Salute 14 luglio 2015

Ebola, l’allarme internazionale: 4mila donne moriranno

Personale sanitario decimato dall’epidemia. Nuovi aiuti dall’UE all’Africa

Ebola torna ad atterrire l’Africa, in special modo la Liberia, che ha fatto registrare cinque nuovi casi dopo che a Maggio era stata dichiarata “ebola free”. Finora 120 persone sono state messe in quarantena, e 14, considerate ad alto rischio, sono sotto monitoraggio

Oltre ai nuovi casi liberiani, nella settimana dal 29 giugno al 5 luglio l’Oms ha segnalato 18 casi in Guinea e 9 in Sierra Leone: a Freetown il governo ha deciso di estendere il coprifuoco sulle aree colpite dal virus. Ma c’è dell’altro: secondo la Banca Mondiale oltre 4 mile donne potrebbero morire nei prossimi mesi per le complicazioni del parto nei Paesi colpiti dall’epidemia di Ebola, a causa delle enormi perdite registrate tra il personale sanitario falcidiato dal virus. E’ questo il tetro avvertimento emerso dal recente rapporto secondo il quale appunto, i prossimi mesi in Africa saranno segnati da un enorme aumento della mortalità materna.

Nell’analisi stilata dall’istituzione internazionale, in Guinea la mortalità materna aumenterà del 38%, in Sierra Leone del 74% e in Liberia potrebbe addirittura raddoppiare. Oltre 500 fra medici e infermieri sono morti a causa di Ebola, su un totale di oltre 11mila vittime. “La perdita di operatori sanitari – ha affermato Markus Goldstein, economista della Banca Mondiale – può far tornare questi paesi al livello di 15-20 anni fa”.

Intanto all’Onu negli ultimi giorni i governi di Guinea, Liberia e Sierra Leone hanno invocato ulteriori aiuti per far fronte al riaccendersi di un’emergenza, in realtà mai sopita. L’obiettivo è di raccogliere al più presto 3,2 miliardi di dollari, da utilizzare nei prossimi due anni. “Il mondo non può aspettare che l’epidemia sia completamente finita per iniziare a sostenere il rilancio dei tre Paesi più colpiti” ha sottolineato l’inviato speciale delle Nazioni Unite per Ebola, David Nabarro. La Commissione Europea ha annunciato lo stanziamento di altri 450 milioni di euro, che porta a 869 milioni il totale offerto finora dalla stessa Commissione. Se a questo dato si sommano le donazioni degli Stati membri, gli aiuti promessi dalla sola Unione Europea raggiungono quota 1,8 miliardi di euro.

Tags

Articoli correlati
Sanità internazionale
Gli Ebola fighters hanno vinto? 
Santé internationale
Est-ce que les Ebola fighters ont gagné?
«Esportiamo le nostre competenze». Un modello europeo contro le pandemie
Al Parlamento europeo arriva l’allerta di Ignazio Corrao, Presidente Commissione Sviluppo e Diritti Umani: «Formazione e informazione e sui vaccini campagne di consapevolezza e confronto»
Emergenze pandemie “senza confini”: i Medici Stranieri in Italia dicono basta agli allarmismi e promuovono i film formativi
Il presidente dell’Amsi, Foad Aodi: «Informare correttamente le popolazioni e per le formazione del personale sanitario serve un coordinamento internazionale puntando sulle eccellenze italiane»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...