Ambiente 23 Febbraio 2024 12:40

Inquinamento: 238mila decessi all’anno evitabili nell’UE seguendo le linee guida dell’Oms

Se i 27 paesi dell’Unione Europea rispettassero le linee guida sulla qualità dell’aria dell’Organizzazione mondiale della sanita (Oms) si potrebbero evitare ben 238mila morti all’anno per inquinamento atmosferico. Mentre se si riuscisse ad eliminare completamento l’inquinamento da particelle si potrebbero salvare oltre 400mila vite. Questo è quanto emerge da un’analisi condotta dall’Agenzia Europea dell’Ambiente

Inquinamento: 238mila decessi all’anno evitabili nell’UE seguendo le linee guida dell’Oms

Se i 27 paesi dell’Unione Europea rispettassero le linee guida sulla qualità dell’aria dell’Organizzazione mondiale della sanita (Oms) si potrebbero evitare ben 238mila morti all’anno per inquinamento atmosferico. Mentre se si riuscisse ad eliminare completamento l’inquinamento da particelle si potrebbero salvare oltre 400mila vite. Questo è quanto emerge da un’analisi condotta dall’Agenzia Europea dell’Ambiente, diffusa a pochi giorni di distanza dall’approvazione del Consiglio dell’UE di una nuova direttiva mirata alla riduzione dell’inquinamento atmosferico entro il 2030.

In Italia oltre 500 decessi evitabili con una riduzione del 20% dell’inquinamento da traffico

Mentre i Paesi dell’UE lavorano per raggiungere i nuovi limiti di legge, uno studio pubblicato su Nature ha stimato i benefici che potrebbero derivare rapidamente dalla riduzione dell’inquinamento atmosferico causato dal traffico e dal riscaldamento domestico. Gli scienziati hanno preso in considerazione 41 Paesi europei, scoprendo che una riduzione del 20% dell’inquinamento da traffico stradale potrebbe ridurre i decessi annuali in eccesso in tutta Europa di circa 7mila persone all’anno, grazie alla diminuzione dell’inquinamento da particelle. La Germania è in cima alla classifica con una riduzione potenziale di oltre 1.000 decessi all’anno; per il Regno Unito e l’Italia, la diminuzione stimata è di oltre 500 morti. Queste stime si basano sulle statistiche relative all’inquinamento atmosferico e alla salute del 2015.

Oltre 1000 decessi in meno in Italia con una riduzione del 20% dell’inquinamento domestico

Una riduzione del 20% dell’inquinamento atmosferico dovuto al riscaldamento domestico comporterebbe circa 13mila decessi in meno ogni anno. L’Europa orientale e centrale ne beneficerebbe maggiormente, a causa dell’elevato utilizzo di combustibili per il riscaldamento. Germania, Italia, Polonia, Ucraina e Turchia registrerebbero oltre 1.000 decessi in meno ciascuna e il Regno Unito oltre 650 decessi in meno. Il nuovo studio ha anche dimostrato che più della metà dei benefici deriverebbe dalla riduzione dei decessi per infarto, ictus e diabete di tipo 2, oltre che per cancro ai polmoni.

In alcuni paesi riscaldamento domestico e traffico contribuiscono al 50% dei decessi per smog

“Tra i decessi sproporzionati avvenuti in Europa a seguito dell’esposizione a lungo termine all’inquinamento da particelle, il 26% e il 12% di questi possono essere evitati se si eliminano rispettivamente le emissioni da combustione residenziale e da trasporto stradale”, sottolinea Niki Paisi, che ha fatto parte del gruppo di studio presso il Climate and Atmosphere Research Center del Cyprus Institute. “Paesi come la Repubblica Ceca, la Bulgaria, l’Estonia, l’Ungheria e la Polonia potrebbero trarre maggiori benefici da un’eliminazione graduale, dato che questi due settori contribuiscono insieme a quasi il 50% della mortalità dovuta all’inquinamento da particelle in queste zone”, aggiunge.

Le città sono punti caldi di inquinamento atmosferico e morti premature

Pubblicato nel 2023, uno studio dell’istituto di ricerca ISGlobal di Barcellona, ha gettato luce sull’inquinamento da particelle per aiutare i governi nazionali e soprattutto le città a capire quali settori inquinanti dovrebbero privilegiare. “Le città sono ancora punti caldi di inquinamento atmosferico e di morti premature”, spiega Mark Nieuwenhuijsen di ISGlobal. “È necessario intervenire con urgenza: ciò richiede un approccio olistico che riunisca molti settori diversi, tra cui energia, trasporti, industria e agricoltura”, aggiunge. Il gruppo di ricerca di Nieuwenhuijsen ha prodotto uno strumento online che consente al pubblico, alle autorità cittadine e ai governi di interrogare il database della ricerca e di visualizzare i danni delle diverse fonti di inquinamento nella propria area.

Il ruolo dell’agricoltura sulla qualità dell’aria è sottovalutato

In vaste aree dell’Europa Nord-Occidentale, tra cui gran parte del Regno Unito, dei Paesi Bassi, della Danimarca e della Germania, l’agricoltura è una delle maggiori fonti di decessi precoci dovuti all’inquinamento da particelle, insieme ai trasporti e al riscaldamento domestico. Questo aspetto riceve poca attenzione da parte dell’opinione pubblica e della politica e le soluzioni proposte dagli agricoltori sono raramente incluse nei piani di lotta all’inquinamento atmosferico. I dati pubblicati dal governo britannico a metà febbraio evidenziano la necessità di un’azione più incisiva, con progressi lenti o nulli nella riduzione dell’inquinamento atmosferico prodotto dalle aziende agricole e dal riscaldamento domestico con combustibili solidi.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...