Contributi e Opinioni 2 Marzo 2020

«C’è un’emergenza coronavirus e un’emergenza aggressioni in sanità. Se la Camera blocca il Ddl, intervenga il Ministro»

di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio

Gentile Direttore,

sembrava che la missione fosse ormai compiuta e che la Camera ormai fosse pronta per dare il via libera al Ddl in materia di aggressioni ai medici e agli operatori della sanità.

Sembrava mancasse davvero poco considerato che anche sulle corazzate dell’editoria, ma questo accadeva prima dell’emergenza coronavirus, si erano lette frasi come “battaglia di civiltà”, “zero tolleranza”, “galera per gli aggressori”, “procedibilità d’ufficio”, “repressione del fenomeno e certezza della pena”.

Come Cisl Medici Lazio eravamo soddisfatti di quanto realizzato con la nostra campagna di sensibilizzazione mediatica sul fenomeno aggressioni ai medici ed agli infermieri e la nostra pagina Facebook riporta quello che, a rischio di sembrare ossessivi, abbiamo denunciato da tempo. E mi creda, non sono mancate le critiche di chi ci ha detto che avevamo esagerato nel denunciare questo fenomeno.

Abbiamo esagerato? Consiglio ai benpensanti di andare a leggere cosa è successo poche ore fa a Napoli con il pronto soccorso dell’ospedale Vecchio Pellegrini devastato.

Adesso è il momento del coronavirus ed è possibile che la Camera decida di interrompere i lavori per una bella disinfezione globale. Però ricordiamo che il Ministro della Salute aveva promesso un decreto urgente se i tempi alla Camera si fossero ulteriormente allungati per l’approvazione della legge specifica. C’è una emergenza coronavirus e c’è, da troppo tempo, una emergenza aggressioni agli operatori sanitari.

I nostri politici hanno il dovere, termine forse poco conosciuto, di rispondere con immediatezza. Li paghiamo per questo e non per spartirsi le poltrone, fare dichiarazioni inconcludenti e mettersi in vetrina con le loro facce sorridenti.

Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio

Articoli correlati
Ddl Aggressioni, ok da Commissione sanità del Senato: fino a 5mila euro di multa e 16 anni di carcere
Approvazione definitiva ad un passo. Tra le novità, un Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie e una giornata nazionale per sensibilizzare l’opinione pubblica
Asl Roma 2, i dirigenti sanitari vicini allo sciopero per il taglio dei 10 minuti di pausa
Magliozzi (Cisl Medici Roma Capitale/Rieti): «Sono 5 anni che lottiamo con i colleghi del Sant'Eugenio, ora si sono uniti quelli del Pertini» 
di Vanessa Seffer
Cisl Medici Lazio: «Il Servizio sanitario regionale pubblico è stato abbandonato»
L'accusa della Cisl Medici Lazio: «Ripartenza doveva servire per riorganizzare, invece ha aperto agli acquisti da privati di tutte le prestazioni di specialistica ambulatoriale»
Spari al San Camillo di Roma, uomo danneggia macchinari e Pronto Soccorso. Cisl Medici: «Inferno per i lavoratori»
L’ennesimo episodio di brutalità e follia è avvenuto all’ospedale San Camillo di Roma, che ha registrato gravissimi danni ai locali, alle apparecchiature e alle vetrate della struttura. Dopo essere stato sottoposto ad accertamenti radiologici, si è armato di un estintore e ha devastato le porte e le finestre dei locali del codice rosso, il locale […]
Violenza camici bianchi, parla un medico aggredito: «Da eroi a capri espiatori. Ddl potrebbe non bastare»
David Di Lello, anestesista rianimatore all’ospedale Veneziale di Isernia: «Siamo l’oggetto della rabbia, il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario è ormai dilagante. Come porvi un freno? Rifinanziando la sanità pubblica e rivalutando il ruolo sociale del medico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 luglio, sono 12.270.172 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 554.953 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 10 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)