Contributi e Opinioni 13 Maggio 2019

Carenza medici, la proposta di Manuel Monti (Simedet): «Più borse specializzazione e unire reparti urgentisti a medicina interna»

di Manuel Monti, Vicepresidente Simedet

Unire la medicina d’urgenza e quella interna per garantire una rotazione tra i medici. È una delle proposte lanciate da Manuel Monti, Vicepresidente della Simedet, Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica, per risolvere il tema della carenza medici. Monti boccia invece l’idea di reclutare gli specializzandi prima della fine del percorso di specializzazione. Ecco l’intervista rilasciata a Sanità Informazione a margine del convegno “Articolo 32: La Repubblica tutela la Salute”.

«Sicuramente la carenza dei medici, soprattutto dei medici urgentisti, è sentita, sta diventando sempre più un problema. L’idea di utilizzare gli specializzandi per la Simedet non è la soluzione idonea perché loro sono nel periodo di formazione, devono fare degli affiancamenti con dei maestri e dei tutor e non possono sostituire in nessuna maniera gli strutturati. Ci sono varie soluzioni, come quella di unire la parte urgentista al reparto di medicina interna in modo che ci sia un cambio, una rotazione tra i medici della medicina interna e della medicina d’urgenza. In questo modo il paziente verrebbe seguito anche dagli stessi colleghi. Dall’altro canto abbiamo molti medici del 118 che da anni tengono in piedi i Pronto soccorso periferici: mentre lavorano possono entrare nelle scuole di specializzazione gratuitamente. Questa è una soluzione a costo zero che permetterebbe loro di partecipare ai concorsi e vincere».

«L’idea di reclutare i medici in pensione è una soluzione ponte ma serve una pianificazione come l’aumento delle borse di specializzazione con più risorse economiche o altre soluzioni. I medici anziani potrebbero avere il doppio ruolo di lavorare come tutor a fianco dei medici giovani».

Articoli correlati
Carenza medici, Luca Zaia: «Concorsi deserti in Veneto, problema grave». Marini (Acoi): «Parole di verità, noi pronti a piano straordinario»
Il presidente dell’Associazione nazionale dei chirurghi ospedalieri commenta le parole di Luca Zaia: «Pronti a fornire il nostro contributo alle Regioni così come al Ministero per mettere in campo azioni urgenti che evitino che si superi il livello di guardia e accelerare i tempi di una indispensabile e seria riforma della formazione professionale»
Specialisti ambulatoriali, la Campania è senza Accordo Integrativo Regionale. Peperoni (Sumai): «Campani hanno poche strutture di riferimento»
Il Vice Presidente nazionale Sumai sottolinea: «In mancanza di un Accordo Integrativo - spiega - resta difficile far lavorare al meglio questi specialisti». Il segretario campano Buoninconti aggiunge: «Manca volontà di investire sul territorio, auspichiamo fine del Commissariamento ed equa ridistribuzione dei fondi»
Carenza medici, l’appello di Leoni (FNOMCeO): «Cittadini e professionisti combattano insieme per un SSN adeguato»
Il vicepresidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici: «Cosa stiamo aspettando? I medici italiani scappano all’estero o nel privato e gli stranieri non vogliono più venire a lavorare nel nostro Paese. Dovrebbero essere previsti aumenti stipendiali importanti per riconoscere il disagio professionale di alcune branche»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Carenza medici, Tuzi (M5S): «Con noi record di borse di specializzazione. Viceministro Fioravanti al lavoro per soluzione»
In una interpellanza urgente al viceministro del Miur, Lorenzo Fioramonti, il deputato Cinque Stelle, che ha ricevuto garanzia da parte del viceministro Miur Fioramonti, ha sottolineato: «Il prossimo anno ci saranno 24mila potenziali nuovi candidati e il sistema Universitario attualmente non è in grado di formare più di 11mila medici, va fatto un cambio di passo»
Emergenza-urgenza, quella specialità che tutti evitano. Fera (Simeu e Cisl): «Riconoscere il disagio lavorativo nel contratto»
Il segretario della Società italiana Medicina di emergenza urgenza sottolinea: «È uno dei più bei lavori che ci siano perché tra i più completi però è anche uno dei più pesanti». Poi aggiunge: «Al Pronto soccorso servono medici specialisti, non può andare un medico qualsiasi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...