Contributi e Opinioni 17 gennaio 2018

Contratto, usciamo dal balletto ipnotico, basta con le giravolte Stato-Regioni!

di Aldo Grasselli, presidente FVM (Federazione Veterinari e Medici)

di Aldo Grasselli Presidente FVM

«L’ARAN ci convochi, distribuisca subito, con un contratto ponte, le poche risorse di cui dispone realmente sulle parti fisse degli stipendi e l’anno prossimo entriamo nel merito del vero contratto normativo ed economico 2019/2021.
Il continuo rimbalzo di responsabilità tra Governo e Regioni non si può più sopportare. Come una cambiale che non si vuole onorare, i ministri sganciano le responsabilità sul contratto alle Regioni, le Regioni chiedono soldi ai ministri per poter onorare il loro obbligo datoriale di rinnovare i contratti. Nel mentre incombe e condiziona il lessico politico una campagna elettorale stucchevole nella quale sembrano diventate possibili imprese sino a dicembre impossibili. I medici i veterinari, i farmacisti i dirigenti sanitari sono sul piede di guerra, ma hanno ben due fronti mobili contro i quali misurarsi. Non sarà una partita facile, ma soprattutto se non ci sarà una immediata risposta sul piano economico (la più semplice ancorché irrisoria) l’esito finale sarà con tutta probabilità ancora una volta trascinato oltre l’anno. Questo sarebbe estremamente demotivante per il personale del Ssn che ha retto questi dieci anni di crisi e definanziamento sopperendo alle richieste dell’utenza, proteggendo la salute con una prevenzione ancora per poco efficace, mentre i politici – dopo una finanziaria di mance che ha dimenticato la sanità – stanno blandendo tutti con promesse temerarie. Dopo 10 anni di attesa, mancando risorse fresche (la legge di bilancio eroga qualcosina dal 2019), quindi tutt’al più, si può affrontare nell’immediato solo un “contratto ponte” meramente economico per chiudere in quest’anno, con le poche risorse presenti in cassa (appena sufficienti per distribuire gli 80 euro, ormai mitologici come la battaglia del grano e la tessera del pane) la partita economica degli arretrati sino al 2018. A fine anno valuteremo la legge di bilancio del nuovo governo, frutto della maggioranza imprevedibile che uscirà da questa munifica campagna elettorale, per verificare la rispondenza degli atti economici del governo alle promesse di questi giorni. Solo a quel punto – nel 2019 – potremo considerare di negoziare le innovazioni normative del prossimo contratto (ormai 2019/2021) che sembrano essere così importanti per i tecnici delle Regioni e che sicuramente stanno molto a cuore anche a chi nel Ssn ci lavora. Senza investimenti non si fanno riforme, e nel caso della dirigenza medica, veterinaria e sanitaria, il contratto, che rappresenta il principale strumento per innovare i modelli funzionali e le linee di produzione della salute, potrà essere innovativo ed efficace solo se le Regioni rimetteranno in circolo le risorse che in questi 10 anni hanno risparmiato sul personale».

Articoli correlati
Sciopero medici, adesione tra 80 e 90%. Sindacati: «Senza risposte ci fermeremo anche a dicembre». E Grillo li convoca: «Accoglieremo loro istanze»
Forte adesione anche tra gli anestesisti: hanno aderito in 12mila. Il Ministro della Salute annuncia: «Passi avanti su contratto, nelle prossime settimane ci sarà annuncio». Anelli (Fnomceo): «Medici stufi, ma dimostrano loro attaccamento a SSN»
L’industria alimentare scrive al Governo: “No a sciopero veterinari AUSL: rischio paralisi e difficoltà di approvvigionamento carni”
Le Associazioni dell’industria alimentare Assocarni, Unaitalia e Assica hanno scritto al Governo una lettera per segnalare che la sospensione del servizio ispettivo da parte dei servizi veterinari delle AUSL in occasione dello sciopero del 23 novembre comporterà la paralisi dell’industria della macellazione con conseguente difficoltà di approvvigionamento delle carni al consumo e sosta forzata degli animali, con prevedibili […]
Lavoro, turnover, legge di bilancio. Il punto di Grasselli (SIVeMP): «Situazione allarmante, 40% sanitari in pensione nei prossimi 5 anni»
Tutte le preoccupazioni del Sindacato Veterinari Pubblici espresse nel corso del 50° Congresso Nazionale: «È bene che il Governo ascolti e risponda ai nostri allarmi per il bene del Paese»
Protesta medici, Bonfili (UIL): «Sanità allo stremo. Sbloccare assunzioni, in ospedale camici bianchi più giovani hanno 55-56 anni»
Il Coordinatore Nazionale Medici della UIL FPL indica due priorità: rinnovo del contratto e aumento delle borse di specializzazione. Poi sottolinea: «Cittadinanza non percepisce disagio per spirito di dedizione della categoria»
AREU, Fimmg Emergenza Puglia dichiara lo stato di agitazione: «Non tutelati i posti di lavoro di oltre 400 medici del 118»
La Fimmg settore Emergenza Puglia ha dichiarato lo stato di agitazione per i 400 medici convenzionati impiegati nel servizio 118 perché rischiano di trovarsi senza lavoro da un giorno all’altro. «In seguito all’incontro con i vertici sanitari regionali, avvenuto in seno al Comitato permanente regionale e dedicato alla presentazione dell’AREU, è emerso che gli oltre 400 medici […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...