Salute 7 aprile 2014

Numero chiuso, partono i test in un clima al vetriolo

Oggi i primi quiz e poi si continuerà il 29 aprile ed il 3 settembre: tra i banchi 70mila studenti per 10mila posti. Intanto però il caso continua ad avere anche risvolti legali

Immagine articolo

Al via i test d’ammissione ai corsi di laurea a numero chiuso in materie sanitarie: le università italiane aprono i battenti per dare una chance alle migliaia di aspiranti camici bianchi di realizzare il proprio sogno professionale.

Ad inaugurare le danze sono oggi, 8 aprile, le facoltà di Medicina e Chirurgia e Odontoiatria e Protesi Dentaria in lingua italiana. Si continua il 29 aprile con i quiz di accesso ai corsi di laurea in Medicina e Chirurgia in lingua inglese, per finire, il 3 settembre, con quelli relativi alle Professioni Sanitarie.

La fatidica prova, che da stamattina vedrà impegnati oltre 69mila studenti, permetterà solo a 9.983 fortunati di assicurarsi uno dei posti che il Ministero dell’Istruzione ha messo quest’anno a disposizione negli atenei italiani per gli aspiranti medici. Le statistiche registrano un sensibile calo del numero di candidati rispetto al passato; un dato che è probabilmente imputabile al fatto che quest’anno, per la prima volta, il test di ammissione ha luogo prima della chiusura dell’anno scolastico, e in un periodo cruciale per gli studenti alle prese anche con la preparazione per l’esame di Stato. Un forte segnale di discontinuità col passato, che ha scoraggiato non pochi.

Il criterio del numero chiuso è attualmente al centro di un dibattito tra chi lo ritiene uno strumento necessario a garantire un adeguato livello qualitativo nella formazione, e chi invece lo considera un espediente, se non proprio discriminatorio, sicuramente inopportuno vista la carenza di figure professionali sanitarie di cui soffre il nostro Paese, tanto da andare a ricercarle all’estero. Una disputa ideologica che, come spesso accade, ha trovato spazio anche nelle aule dei tribunali: sono infatti numerosi i ricorsi in merito proposti e accolti dal TAR, da parte di studenti inizialmente esclusi.

L’ultima ordinanza, relativa al Tribunale Amministrativo del Lazio, risale a pochissime settimane fa, ed ha permesso, grazie all’accoglimento dell’istanza proposta, l’immatricolazione con riserva ad un gruppo di studenti illegittimamente scartati ai test.

Articoli correlati
Test d’ammissione a medicina e professioni sanitarie, pubblicate le date
È stato pubblicato dal Ministero dell’Istruzione il calendario delle prove di ammissione ai corsi di laurea ad accesso programmato per l’Anno Accademico 2018-2019. Si inizia il 4 settembre con medicina e odontoiatria in italiano; il 5 è prevista medicina veterinaria; il 12 sarà la volta delle professioni sanitarie; il 13 di medicina e odontoiatria in […]
Anaao Giovani a favore del numero chiuso: tutela gli studenti più bravi e meritevoli
Anaao Giovani esprime «profonda preoccupazione e disappunto per la proposta, lanciata in campagna elettorale da autorevoli esponenti politici, di abolire il numero chiuso per l’accesso ai corsi di studio universitari. Per quello che riguarda il Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia, infatti, una corretta programmazione del fabbisogno presente e futuro di medici e personale […]
Test di medicina, boom di irregolarità: +75%. Presentata interrogazione parlamentare. Dal 3 ottobre pubblica graduatoria nazionale
Il portale www.numerochiuso.info ha registrato un incremento del 75% di denunce di irregolarità rispetto al 2016 provenienti da tutta Italia. Richiesta a gran voce una soluzione normativa
«La normativa sul numero chiuso va rivista». L’intervista al Senatore Antonio De Poli
Presentata un’interrogazione parlamentare sull’accesso programmato ad alcune facoltà universitarie. «Dobbiamo garantire una formazione a tutti i ragazzi che intendono studiare medicina, anche a distanza, grazie ai sistemi telematici»
Test d’ingresso a Medicina, boom di irregolarità denunciate: 5 atenei finiscono nel mirino
Problemi relativi a scheda anagrafica, non rispetto delle tempistiche, mancati controlli: centinaia di denunce raccolte. E chi è stato escluso già prepara il ricorso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Silvestro (Past President FNOPI): «Copiamo i medici e introduciamo infermieri di famiglia e infermieri specialisti»

L’ex Senatrice PD descrive la figura dell’infermiere di famiglia elencandone ruoli e benefici e auspica il riconoscimento delle specializzazioni infermieristiche
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...