Contributi e Opinioni 8 Novembre 2019

“Non sapeva il tedesco”, in Alto Adige medici contro manifesto. Cisl: «La tutela del bilinguismo non significa diritto di offendere»

Di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio

Gentile Direttore, ritengo non le sfugga la gravità del fenomeno delle aggressioni ai medici ed agli infermieri. Come segreteria della Cisl Medici Lazio abbiamo scritto al Ministro degli Interni, ai Prefetti delle cinque province, ai politici regionali. Ne sono derivate riunioni dei comitati per l’ordine e la sicurezza, sono state presentate interrogazioni bipartisan nel Consiglio Regionale del Lazio, abbiamo ricevuto solidarietà ed incoraggiamenti ad andare avanti in questa che ritengo sia una battaglia di civiltà e non un esercizio di bottega per fare qualche iscritto in più.

Abbiamo comunicato di avere deciso di costituirci parte civile, e lo faremo, in caso di aggressione ad un collega iscritto al nostro sindacato. Abbiamo chiesto il presidio della Polizia di Stato negli ospedali, l’inasprimento delle pene e la tolleranza zero nei confronti di chi delinque aggredendo un operatore sanitario. Ad un certo punto abbiamo tirato le somme di questo percorso di denuncia e di sensibilizzazione rischiando per un attimo di ritenerci soddisfatti di quanto avevamo messo in moto da un punto di vista mediatico.

Però, anche a causa del silenzio della politica, ancora non vediamo risultati concreti a fronte dell’aumento delle aggressioni come numero e come tipologia delle stesse. E allora abbiamo deciso di non abbassare la guardia, di andare avanti nonostante la stanchezza ed il rischio che l’opinione pubblica possa assuefarsi a queste notizie e rigettarle con un meccanismo psicologico di rimozione.

Quando un medico è aggredito nell’esercizio delle sue attività finalizzate al bene del paziente sarebbe opportuno che si possa procedere d’ufficio e non a querela di parte. Avere la certezza che i tuoi datori di lavoro, l’Azienda Sanitaria e la Regione, si costituiscono parte civile nel procedimento penale verso gli aggressori darebbe vigore al senso di appartenenza che ormai è da ritenersi nullo.

Siamo consapevoli che possiamo sbagliare e che i nostri sbagli di diagnosi e cura possono avere effetti devastanti per i pazienti e le loro famiglie. Ma in questo caso interviene la Magistratura e non certo la giustizia fai da te di qualche vendicatore in stile Far West. Ma ormai siamo giunti alla frutta considerato che accade di leggere la sgradevolissima notizia di manifesti diffusi in Alto Adige che veicolano un messaggio che di fatto si rivolge contro i medici assunti a tempo determinato in quella Provincia, sembra siano almeno 200, e che devono conseguire un patentino di bilinguismo entro tre anni per potere poi accedere ad una procedura per assunzione a tempo indeterminato.

L’immagine dei piedi di un cadavere “Il medico non conosceva il tedesco”. Il cartellino attaccato al piede del paziente morto dice “Qui muore il diritto all’uso della madrelingua”. Sotto, in campo rosso è invece scritto “Per capire e ben gestire i pazienti i medici in Alto Adige devono parlare tedesco. Combattiamo per i tuoi diritti”.

La Cisl Medici ha prontamente censurato questi volgarissimi poster e questo la dice lunga sulla battaglia di civiltà che stiamo portando avanti. Comunque non molliamo e confido che riusciremo a convincere l’opinione pubblica, la politica e le Istituzioni che non siamo carne da macello da gettare in pasto a qualche facinoroso.

Articoli correlati
Tamponi, Cisl Medici Lazio: «Bene Raggi su screening per senza fissa dimora, ma non dimenticatevi dei sanitari»
«La Cisl Medici Lazio e di Roma Capitale/Rieti – dichiarano Luciano Cifaldi, segretario della Cisl Medici Lazio, e Benedetto Magliozzi, segretario della Cisl Medici di Roma Capitale/Rieti – esprime apprezzamento per la richiesta del sindaco di Roma di sottoporre al tampone per il Covid-19 le persone senza fissa dimora che si trovano nell’area della stazione […]
Aggressioni, Cifaldi (Cisl medici Lazio): «Sono tornate ben prima di quanto ci aspettassimo»
Lavorano in condizioni difficili, molti  di loro sono stati contagiati dal Covid-19, alcuni sono deceduti. Ma il rischio per i camici bianchi è passare da eroi a carnefici. Si parla, infatti, delle prime denunce e azioni giudiziarie. LEGGI ANCHE: «BUONA FORTUNA A TUTTI NOI, MEDICI E OPERATORI SANITARI» «Il declino della professione medica – spiega in […]
«Urgenti chiarimenti e rispetto obblighi di legge». Cisl Medici Lazio scrive lettera alla Regione Lazio
Luciano Cifaldi, segretario generale del sindacato Cisl Medici Lazio, richiede urgenti chiarimenti e l’invito ad ottemperare agli obblighi derivanti dal D.Lgs. 81/2008 comprensivi dell’atto di diffida  alla Regione Lazio. Di seguito, il testo. LEGGI LA LETTERA ALLA REGIONE «La Cisl medici Lazio – si legge nella lettera – chiede di verificare se presso tutte le […]
«Buona fortuna a tutti noi, medici e operatori sanitari»
Buona fortuna a tutti noi che continuiamo a stare in prima linea e non abbiamo più tempo per noi stessi e per i nostri cari, figuriamoci per vedere i meme sul telefonino
di Luciano Cifaldi, Segretario Cisl Medici Lazio
Coronavirus, Cisl Medici Lazio a D’Amato: «Metta in sicurezza il personale sanitario»
Crescono ancora i casi di contagi da coronavirus nel Lazio. Luciano Cifaldi, segretario Cisl Medici Lazio e Benedetto Magliozzi, segretario Cisl Medici Roma Capitale/Rieti hanno deciso di scrivere una lettera all’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato. «Assessore D’Amato, i medici e i dirigenti della Cisl Medici Lazio continueranno a dare la massima collaborazione in questa battaglia […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 aprile, sono 1.602.885 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 95.745 i decessi e 355.514 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino del...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...