Salute 17 marzo 2014

Nuovo governo, obblighi assicurativi e formazione: la sanità guarda al futuro

Intervista esclusiva a Roberto Lala, presidente OMCeO di Roma: “ Stop ai tagli, sì ad una riorganizzazione del sistema”

Immagine articolo

Tanta carne al fuoco, molte incognite e altrettante opportunità: è questo lo scenario tracciato dal primo trimestre dell’anno per il mondo della sanità. Il nuovo governo e il timore di nuovi tagli; le scadenze imminenti e le criticità in materia di Rc professionale; la necessità, per gli operatori sanitari di oggi, di aggiornarsi costantemente e le agevolazioni offerte, in quest’ambito, dalle nuove tecnologie e dalla FAD. Sanità Informazione ha sentito, su questi temi, il parere di Roberto Lala, presidente di una realtà importantissima nel panorama della sanità italiana: l’OMCeO di Roma, l’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri più grande d’Europa, che conta ben 42mila iscritti.

Presidente, attualmente sono tante le novità per il mondo medico, dal rinnovo del governo alle nuove istanze per la sanità del futuro.
Si tratta di questioni che dobbiamo affrontare insieme al Governo e alle Regioni: la sanità del Lazio arranca dal 2008, complici gli anni di commissariamento che non hanno portato soluzioni ma solo tagli. E non è riducendo le risorse che si risolvono i problemi, al contrario, si aumentano i danni. Bisogna trovare un’altra strada. Non più tagli, quindi, ma una riorganizzazione efficiente del sistema, anche inserendo nuovi professionisti, perché attualmente i medici sono davvero pochi.  La Regione ha dichiarato di voler perseguire questa politica, e speriamo che alle parole seguano i fatti.

Il punto non è imporre l’obbligo assicurativo, ma far sì che stipulare una polizza non diventi un onere insostenibile per il professionista

Un tema caldo e imminente è anche quello della responsabilità  professionale: il termine ultimo per adempiere all’obbligo è vicino.
Una questione che definirei non solo calda, ma preoccupante. Non credo esista ad oggi un medico non ancora assicurato: operare senza assicurazione è impensabile. Il punto, quindi, non è imporre l’obbligo assicurativo, ma far sì che stipulare una polizza non diventi un onere economicamente insostenibile per il professionista. E’ necessario individuare gli strumenti affinché il medico si assicuri, tutelando sé stesso ed il paziente, ma anche porre dei limiti alle richieste di risarcimento, talvolta non motivate, altre volte legittime ma inequivocabilmente esagerate.

Un altro punto essenziale per i medici riguarda la formazione e l’obbligo di aggiornamento costante. Tra tante idee e proposte, le nuove tecnologie aiutano grazie alla formazione a distanza.
Assolutamente sì. Ci siamo resi conto che con la sola formazione residenziale, a causa dei suoi molteplici limiti, sarebbe impossibile fronteggiare delle esigenze così sentite. La strada giusta credo stia nel coniugare i due strumenti: quindi sì alla formazione residenziale, che garantisce il pur importantissimo confronto diretto, ma via libera soprattutto alle nuove tecnologie e alla FAD, che garantisce uguali possibilità di formazione per tutti, senza discriminazioni di sorta. Uno strumento che va lanciato e che dovrà essere fortemente utilizzato da oggi in poi.

Articoli correlati
Anelli (Omceo Bari): «Per ECM servono qualità, indipendenza e innovazione. Puntare su casi simulati e nuove tecnologie»
Sergio Bovenga (FNOMCeO): «Sempre più il sistema giudiziario e delle assicurazioni porranno la loro attenzione sullo stato di aggiornamento dei professionista eventualmente coinvolto in un contenzioso professionale e farsi trovare impreparati, ovvero non in regola con le norme Ecm, non aiuterà di certo". Un motivo in più per fare formazione e tenersi sempre aggiornati
Sanità digitale: 32% dei medici usa app per screening. Intervista alla direttrice Osservatorio Innovazione Digitale Sanità
«L'Osservatorio è ormai un punto di riferimento per la ricerca sull’innovazione digitale perché permette un confronto e una collaborazione tra i diversi attori del settore sanitario. L'Italia è ancora indietro rispetto all’Europa. Il problema? Mancano gli investimenti». Queste le parole della direttrice dell’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità del Politecnico di Milano, Chiara Sgarbossa
Nasce la Casa della Salute Valdese. Saitta: «Sarà un modello»
«Il nostro obiettivo era sanare una ferita della nostra città, e nel farlo abbiamo deciso di riprendere un elemento caratterizzante dell’ospedale Valdese: la presa in carico del paziente. Non a caso si chiamerà Casa della Salute Valdese». Lo ha sottolineato questa mattina l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta intervenendo all’apertura della Casa della Salute di […]
Medici incaricati definitivi degli istituti penitenziari: può una norma regionale imporre il tetto massimo orario?
Una norma regionale non può imporre autoritativamente il tetto massimo orario in 48 ore settimanali ai medici incaricati definitivi degli istituti penitenziari perché viola l’art. 117 secondo comma, lettera l), della Costituzione e invade la materia riservata alla competenza esclusiva dello Stato. La Consulta, con la sentenza n. 121/2017, ha bocciato così l’articolo 21, comma […]
Macron e la sanità: ecco quello che cambierà in Francia
Macron è il nuovo presidente francese: ecco quello che cambierà per medici, ospedali e sanità. “Le Quotidien” riassume i principali cambiamenti promessi che riguardano la professione e il settore sanitario. Le scelte principali di politica sanitaria seguiranno per lo più la scia del quinquennio precedente, ma scaveranno anche diversi nuovi solchi. Innanzitutto Macron promette una […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...