Contributi e Opinioni 2 Marzo 2020

«C’è un’emergenza coronavirus e un’emergenza aggressioni in sanità. Se la Camera blocca il Ddl, intervenga il Ministro»

di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio

Gentile Direttore,

sembrava che la missione fosse ormai compiuta e che la Camera ormai fosse pronta per dare il via libera al Ddl in materia di aggressioni ai medici e agli operatori della sanità.

Sembrava mancasse davvero poco considerato che anche sulle corazzate dell’editoria, ma questo accadeva prima dell’emergenza coronavirus, si erano lette frasi come “battaglia di civiltà”, “zero tolleranza”, “galera per gli aggressori”, “procedibilità d’ufficio”, “repressione del fenomeno e certezza della pena”.

Come Cisl Medici Lazio eravamo soddisfatti di quanto realizzato con la nostra campagna di sensibilizzazione mediatica sul fenomeno aggressioni ai medici ed agli infermieri e la nostra pagina Facebook riporta quello che, a rischio di sembrare ossessivi, abbiamo denunciato da tempo. E mi creda, non sono mancate le critiche di chi ci ha detto che avevamo esagerato nel denunciare questo fenomeno.

Abbiamo esagerato? Consiglio ai benpensanti di andare a leggere cosa è successo poche ore fa a Napoli con il pronto soccorso dell’ospedale Vecchio Pellegrini devastato.

Adesso è il momento del coronavirus ed è possibile che la Camera decida di interrompere i lavori per una bella disinfezione globale. Però ricordiamo che il Ministro della Salute aveva promesso un decreto urgente se i tempi alla Camera si fossero ulteriormente allungati per l’approvazione della legge specifica. C’è una emergenza coronavirus e c’è, da troppo tempo, una emergenza aggressioni agli operatori sanitari.

I nostri politici hanno il dovere, termine forse poco conosciuto, di rispondere con immediatezza. Li paghiamo per questo e non per spartirsi le poltrone, fare dichiarazioni inconcludenti e mettersi in vetrina con le loro facce sorridenti.

Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio

Articoli correlati
Tamponi, Cisl Medici Lazio: «Bene Raggi su screening per senza fissa dimora, ma non dimenticatevi dei sanitari»
«La Cisl Medici Lazio e di Roma Capitale/Rieti – dichiarano Luciano Cifaldi, segretario della Cisl Medici Lazio, e Benedetto Magliozzi, segretario della Cisl Medici di Roma Capitale/Rieti – esprime apprezzamento per la richiesta del sindaco di Roma di sottoporre al tampone per il Covid-19 le persone senza fissa dimora che si trovano nell’area della stazione […]
Aggressioni, Cifaldi (Cisl medici Lazio): «Sono tornate ben prima di quanto ci aspettassimo»
Lavorano in condizioni difficili, molti  di loro sono stati contagiati dal Covid-19, alcuni sono deceduti. Ma il rischio per i camici bianchi è passare da eroi a carnefici. Si parla, infatti, delle prime denunce e azioni giudiziarie. LEGGI ANCHE: «BUONA FORTUNA A TUTTI NOI, MEDICI E OPERATORI SANITARI» «Il declino della professione medica – spiega in […]
«Urgenti chiarimenti e rispetto obblighi di legge». Cisl Medici Lazio scrive lettera alla Regione Lazio
Luciano Cifaldi, segretario generale del sindacato Cisl Medici Lazio, richiede urgenti chiarimenti e l’invito ad ottemperare agli obblighi derivanti dal D.Lgs. 81/2008 comprensivi dell’atto di diffida  alla Regione Lazio. Di seguito, il testo. LEGGI LA LETTERA ALLA REGIONE «La Cisl medici Lazio – si legge nella lettera – chiede di verificare se presso tutte le […]
«Buona fortuna a tutti noi, medici e operatori sanitari»
Buona fortuna a tutti noi che continuiamo a stare in prima linea e non abbiamo più tempo per noi stessi e per i nostri cari, figuriamoci per vedere i meme sul telefonino
di Luciano Cifaldi, Segretario Cisl Medici Lazio
«Mancano mascherine FFP2 e FFP3». Cisl Medici Lazio diffida l’assessore alla Sanità e il Direttore regionale Salute
Il segretario generale Luciano Cifaldi: «Sia attentamente valutata l'opportunità di effettuare tamponi a tutti coloro che siano stati in contatto con pazienti Covid-19 positivi indipendentemente dal fatto che siano sintomatici o meno»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 aprile, sono 1.275.856 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 69.514 i decessi e 262.999 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...