Bollettino del Ministero 5 giugno 2018

Giulia Grillo è la nuova Ministra della Salute

L’on. Giulia Grillo è la nuova Ministra della Salute nel governo presieduto dal Prof. Giuseppe Conte. Nata a Catania il 30 maggio 1975, ha giurato il 1° giugno 2018 nelle mani del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Giulia Grillo è il sesto ministro donna del dicastero, dopo Tina Anselmi, Mariapia Garavaglia, Rosy Bindi, Livia Turco, […]

L’on. Giulia Grillo è la nuova Ministra della Salute nel governo presieduto dal Prof. Giuseppe Conte.

Nata a Catania il 30 maggio 1975, ha giurato il 1° giugno 2018 nelle mani del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Giulia Grillo è il sesto ministro donna del dicastero, dopo Tina Anselmi, Mariapia Garavaglia, Rosy Bindi, Livia Turco, Beatrice Lorenzin.

Laureata con lode in medicina e chirurgia nel 1999, ha conseguito il diploma di specializzazione in Medicina Legale e delle Assicurazione nel 2003. Nel suo curriculum un corso di perfezionamento all’Università Cattolica di Roma su programmazione dei servizi sanitari.
Già deputata del Movimento 5 stelle nella XVII legislatura della Repubblica Italiana, è stata rieletta a marzo 2018 nella XVIII legislatura, Collegio nominale Sicilia 2.

Articoli correlati
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per il fondo sanitario solo 1 mld in più nel 2019. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno di corso»
A margine della presentazione dell’operazione “Estate tranquilla 2018” dei NAS, il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione sarà graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Ci vuole una programmazione più lunga, non è pensabile esaurire un intero programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Medici precari INPS, interrogazione di De Poli (Udc) a Di Maio e Grillo: «Non hanno ferie né malattie, profilo professionale umiliato»
Sono 900 i camici bianchi a partita Iva dell’Istituto di previdenza che vengono rinnovati di anno in anno. Nella stessa situazione anche 300 operatori sociali
MMG, Scotti a Grillo: «No a sanatorie, non svendere futuro giovani medici». La replica del Ministro: «Valorizzeremo merito»
Botta e risposta tra il Segretario della Fimmg e la titolare della Salute sul tema dei medici precari e della formazione dei medici di famiglia: «I provvedimenti annunciati dal ministero – spiega Scotti - altro non farebbero che gettare alle ortiche il grande lavoro fatto per ottenere l’incremento delle borse»
Ministero Salute, liste d’attesa: al via il numero 1500 per l’ascolto dei cittadini
Il Ministero della Salute ha attivato il numero di pubblica utilità 1500 sul tema delle liste di attesa. Dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 16.00, infatti, il personale sanitario risponderà ai cittadini per informare sulle modalità di accesso alle prestazioni garantite dal Servizio sanitario nazionale e raccogliere eventuali segnalazioni. «Il servizio di risposta telefonica, […]
FIMMG, ministro Grillo: «Lavoro per ottenere più risorse per la sanità in Legge di Bilancio»
«Continuate a svolgere con serietà, impegno e dedizione un lavoro che penso sia una missione» l’incoraggiamento del ministro della salute agli MMG in occasione del Congresso nazionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila