Contributi e Opinioni 19 Maggio 2020 12:51

La Medicina d’emergenza-urgenza, un Bene pubblico da difendere

di Salvatore Manca, presidente nazionale Simeu

di Salvatore Manca, presidente nazionale Simeu

Dove sono volati gli angeli ed i supereroi della fase 1 della pandemia Covid-19? Se lo chiedono gli operatori sanitari, medici ed infermieri, della medicina di emergenza-urgenza, operativa nei Pronto Soccorso/Medicine d’Urgenza italiani.

Ancora non siamo usciti dallo stato di crisi sanitaria e solo da qualche giorno si è allentata la presa del lockdown e del ritorno graduale alla “normalità”, che già l’empatia ed il sentimento di vicinanza dimostrato nella fase 1 – in rispetto dello sforzo profuso dagli operatori sanitari in prima linea che si sono opposti alle gravi conseguenze sulla salute pubblica causate dal nuovo virus – sembrano affievolirsi.

Non c’è alcun dubbio circa l’impegno che medici e infermieri del SSN nel suo insieme hanno profuso per contrastare i numeri del contagio. Molte le testimonianze dirette, le prove, i reportage giornalistici che dimostrano quanto sia stato oggettivamente compiuto, ma, nonostante tutto, da alcune parti si individuano purtroppo già alcuni esempi di scorrettezza o di strumentalizzazione di alcuni eventi a danno di professionisti della sanità pubblica.

Va ricordato sempre che i medici, e più in generale gli operatori sanitari, operano le loro decisioni unicamente nel rispetto dei doveri deontologici, alla luce delle evidenze scientifiche, di protocolli, letteratura e contesto in cui si trovano.

È noto come molti operatori abbiano sacrificato anche momenti della vita privata a favore del loro ruolo professionale, e le legittime opinioni politiche, le posizioni personali, la capacità di pensiero ed opinione delle persone nulla hanno a che fare con l’etica professionale, con l’integrità, la reputazione e la professionalità.

LEGGI ANCHE: ITALIANI DI NUOVO IN FILA NEI PRONTO SOCCORSO. MANCA (SIMEU): «+30% DI ACCESSI RISPETTO ALLA FASE 1»

Stiamo uscendo dalla prima fase di una delle sfide più grandi che i Pronto Soccorso d’Italia abbiano mai dovuto affrontare e gli operatori sanitari coinvolti stanno oggettivamente continuando a dimostrare di sapersi muovere rapidamente anche nel “ricominciare”, generando strumenti utili a che tutta la macchina funzionale sia resa più sicura ed efficiente – soprattutto per i pazienti – nel rispetto delle nuove condizioni di fruizione.
L’atteggiamento degli operatori sanitari dei PS italiani continua ad essere una grande risorsa per contenere gli effetti negativi di questa travolgente crisi e ripartire in maniera produttiva è la migliore alternativa che i professionisti dell’emergenza-urgenza hanno a disposizione per continuare ad assicurare un adeguato servizio a tutta la popolazione in funzione delle necessità legate a tutte le patologie, non solo al Covid-19.
Attraverso il nostro lavoro stiamo infatti continuando a dimostrare che avere un SSN pubblico è un valore e non un costo – come purtroppo è stato spesso indicato – e che il sistema emergenza-urgenza è focale e strategico per la tenuta del livello di efficienza dell’intero Ospedale, quanto nel supportare l’intera struttura del SSN.

La velocità di adattamento è centrale per affrontare questo nuovo corso.
Noi, medici ed infermieri, non abbiamo mai cambiato atteggiamento: ci stiamo prendendo cura dei luoghi di cura, come è giusto fare. Ma a questo punto la Storia sembra essere più veloce di noi!
Chi avrà bisogno di recarsi ad un Pronto Soccorso sicuramente troverà dei cambiamenti e probabilmente avrà difficoltà a percepirli come positivi.
Le regole legate alla sicurezza, il distanziamento sociale, i percorsi differenziati mettono in crisi anche le capacità di accoglienza degli spazi tradizionalmente utilizzati per svolgere le attività di soccorso. Per questo è indispensabile la collaborazione di tutti, la consapevolezza che nulla è stato pensato “contro” un paziente e/o i suoi famigliari ma piuttosto PER il paziente e nel rispetto dei famigliari, che quello che stiamo cercando di fare è il meglio possibile in funzione delle condizioni, (purtroppo oggi tanto mutevoli quanto imprevedibili) ed il contesto dato.

Continuate a dare fiducia a chi assiste voi e/o i vostri cari, a comprendere che i cambiamenti hanno bisogno di un oggettivo tempo di sviluppo, e dovranno essere metabolizzati, che chi opera spesso non lo fa nelle condizioni ottimali o perfette, che anche noi stessi desideriamo, si deve fare concretamente squadra, cittadini e operatori sanitari del Pronto Soccorso.
Questo è il nostro appello: seguite le indicazioni, rispettate le regole, siamo pronti ad accettare i vostri migliori consigli a che il meglio possa essere sviluppato in termini di qualità della prestazione e tempi di attesa. Sarete ascoltati.
Aiutate il Pronto Soccorso/Medicina d’Urgenza, soprattutto perché è un bene comune e quindi in qualche modo è anche vostro! Ricordate che i superpoteri non sono una dotazione di reparto e che la migliore collaborazione tra cittadini tutti, darà sicuramente i migliori risultati anche e sopratutto in termini di sicurezza e di assistenza.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 aprile, sono 138.278.420 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.973.058 i decessi. Ad oggi, oltre 825,09 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...