Vigileremo sull’accordo»
Firmato oggi l'accordo sindacale per la proroga dei precari del servizio sanitario regionale del Lazio
Ricettari cartacei, Cisl Medici Lazio: «Malfunzionamento sistema informatizzato che dovrebbe sostituirli»
La Cisl Medici, nei suoi rappresentanti Dott. Giuseppe Pergola, Dott. Nicola Buonaiuto, Dott. Benedetto Magliozzi e il segretario generale Cisl Medici Lazio Dott. Luciano Cifaldi, ha chiesto chiarimenti relativamente al divieto di utilizzo dei ricettari cartacei “rossi” nelle aziende sanitarie regionali. Ciò è stato fatto con «una nota inviata martedì 19 ottobre al Direttore regionale […]
«Ecco perché ampliare l’obbligo del vaccino anti-Covid è possibile»
Intervista all'avvocato Fabio Frattini, penalista di Tivoli e componente della Giunta Nazionale dell'Unione Camere Penali Italiane (UCPI)
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 25 maggio, sono 526.711.975 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.280.500 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto