Salute 16 giugno 2015

Cameron: «Ebola tornerà e sarà molto più aggressivo»

L’allarme del primo ministro inglese: «È il momento di svegliarsi. Finora è mancata la preparazione»

Una spaventosa minaccia alla sicurezza globale. Feroce come l’Isis, pericoloso quanto la Russia. Una definizione iperbolica quella coniata per Ebola dal presidente americano Barack Obama, mentre l’epidemia imperversava in Africa raggiungendo il suo picco massimo e mobilitando il mondo intero. Una definizione che, oltre a scatenare le ire della Duma, ha ufficializzato l’entrata di quel virus sul podio delle ataviche paure del mondo occidentale.

Oggi l’epidemia ha fisiologicamente raggiunto uno stallo, nonostante i nuovi casi registrati quasi quotidianamente nella “red zone” di Guinea e Sierra Leone. Ma la storia insegna, ed è una storia che si ripete da 40 anni, da quando il virus fece la sua prima comparsa in Africa: Ebola si addormenta ciclicamente, ma si risveglia più violento di prima. Un punto che le maggiori istituzioni sanitarie mondiali avrebbero teso a sottovalutare, con evidenti ripercussioni e ritardi sulla gestione – a livello economico e sociale – dell’emergenza.

A sottolinearlo è stato nei giorni scorsi il primo ministro inglese, David Cameron, con un’accusa – neanche tanto velata – all’OMS, rea di aver preso sottogamba la questione. «La realtà è che affronteremo nuovamente Ebola, ma questa volta il virus potrebbe essere più aggressivo e meno facile da contenere; è il momento di svegliarsi ed affrontare questa minaccia. A livello globale dobbiamo essere più preparati e pronti a reagire a queste terribili minacce. Il Regno Unito aprirà la strada ma abbiamo bisogno di una risposta globale».

Più che un monito, un vero e proprio ordine. Il ruolo di apripista cui si riferisce Cameron consiste nello stanziamento di 30 milioni di dollari da parte di Londra, destinato a fornire il necessario supporto alla ricerca sulla malattia e che prevede una squadra di intervento rapido composta da un team di 10 epidemiologi, in grado di raggiungere qualsiasi punto del mondo entro 48 ore dalla chiamata. L’annuncio è stato dato durante il G7 tenutosi nei giorni scorsi, nell’ambito della discussione sulla lotta mondiale alle epidemie. Sì, perché Ebola sembra essere in buona compagnia. Una fra tutti, la Mers, la nuova misteriosa sindrome che viene dal Medio Oriente, e che si candida, anche lei, a far paura al mondo intero.

Tags

Articoli correlati
Ebola è tornata. Roberto Cauda (Gemelli): «In realtà il virus non se n’è mai andato, c’è sempre stato»
«L'infezione rimane latente in alcuni animali definiti 'serbatoi' e quando l'uomo entra in contatto con qualche specie infetta ecco che torna il focolaio». L'intervista al Direttore dell'Area Malattie Infettive del Policlinico Gemelli di Roma
Ebola, arriva il vaccino per combattere l’epidemia in Congo
«La distribuzione del vaccino contro l’Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) potrebbe dare un impulso vitale alla lotta contro la malattia» ha affermato il Dottor Seth Berkley, CEO di Gavi, The Vaccine Alliance, una partnership pubblico-privata dedicata a salvare le vite dei bambini e a proteggere la salute delle persone tramite l’incremento di un […]
OMS, al via l’Assemblea Mondiale. L’agenda del Direttore Tedros: più sanità per tre miliardi di persone
Pubblicato il World Health Statistics 2018. Ecco gli obiettivi dei prossimi cinque anni che i delegati dei 194 Paesi membri dell'Organizzazione Mondiale della Sanità stanno discutendo a Ginevra
Ebola in Congo, OMS: «Rischio da ‘alto’ a ‘molto alto’. 4mila dosi di vaccino pronte, ne servono più di 7mila»
Di nuovo l'incubo, dopo gli 11mila morti causati dall'epidemia del 2013-16, il virus torna e provoca 25 decessi in pochi giorni
Medici Senza Frontiere, parla la neo Presidente Lodesani: «Non associateci solo ai migranti, siamo in campo su guerre e disastri naturali»
Eletta alla guida di MSF Italia da un mese, la dottoressa ricorda il suo impegno sul campo, elenca le aree più calde del mondo e pone dei paletti ben chiari: «Non dobbiamo diventare un movimento troppo grande, altrimenti diventa ingestibile»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Silvestro (Past President FNOPI): «Copiamo i medici e introduciamo infermieri di famiglia e infermieri specialisti»

L’ex Senatrice PD descrive la figura dell’infermiere di famiglia elencandone ruoli e benefici e auspica il riconoscimento delle specializzazioni infermieristiche
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...