Contributi e Opinioni 16 Dicembre 2019

ECM, Perciballi (TSRM e PSTRP): «Rispettare obbligo per accrescere rapporto di fiducia e diminuire contenzioso»

Di Laila Periballi, Referente TSRM e PSTRP per i rapporti con la cittadinanza

Sulla formazione continua in medicina, molto si è già detto, e ribadisco che non dovrebbe essere un obbligo giuridico, ma un dovere morale, una risposta all’impegno assunto di svolgere la professione medica e sanitaria secondo scienza e coscienza. Il progetto Codice Etico è la corretta strada per creare il trait d’union tra l’articolato mondo delle professioni mediche e sanitarie e quello della cittadinanza.

Come si è ribadito anche al XXII Congresso Nazionale Unpisi, “insieme facciamo la differenza” e quindi è necessario camminare insieme per (ri)costruire l’alleanza con le persone.

Per poter costruire questa alleanza è necessario rinsaldare il rapporto di fiducia, e per giungere a ciò è necessario porre alla base della relazione una corretta comunicazione. Affinché ci sia una comunicazione efficace ci vede essere una corretta informazione.

LEGGI ANCHE: CODICE ETICO PROFESSIONI SANITARIE, L’AVVOCATO PERCIBALLI: «ECCO IL DECALOGO, SI PARTE DALLA PAROLA ‘PERSONA’»

Perché l’informazione sia corretta, deve esserci “la garanzia della pertinente adeguata formazione, peraltro prevista dalle stesse norme”; difatti, un’informazione veritiera, corretta ed aggiornata può essere tale solo se – in un mondo in continua evoluzione, si pensi alle problematiche etiche che pone l’intelligenza artificiale e la robotica – gli esercenti le professioni sanitarie soddisfano il bisogno formativo previsto dalla normativa sugli Ecm.

Solo una adeguata formazione permette di dar luogo ad una aggiornata informazione capace di consentire alla persona di esercitare correttamente il diritto all’autodeterminazione personale e quindi prestare il proprio consenso in maniera consapevole ed “informata” (nel rispetto anche dell’art. 1 legge 219/2017 sul consenso informato, sebbene previsto per le DAT).

Se tutte queste premesse saranno rispettate, si rafforzerà il rapporto di fiducia e, quindi, non ci sarà necessità di ricorrere alla medicina difensiva da parte degli esercenti le professioni sanitarie e non ci sarà nessun conflitto nella relazione, con facile accesso alle procedure di conciliazione invece che dar luogo a conflitti nelle aule giudiziarie.

Come ha osservato il Presidente della Federazione TSRM e PSTRP Alessandro Beux, stiamo lavorando bene e continueremo a farlo subito dopo le festività; pertanto, fin da ora vi annuncio che verrà convocata una videoconferenza per il 20 o il 22 Gennaio 2020 per discutere dei prossimi passi del progetto. Nel mentre, ovviamente il cammino di Codice Etico non si ferma, difatti sarò presente al Convegno di Pisa del 18 Gennaio intitolato “L’Albo degli igienisti dentali e Maxi-Albo: struttura, regole, progetti, opportunità” per informare i professionisti della salute su tutti i nuovi aspetti legali, professionali, formativi e sulle opportunità che l’appartenenza all’Albo comporta, con la possibilità di chiarire ogni aspetto etico – legale della professione. Sarà anche un’opportunità per conoscere i rappresentanti (Commissioni d’albo) appena insediati in seno ai tre Ordini. Con l’occasione, ringrazio la grande famiglia “Codice etico” per avermi dato l’onore e l’opportunità di guidare questo importante progetto.

Articoli correlati
Coronavirus, Bonaccini apre a tavolo di confronto con professioni sanitarie. Beux (TSRM e PSTRP): «Non lasceremo sole le famiglie»
Il Presidente della Conferenza Stato-regioni ha manifestato «la disponibilità delle Regioni a voler costituire il tavolo di confronto richiesto dalla Federazione», Le referente della FNO TSRM e PSTRP Laila Perciballi: «Si è dato un immediato riscontro alle richieste avanzate alle Istituzioni in merito all’assenza di dispositivi di sicurezza ed alla mancata effettuazione dei tamponi al personale sanitario»
Coronavirus, maxi Ordine Professioni sanitarie: «Chiediamo tavolo di conciliazione per risarcimento a professionisti contagiati»
Il presidente della FNO TSRM e PSTRP Beux: «Le carenze del SSN e la mancanza dei giusti dispositivi di sicurezza ha provocato il contagio di migliaia di professionisti sanitari». L’avvocato Perciballi: «Il Ssn e le competenti istituzioni avrebbero dovuto mettere in campo tutti gli interventi più efficaci per prevenire l’infezione del personale sanitario e, dato che non è accaduto, devono assumersene la responsabilità»
Come posso controllare i miei crediti?
L’anagrafe dei crediti di ogni professionista sanitario è gestita dal Co.Ge.A.P.S., l’ente preposto alla certificazione dei crediti ECM. È possibile iscriversi all’anagrafe Co.Ge.A.P.S. tramite il portale http://wp.cogeaps.it/ .
Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?
La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso materiale cartaceo, può essere somministrato con modalità di verifica diversa da quella on-line. Il Provider, sulla base delle indicazioni formulate dal Comitato scientifico o dal Responsabile scientifico dell’evento, rende […]
Che cos’è la formazione individuale?
Le attività di “formazione individuale” comprendono tutte le attività formative non erogate da provider accreditati ECM, e possono consistere in: attività di ricerca scientifica, tutoraggio individuale, attività di formazione individuale all’estero e autoformazione. Per maggiori dettagli è possibile consultare il Capitolo 3 (Formazione individuale) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 aprile, sono 1.120.752 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 58.982 i decessi e 227.019 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...