Salute 17 marzo 2014

Nuovo governo, obblighi assicurativi e formazione: la sanità guarda al futuro

Intervista esclusiva a Roberto Lala, presidente OMCeO di Roma: “ Stop ai tagli, sì ad una riorganizzazione del sistema”

Immagine articolo

Tanta carne al fuoco, molte incognite e altrettante opportunità: è questo lo scenario tracciato dal primo trimestre dell’anno per il mondo della sanità. Il nuovo governo e il timore di nuovi tagli; le scadenze imminenti e le criticità in materia di Rc professionale; la necessità, per gli operatori sanitari di oggi, di aggiornarsi costantemente e le agevolazioni offerte, in quest’ambito, dalle nuove tecnologie e dalla FAD. Sanità Informazione ha sentito, su questi temi, il parere di Roberto Lala, presidente di una realtà importantissima nel panorama della sanità italiana: l’OMCeO di Roma, l’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri più grande d’Europa, che conta ben 42mila iscritti.

Presidente, attualmente sono tante le novità per il mondo medico, dal rinnovo del governo alle nuove istanze per la sanità del futuro.
Si tratta di questioni che dobbiamo affrontare insieme al Governo e alle Regioni: la sanità del Lazio arranca dal 2008, complici gli anni di commissariamento che non hanno portato soluzioni ma solo tagli. E non è riducendo le risorse che si risolvono i problemi, al contrario, si aumentano i danni. Bisogna trovare un’altra strada. Non più tagli, quindi, ma una riorganizzazione efficiente del sistema, anche inserendo nuovi professionisti, perché attualmente i medici sono davvero pochi.  La Regione ha dichiarato di voler perseguire questa politica, e speriamo che alle parole seguano i fatti.

Il punto non è imporre l’obbligo assicurativo, ma far sì che stipulare una polizza non diventi un onere insostenibile per il professionista

Un tema caldo e imminente è anche quello della responsabilità  professionale: il termine ultimo per adempiere all’obbligo è vicino.
Una questione che definirei non solo calda, ma preoccupante. Non credo esista ad oggi un medico non ancora assicurato: operare senza assicurazione è impensabile. Il punto, quindi, non è imporre l’obbligo assicurativo, ma far sì che stipulare una polizza non diventi un onere economicamente insostenibile per il professionista. E’ necessario individuare gli strumenti affinché il medico si assicuri, tutelando sé stesso ed il paziente, ma anche porre dei limiti alle richieste di risarcimento, talvolta non motivate, altre volte legittime ma inequivocabilmente esagerate.

Un altro punto essenziale per i medici riguarda la formazione e l’obbligo di aggiornamento costante. Tra tante idee e proposte, le nuove tecnologie aiutano grazie alla formazione a distanza.
Assolutamente sì. Ci siamo resi conto che con la sola formazione residenziale, a causa dei suoi molteplici limiti, sarebbe impossibile fronteggiare delle esigenze così sentite. La strada giusta credo stia nel coniugare i due strumenti: quindi sì alla formazione residenziale, che garantisce il pur importantissimo confronto diretto, ma via libera soprattutto alle nuove tecnologie e alla FAD, che garantisce uguali possibilità di formazione per tutti, senza discriminazioni di sorta. Uno strumento che va lanciato e che dovrà essere fortemente utilizzato da oggi in poi.

Articoli correlati
Governo, Giuseppe Conte verso Palazzo Chigi? Il programma sanità: lotta agli sprechi, assunzioni e potenziamento dei medici di famiglia
Dopo giorni di confronto è stato varato il testo definitivo. Prioritaria la difesa del Sistema sanitario nazionale: i dirigenti medici saranno formati «per garantire la sostenibilità e la qualità del sistema e scelti secondo la competenza e il merito, non sulla base di logiche politiche o partitiche». Previsto anche un Ministero della Disabilità. Sui vaccini chiedono «giusto equilibrio tra il diritto all’istruzione e il diritto alla salute»
Walter Ricciardi eletto alla presidenza italiana della WFPHA
Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi, è stato eletto a Ginevra Presidente della World Federation of Public Health Association (WFPHA). «Sono onorato di questa carica che permetterà di portare la nostra tradizione della Sanità pubblica in tutto il mondo – afferma il Presidente Walter Ricciardi – la presidenza italiana è infatti un’occasione per sostenere […]
OMS, al via l’Assemblea Mondiale. L’agenda del Direttore Tedros: più sanità per tre miliardi di persone
Pubblicato il World Health Statistics 2018. Ecco gli obiettivi dei prossimi cinque anni che i delegati dei 194 Paesi membri dell'Organizzazione Mondiale della Sanità stanno discutendo a Ginevra
Regione Lazio, Giuseppe Simeone presidente Commissione Sanità: «Serve riequilibrio tra Roma e province»
L’esponente di Forza Italia eletto con 10 voti. Vice presidenti Loreto Marcelli (M5S) e Paolo Ciani (Centro Solidale). Tra i componenti anche Davide Barillari (M5S) e Stefano Parisi
Governo, Magi (Sumai) – Scotti (Fimmg) – Biasci (Fimp): «Fare presto per rinnovi contrattuali e aumento fondo sanitario». E lanciano Garavaglia ministro
In una nota congiunta i tre sottolineano che «investimenti e responsabilità di governo per la sanità e per il futuro produttivo del Paese non possono più attendere». Il leghista, già presidente del Comitato di settore delle Regioni, «sarebbe la giusta sintesi per esperienza e competenze»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Silvestro (Past President FNOPI): «Copiamo i medici e introduciamo infermieri di famiglia e infermieri specialisti»

L’ex Senatrice PD descrive la figura dell’infermiere di famiglia elencandone ruoli e benefici e auspica il riconoscimento delle specializzazioni infermieristiche
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...