Contributi e Opinioni 8 Novembre 2019

“Non sapeva il tedesco”, in Alto Adige medici contro manifesto. Cisl: «La tutela del bilinguismo non significa diritto di offendere»

Di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio

Gentile Direttore, ritengo non le sfugga la gravità del fenomeno delle aggressioni ai medici ed agli infermieri. Come segreteria della Cisl Medici Lazio abbiamo scritto al Ministro degli Interni, ai Prefetti delle cinque province, ai politici regionali. Ne sono derivate riunioni dei comitati per l’ordine e la sicurezza, sono state presentate interrogazioni bipartisan nel Consiglio Regionale del Lazio, abbiamo ricevuto solidarietà ed incoraggiamenti ad andare avanti in questa che ritengo sia una battaglia di civiltà e non un esercizio di bottega per fare qualche iscritto in più.

Abbiamo comunicato di avere deciso di costituirci parte civile, e lo faremo, in caso di aggressione ad un collega iscritto al nostro sindacato. Abbiamo chiesto il presidio della Polizia di Stato negli ospedali, l’inasprimento delle pene e la tolleranza zero nei confronti di chi delinque aggredendo un operatore sanitario. Ad un certo punto abbiamo tirato le somme di questo percorso di denuncia e di sensibilizzazione rischiando per un attimo di ritenerci soddisfatti di quanto avevamo messo in moto da un punto di vista mediatico.

Però, anche a causa del silenzio della politica, ancora non vediamo risultati concreti a fronte dell’aumento delle aggressioni come numero e come tipologia delle stesse. E allora abbiamo deciso di non abbassare la guardia, di andare avanti nonostante la stanchezza ed il rischio che l’opinione pubblica possa assuefarsi a queste notizie e rigettarle con un meccanismo psicologico di rimozione.

Quando un medico è aggredito nell’esercizio delle sue attività finalizzate al bene del paziente sarebbe opportuno che si possa procedere d’ufficio e non a querela di parte. Avere la certezza che i tuoi datori di lavoro, l’Azienda Sanitaria e la Regione, si costituiscono parte civile nel procedimento penale verso gli aggressori darebbe vigore al senso di appartenenza che ormai è da ritenersi nullo.

Siamo consapevoli che possiamo sbagliare e che i nostri sbagli di diagnosi e cura possono avere effetti devastanti per i pazienti e le loro famiglie. Ma in questo caso interviene la Magistratura e non certo la giustizia fai da te di qualche vendicatore in stile Far West. Ma ormai siamo giunti alla frutta considerato che accade di leggere la sgradevolissima notizia di manifesti diffusi in Alto Adige che veicolano un messaggio che di fatto si rivolge contro i medici assunti a tempo determinato in quella Provincia, sembra siano almeno 200, e che devono conseguire un patentino di bilinguismo entro tre anni per potere poi accedere ad una procedura per assunzione a tempo indeterminato.

L’immagine dei piedi di un cadavere “Il medico non conosceva il tedesco”. Il cartellino attaccato al piede del paziente morto dice “Qui muore il diritto all’uso della madrelingua”. Sotto, in campo rosso è invece scritto “Per capire e ben gestire i pazienti i medici in Alto Adige devono parlare tedesco. Combattiamo per i tuoi diritti”.

La Cisl Medici ha prontamente censurato questi volgarissimi poster e questo la dice lunga sulla battaglia di civiltà che stiamo portando avanti. Comunque non molliamo e confido che riusciremo a convincere l’opinione pubblica, la politica e le Istituzioni che non siamo carne da macello da gettare in pasto a qualche facinoroso.

Articoli correlati
Aggressioni, Cisl Medici Lazio: «Bene emendamento che classifica come reato penale violenze anche fuori ospedale»
«La Cisl Medici Lazio e di Roma Capitale/Rieti esprime il proprio apprezzamento per l’iniziativa del Ministro della Salute che presenterà un emendamento al decreto legge sulla sicurezza degli operatori sanitari. Laddove approvato questo emendamento configurerà come reato penale ogni aggressione ai medici anche al di fuori degli ospedali ed estenderà il campo di applicazione anche […]
A Trieste aggressione al 118, Mazzacane (Cisl Lombardia): «Interventi rieducativi in ospedale per aggressori»
Ancora un caso di violenza contro gli operatori sanitari nei giorni scorsi a Trieste ai danni degli operatori del 118. Immediata la risposta dei sindacati: ecco la proposta di CISL medici Lombardia per contrastare il fenomeno
di Federica Bosco
Contratto medici, Papotto (Cisl Medici): «Maggior parte risorse sul disagio per evitare fuga da SSN»
Il segretario generale di Cisl Medici commenta il nuovo contratto dei medici e dei dirigenti sanitari
di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
Lombardia, siglato accordo medici-Regione: più risorse per nuove assunzioni. Mazzacane (Cisl): «Problemi restano sul campo» 
Tra gli obiettivi dell’intesa il riordino della rete di offerta e dal contenimento dei tempi di attesa per la fruizione delle prestazioni ambulatoriali. Il segretario Cisl: «Non possiamo cantare vittoria, troppi medici vanno nel privato per le condizioni sfavorevoli. Serve trasferire nel pubblico il modello privato»
di Federica Bosco
Emergenza-urgenza, quella specialità che tutti evitano. Fera (Simeu e Cisl): «Riconoscere il disagio lavorativo nel contratto»
Il segretario della Società italiana Medicina di emergenza urgenza sottolinea: «È uno dei più bei lavori che ci siano perché tra i più completi però è anche uno dei più pesanti». Poi aggiunge: «Al Pronto soccorso servono medici specialisti, non può andare un medico qualsiasi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...
Formazione

Triennio Ecm in scadenza, Speranza: «Nella riforma del Ssn ruolo fondamentale avrà la formazione»

Presidente della Commissione Ecm, il Ministro della Salute Roberto Speranza ha posto l’accento sull’importante ruolo dell’aggiornamento professionale: «Do un grande peso alla formazione continu...