Covid-19, che fare se...? 26 Ottobre 2021 12:42

I morti per Covid-19 sono davvero meno di 4mila? La risposta dell’ISS

Ma davvero l’Istituto Superiore di Sanità ha scritto nero su bianco che i morti in Italia per Covid sono meno di 4mila (per la precisione 3.783)? Risponde proprio l’Istituto

I morti per Covid-19 sono davvero meno di 4mila? La risposta dell’ISS

Ma davvero l’Istituto Superiore di Sanità ha detto che i morti in Italia per Covid sono meno di 4mila (per la precisione 3.783)? Nei giorni scorsi diverse fonti hanno rilanciato la notizia che l’ISS avrebbe “ammesso” che, dei 130.468 decessi registrati al momento della preparazione del nuovo rapporto sulla mortalità da Covid-19, solo il 2,9% sarebbe stato causato solo dal Sars-CoV-2. Una notizia che, pubblicata anche su quotidiani nazionali importanti, sembrerebbe confermare quanto sostenuto fino ad ora da negazionisti, no vax, no green pass e così via. Ma l’ISS ha davvero scritto questo, nero su bianco? Risponde proprio l’Istituto.

Pochi morti per Covid-19? Risponde l’ISS

«In relazione a quanto riportato da diversi media riguardo ai dati contenuti nel report sulle caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a SARS-CoV-2 in Italia pubblicato lo scorso 19 ottobre, ed al fine di promuovere una loro appropriata interpretazione», l’ISS ritiene utile precisare che:

  • Nel rapporto non si afferma che «solo il 2,9% dei decessi attribuiti al Covid-19 è dovuto al virus. La percentuale del 2,9%, peraltro riportata anche nelle edizioni precedenti, si riferisce alla percentuale di pazienti deceduti con positività per SARS-CoV-2 che non avevano altre patologie diagnosticate prima dell’infezione. La cifra peraltro è confermata dall’osservazione fatta fin dalle prime fasi della pandemia e ampiamente riportata in diversi studi nazionali e internazionali e rapporti anche dall’ISS, che avere patologie preesistenti costituisce un fattore di rischio».
  • I rapporti congiunti ISTAT-ISS stilati sulla base dei certificati di morte riportano come il Covid-19 sia «la causa direttamente responsabile della morte nell’89% dei decessi di persone positive» al test Sars-CoV-2.

La presenza di patologie croniche nella popolazione anziana è molto comune

  • Al di là del Covid-19, l’Istituto sottolinea che «la presenza di patologie croniche nella popolazione anziana è molto comune. Un recente rapporto dell’Istat indica che solo il 15% della popolazione anziana non soffrirebbe di patologie croniche e che circa il 52% soffrirebbe di 3 o più patologie croniche. In considerazione del fatto che le patologie croniche rappresentano un fattore di rischio per decesso da Covid-19 e che queste sono molto comuni nella popolazione generale, non deve sorprendere l’alta frequenza di queste condizioni nella popolazione deceduta Sars-CoV-2 positiva».
  • Secondo l’Istituto «non è inoltre corretto» affermare che le patologie riscontrate nei deceduti Sars-CoV-2 positivi «avrebbero comunque portato a decesso “in tempi brevi”.  La concomitanza di più patologie croniche nella stessa persona costituisce di per sé elemento di fragilità in genere compensato con appropriate terapie». Il contrarre una infezione come Sars-CoV-2 si traduce in un «aumentato rischio di complicanze e di morte. Sin dall’inizio della pandemia infatti – spiega l’ISS nella sua nota –, è stato censito un eccesso di mortalità nella popolazione, cioè un numero di deceduti superiore a quello degli anni precedenti, le cui stime sono periodicamente riportate nel rapporto congiunto Iss-Istat».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Infezioni sessualmente trasmesse in calo: “solo” merito della pandemia? Attenzione all’estate
Nel 2020 si è registrato un calo delle diagnosi delle infezioni sessualmente trasmesse, in buona parte dovuto al minor numero di test. Ma la scarsa consapevolezza preoccupa: in Italia sono diminuiti i vaccini contro il papilloma. Squillace (infettivologo): «Indagare sul fenomeno del chemsex, ovvero l’uso di sostanze tossiche per incrementare la durata delle prestazioni sessuali fino a 24 ore consecutive: disinibiscono e alterano la percezione del rischio»
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Un italiano su 2 usa ausili, oltre il 75% li compra di tasca propria
Un italiano su due utilizza ausili. Secondo l'indagine rATA, gli occhiali sono gli ausili più utilizzati
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi