Contributi e Opinioni 30 Dicembre 2021 12:11

Esercitare l’osteopatia: serve la laurea?

Tra le professioni sanitarie è annoverabile l’osteopatia. Il punto alla luce di una recente sentenza

di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Esercitare l’osteopatia: serve la laurea?

L’osteopatia è una disciplina sanitaria, riconosciuta come tale dalla Legge 3/2018. In particolare, l’Art.7 individua espressamente l’osteopata – assieme al chiropratico – come nuova professione di area sanitaria. Tale articolo prevede inoltre l’istituzione di un percorso di formazione universitario adeguato per praticare l’osteopatia.

Cosa fa l’osteopata

L’osteopata è un terapeuta che pratica la manipolazione dell’apparato muscolo-scheletrico. La disciplina è funzionale alla risoluzione di problemi di tipo strutturale, quali dolori muscolari, artriti, discopatie, ecc. In genere, la terapia osteopatica è conseguente ad una diagnosi effettuata da un medico specialista, il quale può far rientrare tra le cure prescritte anche questo tipo di trattamento.

Le indicazioni del Ministero della Salute

A seguito dell’entrata in vigore della Legge 2/2018, il Ministero della Salute aveva diramato alcune indicazioni piuttosto stringenti in relazione all’esercizio della professione di osteopata. In sintesi, per praticare legittimamente l’osteopatia sarebbe stato necessario possedere la laurea in medicina e chirurgia, con successiva abilitazione in fisioterapia. I molti professionisti della disciplina, già operativi presso le strutture sanitarie pubbliche, si sono pertanto trovati in una situazione assai difficile. Di fatto, le autorità competenti avrebbero dovuto inibirli all’esercizio della professione e addirittura denunciarli per esercizio abusivo. Diffide che si sono molto spesso concretizzate.

L’opposizione alla diffida

Non tutti i professionisti osteopati hanno semplicemente accettato di essere inibiti e denunciati. Molti hanno opposto resistenza, perseguendo la via della giustizia amministrativa. In particolare, degna di rilievo è la decisione del TAR di Catania dello scorso 30 agosto 2021. La vicenda processuale vede un osteopata diffidato opporsi alla decisione dell’Azienda Sanitaria Provinciale catanese di inibirlo dall’attività lavorativa.

La sentenza del TAR

Leggendo le motivazioni della sentenza del Tribunale Amministrativo, che accoglie l’opposizione dell’osteopata, rivestono particolare interesse le seguenti osservazioni. La Corte rileva innanzitutto un profilo di incostituzionalità (in relazione agli Artt. 35 e 41) e una errata applicazione della Legge 3/2018, nonché della precedente Legge 4/2013, dedicata alla disciplina delle professioni non organizzate. I giudici evidenziano, infine, che la professione dell’osteopata “[…] non può essere assimilata alla professione medica che si estrinseca nell’individuare e diagnosticare le malattie, nel prescriverne la cura e nel somministrare i rimedi […]”.

Niente titolo abilitativo per esercitare l’osteopatia

La conclusione del TAR è che non risulta necessario, ad oggi, alcun titolo abilitativo alla professione per esercitare l’osteopatia. Peraltro, la mancata istituzione di un albo degli abilitati è un aspetto che lo stesso Ministero della Salute aveva considerato in un parere del 2002, nel quale riconosceva proprio come l’attività dell’osteopata non fosse regolamentata in Italia. Questo significa che la Legge 3/2018 è da intendersi esclusivamente come programmatica, quando in particolare dispone l’istituzione di un percorso formativo universitario abilitante. Tant’è che, ad oggi, non esiste alcun corso di laurea specifico in osteopatia.

L’osteopata di domani

Chiaramente, solo una volta istituiti il corso di laurea triennale specifico e i relativi albi professionali “[…] l’istituzione della figura professionale sanitaria dell’osteopata potrà ritenersi completata […]”. Ma sino a quel momento “[…] nessun titolo specifico potrà essere richiesto per l’esercizio dell’attività di osteopata, che resterà libero e regolato esclusivamente dalla legge 4/2013“.

Osteopatia: aspetti assicurativi

Se è pur vero che l’osteopata non è un medico, tale professionista può però incorrere in richieste di risarcimento anche onerose. La manipolazione muscolo-scheletrica, se non ben praticata, può infatti provocare traumi anche seri o peggiorare patologie preesistenti. Diviene pertanto fondamentale scegliersi una buona copertura di Responsabilità Civile Professionale, magari consultando società di intermediari assicurativi specializzate nei rischi delle professioni sanitarie, come SanitAssicura.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Radiologia domiciliare e teleradiologia, Lenza (TSRM Roma): «Svolta per decongestionare Pronto soccorso e liste di attesa»
Il Presidente della commissione d’Albo dei TSRM di Roma Andre Lenza crede nel PNRR: «Le professioni sanitarie avranno ruolo fondamentale nella sua implementazione»
di Francesco Torre
Nella scelta di un trattamento terapeutico può configurarsi il caso di colpa grave?
Il medico, innanzi a un paziente che deve esser sottoposto a cure, ha libertà di scelta sulla terapia, fermo restando che il paziente deve essere informato e concordare sulla stessa. La scelta, inoltre, deve essere fatta sui metodi e sulle terapie approvate dal mondo scientifico. Qualora il medico scegliesse, in alternativa, un rimedio che non […]
TSRM, Cornacchione (Faster): «Migliorare formazione universitaria con professori Tecnici di Radiologia»
La presidente della Federazione delle Associazioni Scientifiche dei Tecnici di Radiologia spiega: «Stiamo lavorando per creare delle basi per poter avviare le carriere universitarie anche con borse di studio che possano favorire i professionisti che vogliono avviare questo tipo di percorso»
di Francesco Torre
Nella compilazione di un questionario assicurativo cosa intendono le compagnie assicurative per atti invasivi diagnostici e terapeutici?
In fase di stipula di una polizza di assicurazione, è importante avere chiare le definizioni di atti invasivi diagnostici e terapeutici e di interventi chirurgici a cui le diverse Compagnie rimandano nel definire piani tariffari e condizioni della polizza Rc Medico. Mentre alcune Compagnie riportano indicazioni precise segnalando, tra le condizioni di una  polizza Rc […]
Il dl PNRR è legge: professionisti sanitari senza copertura assicurativa se non in regola con ECM
Anche il Senato ha votato la fiducia posta dal governo sul Dl 152/2021 “Disposizioni urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre