Contributi e Opinioni 4 Maggio 2020 16:02

Covid-19, la lettera aperta di 100mila medici al ministro Speranza

dei moderatori e referenti del gruppo Facebook “Coronavirus, Sars-CoV-2 e COVID-19 gruppo per soli medici”

di referenti del gruppo Facebook “Coronavirus, Sars-CoV-2 e COVID-19"

Siamo i medici moderatori referenti del gruppo Facebook “Coronavirus, Sars-CoV-2 e COVID-19 gruppo per soli medici” che conta quasi centomila medici e trentuno moderatori colleghi medici, ricercatori e professori in Italia e all’estero.

Lo scopo della nostra comunità è di condividere informazioni di carattere medico-scientifico sulle peculiarità del virus SARS-CoV-2, sulla diagnosi della COVID-19 e sui possibili trattamenti farmacologici, in un confronto serrato e continuo delle esperienze acquisite dai vari membri.

L’emergenza sanitaria COVID-19 ha messo drammaticamente alla luce le enormi carenze assistenziali della medicina territoriale in Italia; alla base vi è il definanziamento del sistema sanitario da oltre dieci anni; questo dato, associato alla Riforma del Titolo V della Costituzione, ha provocato una inevitabile e spaventosa carenza del personale sanitario ed una intollerabile e drammatica iniquità dei servizi sanitari offerti ai cittadini nelle diverse regioni italiane. Alla preoccupante crisi che investe il nostro sistema sanitario, va aggiunta una obsoleta formazione specialistica post-lauream, che ha portato moltissimi colleghi giovani medici a proseguire i propri studi all’estero.

I problemi sopracitati, le decine di migliaia di persone decedute a causa della malattia COVID-19, il non invidiabile primato mondiale italiano del contagio degli operatori sanitari rappresentano la spinta che ci ha condotto a scrivere oggi al Ministro Roberto Speranza.

LEGGI LA LETTERA AL MINISTRO SPERANZA

Con questa lettera, On. Speranza, Le chiediamo di essere ascoltati per un atto concreto di riconoscimento e valorizzazione del nostro operato ed in generale della nostra categoria, dai giovani medici preoccupati che la propria formazione post-lauream non possa essere all’altezza dei colleghi europei, ai medici impegnati sul campo, gli “eroi” e le “eroine” di oggi, disposti fin dall’inizio dell’epidemia ad assumersi ogni responsabilità e rischio per vocazione alla professione.

Le chiediamo, in particolare, di prendere in considerazione l’iniziativa, nata dalla comunità “Coronavirus, Sars-CoV-2 e COVID-19 gruppo per soli medici”, di portare alla luce alcuni importanti aspetti su cinque temi che interessano particolarmente la sanità italiana oggi, le cui criticità sono state drammaticamente evidenziate nel corso degli ultimi mesi: medicina territoriale, telemedicina, farmacologia e protocolli terapeutici, formazione post-lauream, odontoiatria e libere professioni.

Questi aspetti, sotto forma di proposte, sono stati raccolti nel documento che Le alleghiamo.

LEGGI TUTTE LE PROPOSTE

Il testo del documento è il frutto dell’organizzazione e dell’elaborazione, da parte di alcuni moderatori referenti, di oltre 2000 commenti ai post di lancio dell’iniziativa pubblicati sul gruppo in data 19 aprile, delle chat e degli appunti delle videocall a cui hanno partecipato i moderatori referenti e i membri dei relativi gruppi di lavoro nelle scorse giornate di venerdì 24 e sabato 25 aprile.

Pertanto, sottoponiamo alla Sua attenzione le proposte sui cinque temi sopracitati, sperando che le nostre richieste vengano ascoltate e condivise.

Esprimendo la nostra fiducia, certi di poter contare sul Suo appoggio, La salutiamo cordialmente.

 

I medici moderatori referenti e membri dei gruppi di lavoro

Articoli correlati
Smi, Cgil Medici e Simet a Speranza: «Rilanciare medicina generale con contratto innovativo e dignitoso»
Pina Onotri, Andrea Filippi e Mauro Mazzoni, in rappresentanza dei tre sindacati, scrivono una lettera al Ministro della Salute sul contratto dei MMG e sul Pnrr
Elezioni amministrative, ecco i professionisti della salute in corsa
Sono oltre 12 milioni gli elettori chiamati al voto per rinnovare i consigli comunali in più di 1100 comuni. Al voto anche la regione Calabria. Numerosi i medici e i professionisti sanitari tra i candidati
di Francesco Torre
Rinnovo CCNL: «Farmacisti collaboratori patrimonio fondamentale della farmacia italiana»
Raggiunto l’accordo per il rinnovo del contratto di lavoro dei farmacisti collaboratori tra Federfarma e le Organizzazioni sindacali dei dipendenti delle farmacie private
Ogni anno i medici regalano all’azienda 10 milioni di ore di straordinario e 5 di ferie arretrate. Il report Anaao
Complice la pandemia e la cronica carenza di personale, i diritti dei medici e dirigenti sanitari vengono sempre meno rispettati e nel 64,2% dei casi le ore in eccedenza non vengono neppure pagate
Poliambulanza Brescia: «Sospesi 21 sanitari no vax, tra di loro nessun medico»
Sono ad oggi 21 su 2.045 gli operatori sanitari di Poliambulanza, struttura ospedaliera di Brescia, privata accreditata con il Servizio sanitario nazionale, sospesi perché risultati non vaccinati contro Covid. «Pochissimi», commenta l’azienda in una nota in cui ha diffuso i numeri dei procedimenti avviati. Fra i dipendenti in questione nessun medico, viene precisato. Gli operatori […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco