Ambiente 18 Settembre 2023 23:45

L’esposizione ai PFAS aumenta il rischio cancro nelle donne

Le donne esposte a diverse sostanze perfluoroalchiliche (PFAS) hanno un rischio maggiore di sviluppare vari tipi di cancro, tra i quali quello alle ovaie, all’utero, alla pelle e al seno. A lanciare l’allarme è un nuovo studio finanziato dal governo degli Stati Uniti, pubblicato sul Journal of Exposure Science and Environmental Epidemiology

L’esposizione ai PFAS aumenta il rischio cancro nelle donne

Le donne esposte a diverse sostanze perfluoroalchiliche (PFAS) hanno un rischio maggiore di sviluppare vari tipi di cancro, tra i quali quello alle ovaie, all’utero, alla pelle e al seno. A lanciare l’allarme è un nuovo studio finanziato dal governo degli Stati Uniti. Utilizzando i dati raccolti dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), i ricercatori hanno trovato le prove che le donne con diagnosi di alcuni tumori «guidati dagli ormoni» erano esposte a determinati PFAS, che vengono utilizzati in migliaia di prodotti casalinghi e industriali. Inoltre, gli scienziati hanno trovato collegamenti simili tra donne con diagnosi di cancro ed elevate esposizioni ai fenoli, che sono comunemente usati negli imballaggi alimentari, nei coloranti e nei prodotti per la cura personale.

I PFAS possono alterare le funzioni ormonali specifiche delle donne

I PFAS sono stati soprannominati «sostanze chimiche permenenti» a causa della loro longevità nell’ambiente. Lo studio, pubblicato sul Journal of Exposure Science and Environmental Epidemiology, non ha trovato associazioni simili tra le sostanze chimiche e le diagnosi di cancro negli uomini. I risultati mostrano che i PFAS, in particolare, possono alterare le funzioni ormonali specifiche delle donne, un potenziale meccanismo che aumenta le probabilità di insorgenza di tumori legati agli ormoni. I tumori ormonalmente attivi sono comuni e difficili da curare, il che rende fondamentale un’indagine più approfondita sulle potenziali cause ambientali, secondo i ricercatori. «Le persone dovrebbero preoccuparsi di questo perché sappiamo che esiste un’ampia esposizione umana a queste sostanze chimiche e abbiamo dati documentati al riguardo», afferma Max Aung, professore di salute ambientale presso la USC Kreck School of Medicine e autore senior dello studio. «Queste sostanze chimiche possono aumentare il rischio di vari esiti sulla salute e possono alterare i percorsi biologici… E’ importante saperlo in modo da poter prevenire meglio le esposizioni e mitigare i rischi», aggiunge.

I residui di PFAS possono persistere nell’acqua, nel suolo, nell’aria e nel cibo

È quasi impossibile evitare l’esposizione ai PFAS perché sono molto diffusi nell’ambiente. I residui di queste sostanze possono persistere nell’acqua, nel suolo, nell’aria e nel cibo. Secondo i CDC, circa il 97% degli americani ha PFAS nel sangue. L’US Geological Survey (USGS), un’unità del Dipartimento degli Interni degli Stati Uniti, afferma che il 45% dell’acqua potabile negli Stati Uniti è contaminata da PFAS. In particolare, il gruppo di ricerca ha riscontrato differenze nelle donne di diversi gruppi razziali: i collegamenti tra PFAS e tumori ovarici e uterini sono stati osservati principalmente nelle donne bianche, mentre le associazioni tra sostanze chimiche note come fenoli e cancro al seno sono state osservate soprattutto nelle donne non bianche. I ricercatori hanno affermato che non è chiaro esattamente il motivo per cui esistono tali differenze, ma potrebbero essere dovute, tra gli altri fattori, alle abitudini alimentari e alla vicinanza a fonti di acqua potabile contaminate.

Ottieni il risarcimento per il tuo Diritto alla Salute

Centinaia di Comuni italiani non rispettano la normativa europea. Aderisci all’Azione Legale Collettiva che tutela il tuo Diritto alla Salute e ottieni fino a 36.000 euro l’anno.

L’esposizione a PFDE raddoppia il rischio melanoma

Il nuovo studio si basa sull’analisi dei dati raccolti attraverso un programma di biomonitoraggio dei CDC dal 2005 al 2018 che ha coinvolto più di 10.000 persone. I ricercatori hanno esaminato le precedenti diagnosi di cancro e i livelli di PFAS e fenoli nel sangue e nelle urine raccolti dai partecipanti allo studio. Ebbene, i dati hanno mostrato che le donne con una maggiore esposizione a un composto PFAS a catena lunga chiamato PFDE avevano il doppio delle probabilità di avere una precedente diagnosi di melanoma, mentre le donne con una maggiore esposizione ad altri due composti PFAS a catena lunga, PFNA e PFUA, avevano quasi il doppio delle probabilità di una precedente diagnosi di melanoma. I ricercatori hanno affermato di aver trovato anche un collegamento tra PFNA e cancro uterino.

La ricerca sull’impatto dei PFAS sulla salute è ancora in corso

Ma attenzione. Il lavoro non dimostra che l’esposizione a PFAS e fenoli abbia portato a queste diagnosi di cancro, ma è un forte segnale che le sostanze chimiche svolgono un ruolo importante e dovrebbero essere studiate ulteriormente. Lo studio fa parte di una ricerca in corso finanziata dal National Institutes of Environmental Health per «comprendere meglio» come le sostanze chimiche PFAS influenzano la salute umana. Esistono migliaia di tipi diversi di PFAS e la ricerca sui loro effetti sulla salute è ancora in evoluzione, sebbene alcuni tipi di PFAS siano già stati collegati attraverso precedenti ricerche scientifiche a molteplici problemi di salute tra cui il cancro, un calo della fertilità e malattie renali.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Fondazione AIRC: con Le Arance della Salute, una mobilitazione collettiva contro il cancro
L’anno di Fondazione AIRC inizia con una nuova campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi che invita ad agire concretamente per fare la differenza, per se stessi e per gli altri, attraverso l’adozione di sane abitudini e il sostegno alla ricerca
Gb: 1 donna su 2 non va a lavoro per colpa del ciclo mestruale, ma non lo dice. La ginecologa Picconeri: “Ancora troppi pregiudizi”
Nel Regno Unito 4 donne su 5 fanno un gran fatica a lavorare quando hanno il ciclo mestruale e solo poco più della metà ha affermato di non essere stata abbastanza bene per andare al lavoro. Questi sono i risultati di una ricerca britannica, che non stupiscono la ginecologa Giuseppina Picconeri: "La vita fisiologica di una donna in età fertile è spesso fonte di grandi pregiudizi"
Tumori: via a “Dance For Oncology”, corsi di ballo gratuiti studiati per i pazienti
Per la prima volta in Europa si lancia un’iniziativa gratuita in tutta la Penisola. È promossa dalla neonata associazione D4O e ideata da Caroline Smith. Sono offerti corsi di danza gratuiti e appositamente studiati per i pazienti. Hanno aderito 15 scuole (altre 35 inizieranno a gennaio) e 20 centri oncologici e associazioni
Donne “cenerentole” della ricerca in Europa, anche se metà dei laureati e dottorati è “rosa”
Le donne rappresentano circa la metà dei laureati e dei dottorati in Europa, ma abbandonano progressivamente la carriera accademica, arrivando a costituire appena il 33% della forza lavoro nel mondo della ricerca, e solo il 26% dei professori ordinari, direttori di dipartimento o di centri di ricerca. È il quadro tratteggiato in un articolo sulla rivista The Lancet Regional Health
Tumori: disagio psicologico per oltre il 50% dei pazienti, ma depressione non curata nel 70% dei casi
Il 20% delle persone con tumore è colpito da depressione, il 10% da ansia e oltre il 50% sviluppa disagio psicologico. Questi disturbi hanno un impatto negativo sulla qualità di vita e sulla sopravvivenza dei pazienti oncologici. Ma sono individuati e curati solo nella minoranza dei casi. Per questo l'Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) ha richiesto una reale integrazione dell’assistenza psicosociale nella pratica clinica quotidiana
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...