Salute 25 agosto 2015

Migranti, Lorenzin a Reggio Calabria

Il ministro della Salute ha assistito alle procedure di sbarco e accoglienza di 354 personeL’importanza della formazione dei medici e del personale sanitario in prima linea nell’emergenza

Continuano senza sosta gli sbarchi dei migranti sulle coste italiane. In prima linea, come sempre, gli operatori sanitari che nei giorni scorsi a Reggio Calabria hanno assistito l’arrivo di 354 persone provenienti dall’Eritrea, Somalia, Sudan, Palestina, Siria ed Egitto. Ad assistere in prima persona alle operazioni di sbarco e di accoglienza dei migranti – effettuate dal personale sanitario, della protezione civile, della Guardia Costiera e delle altre Forze dell’Ordine, nonché dai volontari – anche il Ministro della Salute. Beatrice Lorenzin è infatti arrivata a sorpresa al porto di Reggio Calabria, per verificare il lavoro dei sanitari e assicurarsi che il centro che avrebbe ospitato i migranti fosse adeguatamente allestito, provvedendo anche alla fornitura di indumenti puliti.

I migranti, 167 uomini, 88 donne e 99 minori, sono stati recuperati  su un barcone in difficoltà al largo delle coste calabre, e hanno raggiunto il porto a bordo del pattugliatore della Marina Militare croata “Andrija Mohorovicic”. Purtroppo, tra loro, c’era anche il cadavere di una ragazza di ventuno anni morta durante la traversata a causa – si ipotizza – di una crisi glicemica. I migranti saranno smistati nei vari centri accoglienza di Lombardia, Piemonte, Abruzzo, Emilia Romagna, Toscana e Basilicata.

Il ministro Lorenzin non ha mancato di ringraziare enti, autorità, personale medico e volontari presenti al porto per il continuo ed instancabile lavoro svolto, che vede in prima linea l’intervento della Croce Rossa: solo nel 2015, ben 11.698 migranti sono stati soccorsi dai volontari del comitato locale, in collaborazione con il sistema di emergenza urgenza 118.

Si tratta di un lavoro che richiede una formazione capillare del personale e che prevede una macchina operativa particolarmente complessa. Dalla compilazione delle schede di maxi-emergenza, archiviate in un database per raccogliere le disponibilità dei volontari pronti ad operare in caso di necessità, fino alla “procedura di allertamento” che inizia con i briefing operativi presso la Prefettura ed arriva al servizio operativo alla banchina portuale, dove si svolge sia l’attività di soccorso che quella di assistenza ai migranti recuperati in mare. Un vero e proprio “piano di intervento”, per gestire l’emergenza-sbarchi in modo tempestivo, efficace ed efficiente che richiede preparazione e professionalità.

Articoli correlati
EMA ad Amsterdam: Maroni: «Con appoggio della Spagna avremmo vinto». Lorenzin: «Delusione grandissima»
«Con l’appoggio della Spagna avremmo vinto». Lo ha sottolineato il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, parlando della partita per portare EMA, l’Agenzia europea del farmaco, a Milano. «A me hanno detto che la trattativa c’e’ stata ma alla fine il governo italiano ha detto di no e per ripicca, forse, la Spagna ha votato […]
Ema, Lorenzin: «Siamo pienamente in partita». Gentiloni: «Una sfida competitiva ma abbiamo ottime carte»
Scaccabarozzi (Farmindustria): «Per il Financial Times siamo in pole position». Boldrini: «Sarebbe un'ottima opportunità». Lunedì la scelta definitiva della nuova sede dell'Agenzia Europea del Farmaco
G7, l’appello del tavolo ovale: «Tuteliamo la salute delle donne perché è da loro che dipende benessere globale»
Partito il vertice mondiale sulla salute: ministri a confronto per trovare una soluzione ‘one health’ per un sistema assistenziale globale e inclusivo
di Serena Santi inviata al G7 Milano
G7, Lorenzin: «Clima decisivo per salute. Lavoriamo con Casa Bianca per documento comune»
«Investire sulla nutrizione significa investire sul futuro. Bisogna imparare a mangiare per apprendere la cultura della nutrizione e risparmiare in farmaci durante l'anzianità» così Beatrice Lorenzin in occasione dell'incontro preliminare al G7
di Cesare Buquicchio inviato al G7 Milano
Migranti, nell’anniversario strage di Lampedusa Pietro Bartolo si racconta: «Io, in trincea da 25 anni e record infame sulle spalle»
Quattro anni fa il naufragio e la morte di 368 persone diede il via all’operazione Mare Nostrum: tra critiche e apertura, l’Italia ancora in prima linea nel salvataggio e nell’accoglienza. Il medico protagonista di ‘Fuocoammare’: «La realtà degli sbarchi edulcorata dai media. Necessario abbattere pregiudizi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...