Arrivi extra Schengen: l’Italia mantiene l’isolamento fiduciario

L’ordinanza del 30 giugno firmata da Speranza resta sulla linea prudenziale con i Paesi extra Schengen

Arrivi extra Schengen: l’Italia mantiene l’isolamento fiduciario

L’Italia sceglie la linea prudenziale e mantiene in vigore l’isolamento fiduciario e la sorveglianza sanitaria per tutti i cittadini provenienti dai Paesi extra Schengen. Lo conferma l’ordinanza del 30 giugno scorso firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza. «La situazione a livello globale resta molto complessa. Dobbiamo evitare che di vanificare i sacrifici degli italiani negli ultimi mesi», ha dichiarato.

La misura si estende anche ai cittadini dei Paesi della “lista verde“. Si tratta di 14 stati stabiliti dall’Unione europea da e per i quali ci si può muovere liberamente dal 1 luglio. Si aggiunge, inoltre, anche la comprovata ragione di studio ai motivi che consentono l’ingresso nel territorio nazionale. Le altre motivazioni restano: esigenze lavorative, motivi di salute e assoluta urgenza.

Resta interdetto l’accesso a chi mostri sintomi tipici di Covid-19. Nonché per chi risulti positivo dopo il tampone. Oppure per essere stato a contatto, a meno di due metri e per più di 15 minuti, con un caso diagnosticato.

LEGGI ANCHE COVID-19, SPERANZA: «VA MEGLIO, MA SERVE ANCORA TANTA CAUTELA»

PAESI UE E SCHENGEN

Viene liberamente consentito l’acceso e lo spostamento in qualsiasi regione, anche per turismo, da e per:

  • Stati membri dell’Ue
  • Stati Schengen
  • Regno Unito e Irlanda del Nord
  • Andorra, Principato di Monaco
  • Repubblica di San Marino e Stato della Città del Vaticano
Articoli correlati
Speranza: «Durante le feste stop a spostamenti tra regioni e tra comuni. Vaccino non sarà obbligatorio»
Il Ministro della Salute, al Senato, avverte: «Se abbassiamo la guardia la terza ondata è dietro l’angolo, non dobbiamo perdere la memoria». Poi spiega: «Il modello della classificazione delle regioni sta funzionando, puntiamo a portare incidenza a 50 casi ogni 100mila abitanti». Sui vaccini: «L'Italia ha opzionato al momento 202.573.000 dosi, probabile che serviranno due dosi a testa»
Chi resta in zona rossa? La nuova ordinanza. Speranza: «Dati incoraggianti»
Quattro regioni restano in zona rossa, due in zona arancione. L'ordinanza di Speranza anticipa i dati di oggi. Sui vaccini si vede la luce in fondo al tunnel
Speranza alla Camera: «Parametri condivisi con Regioni da aprile. Nessuna punizione»
Speranza spiega che i dati hanno imposto le decisioni della Cabina di regia e ricorda la carenza di personale sanitario come vulnus principale
Proteste dalle Regioni rosse e arancioni. Speranza: «Non c’è spazio per polemiche»
Fontana lo ha definito «uno schiaffo ai lombardi», Musumeci accusa «strategie politiche» sulla Sicilia, Spirlì contro la Calabria rossa impugna l'ordinanza
Epatite C, interrogazione Rostan (IV) al ministro Speranza: «Calo trattamenti del 65% causa Covid. Approvare Fondo per il contrasto a HCV»
«Non può essere tollerato, anche di fronte a un’emergenza grave come quella che stiamo vivendo, che esistano malati di serie A e malati di serie B» sottolinea la Vicepresidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 4 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli