Ambiente 29 Febbraio 2024 17:01

I cambiamenti climatici aumentano la mortalità e la pressione nei pronto soccorso

L’innalzamento delle temperature medie globali dovute ai cambiamenti climatici potrebbe aumentare la frequenza degli eventi metereologici estremi e, di conseguenza, della mortalità e dell’attività nei pronto soccorso. Queste sono le conclusioni di uno studio americano pubblicato sulla rivista Nature Medicine

I cambiamenti climatici aumentano la mortalità e la pressione nei pronto soccorso

L’innalzamento delle temperature medie globali dovute ai cambiamenti climatici potrebbe aumentare la frequenza degli eventi metereologici estremi e, di conseguenza, della mortalità e dell’attività nei pronto soccorso. Queste sono le conclusioni di uno studio condotto dagli scienziati del Massachusetts General Hospital e del Brigham and Women’s Hospital. I risultati, pubblicati sulla rivista Nature Medicine, suggeriscono l’importanza di rafforzare i sistemi sanitari.

Ogni evento estremo aumenta dell’1,4% il tasso di mortalità

L’attenzione dei ricercatori si è focalizzata sulle conseguenze indirette del cambiamento climatico e dell’aumento delle temperature. Il gruppo di ricerca ha considerato gli eventi climatici estremi verificatisi tra il 2011 e il 2016 e il loro impatto sull’erogazione dei servizi di assistenza sanitaria per gli iscritti a Medicare, il programma di assicurazione sanitaria americano per le persone con più di 65 anni. Stando a quanto emerge dall’indagine, ogni evento estremo è stato associato a un incremento dell’1,22 per cento dell’utilizzo di servizi sanitari. I tassi di mortalità in pronto soccorso risultavano invece maggiorati dell’1,4 per cento e sono rimasti elevati per diverse settimane.

E’ fondamentale rafforzare i sistemi sanitari

Le tempeste violente sono risultate associate a tassi di mortalità più alti e duraturi rispetto alle altre tipologie di eventi estremi, tanto che i valori maggiorati potevano protrarsi fino a sei settimane dopo l’episodio. Gli studiosi hanno considerato gli eventi estremi come inondazioni, tempeste e uragani che hanno causato danni per oltre un miliardo di dollari. È stato riscontrato che le contee con le maggiori perdite economiche hanno tassi di mortalità da 2 a 4 volte più alti rispetto a tutte le contee colpite. Questi dati evidenziano che la distruzione delle infrastrutture, come interruzioni di corrente e problemi di trasporto, possano aggravare i costi economici e sanitari. “I nostri risultati – commenta Renee Salas, che ha coordinato lo studio – suggeriscono che i più grandi disastri meteorologici hanno impatti ampi e duraturi sulle emergenze sanitarie e sui decessi. Monitorare questi risultati è importante per proteggere meglio i pazienti più vulnerabili, come la popolazione più in avanti con gli anni, e rafforzare i nostri sistemi sanitari”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...