Contributi e Opinioni 30 Dicembre 2021 12:11

Esercitare l’osteopatia: serve la laurea?

Tra le professioni sanitarie è annoverabile l’osteopatia. Il punto alla luce di una recente sentenza

di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Esercitare l’osteopatia: serve la laurea?

L’osteopatia è una disciplina sanitaria, riconosciuta come tale dalla Legge 3/2018. In particolare, l’Art.7 individua espressamente l’osteopata – assieme al chiropratico – come nuova professione di area sanitaria. Tale articolo prevede inoltre l’istituzione di un percorso di formazione universitario adeguato per praticare l’osteopatia.

Cosa fa l’osteopata

L’osteopata è un terapeuta che pratica la manipolazione dell’apparato muscolo-scheletrico. La disciplina è funzionale alla risoluzione di problemi di tipo strutturale, quali dolori muscolari, artriti, discopatie, ecc. In genere, la terapia osteopatica è conseguente ad una diagnosi effettuata da un medico specialista, il quale può far rientrare tra le cure prescritte anche questo tipo di trattamento.

Le indicazioni del Ministero della Salute

A seguito dell’entrata in vigore della Legge 2/2018, il Ministero della Salute aveva diramato alcune indicazioni piuttosto stringenti in relazione all’esercizio della professione di osteopata. In sintesi, per praticare legittimamente l’osteopatia sarebbe stato necessario possedere la laurea in medicina e chirurgia, con successiva abilitazione in fisioterapia. I molti professionisti della disciplina, già operativi presso le strutture sanitarie pubbliche, si sono pertanto trovati in una situazione assai difficile. Di fatto, le autorità competenti avrebbero dovuto inibirli all’esercizio della professione e addirittura denunciarli per esercizio abusivo. Diffide che si sono molto spesso concretizzate.

L’opposizione alla diffida

Non tutti i professionisti osteopati hanno semplicemente accettato di essere inibiti e denunciati. Molti hanno opposto resistenza, perseguendo la via della giustizia amministrativa. In particolare, degna di rilievo è la decisione del TAR di Catania dello scorso 30 agosto 2021. La vicenda processuale vede un osteopata diffidato opporsi alla decisione dell’Azienda Sanitaria Provinciale catanese di inibirlo dall’attività lavorativa.

La sentenza del TAR

Leggendo le motivazioni della sentenza del Tribunale Amministrativo, che accoglie l’opposizione dell’osteopata, rivestono particolare interesse le seguenti osservazioni. La Corte rileva innanzitutto un profilo di incostituzionalità (in relazione agli Artt. 35 e 41) e una errata applicazione della Legge 3/2018, nonché della precedente Legge 4/2013, dedicata alla disciplina delle professioni non organizzate. I giudici evidenziano, infine, che la professione dell’osteopata “[…] non può essere assimilata alla professione medica che si estrinseca nell’individuare e diagnosticare le malattie, nel prescriverne la cura e nel somministrare i rimedi […]”.

Niente titolo abilitativo per esercitare l’osteopatia

La conclusione del TAR è che non risulta necessario, ad oggi, alcun titolo abilitativo alla professione per esercitare l’osteopatia. Peraltro, la mancata istituzione di un albo degli abilitati è un aspetto che lo stesso Ministero della Salute aveva considerato in un parere del 2002, nel quale riconosceva proprio come l’attività dell’osteopata non fosse regolamentata in Italia. Questo significa che la Legge 3/2018 è da intendersi esclusivamente come programmatica, quando in particolare dispone l’istituzione di un percorso formativo universitario abilitante. Tant’è che, ad oggi, non esiste alcun corso di laurea specifico in osteopatia.

L’osteopata di domani

Chiaramente, solo una volta istituiti il corso di laurea triennale specifico e i relativi albi professionali “[…] l’istituzione della figura professionale sanitaria dell’osteopata potrà ritenersi completata […]”. Ma sino a quel momento “[…] nessun titolo specifico potrà essere richiesto per l’esercizio dell’attività di osteopata, che resterà libero e regolato esclusivamente dalla legge 4/2013“.

Osteopatia: aspetti assicurativi

Se è pur vero che l’osteopata non è un medico, tale professionista può però incorrere in richieste di risarcimento anche onerose. La manipolazione muscolo-scheletrica, se non ben praticata, può infatti provocare traumi anche seri o peggiorare patologie preesistenti. Diviene pertanto fondamentale scegliersi una buona copertura di Responsabilità Civile Professionale, magari consultando società di intermediari assicurativi specializzate nei rischi delle professioni sanitarie, come SanitAssicura.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Calandra (TSRM PSTRP): «Il nuovo Ministro continui ad ascoltare le professioni»
La Presidente della Federazione multialbo delle professioni sanitarie sottolinea: «Il DM77 è un punto di partenza, ma ci aspettiamo che le nostre professioni siano chiamate in varietà e numero sufficiente a garantire tutti i servizi che è possibile erogare sul territorio». Poi annuncia l’istituzione di un tavolo paritetico con la FNOMCeO su libera professione e sanità territoriale
di Francesco Torre
IV Giornata nazionale della sicurezza delle cure, tre lectio magistralis nel webinar della FNO TSRM PSTRP celebra
La giornata è stata ufficialmente istituita nel nostro Paese con direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 4 aprile 2019. All'evento interverranno alcuni tra i massimi esperti mondiali di sicurezza delle cure e della persona assistita: Renè Amalberti, Peter Lachman e Jeffrey Braithwaite
Professioni sanitarie: chi si aggiudicherà gli oltre 30 mila posti disponibili?
Le possibilità di accesso, rispetto allo scorso anno, sono aumentate del 7,4%, per un totale di 32.884. In vetta alla classifica, con il maggior numero di posti disponibili, c’è l’infermieristica che potrà accogliere 19.375 aspiranti infermieri. A Sanità Informazione i sogni nel cassetto e il parere degli studenti su difficoltà dei test e numero chiuso
Terapisti delle neuro e psicomotricità dell’età evolutiva: più di 8 su 10 trovano lavoro subito dopo la laurea
Bonifacio (CDN): «Se è vero che chi si laurea in questo ambito trova facilmente un impiego è altrettanto vero che questo nella maggior parte dei casi non è né stabile, né rispondente alle aspettative del professionista sanitario. Si tratta di contratti a tempo determinato o collaborazioni libero professionali in ambito privato. Nel SSN c’è solo un terpista ogni 165 mila pazienti»
Nascita indesiderata e responsabilità medica
Quando si ha responsabilità medica in una nascita indesiderata? Cosa sostiene la Cassazione in una recente sentenza
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi