Politica 6 giugno 2018

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore del Movimento Cinque Stelle Pierpaolo Sileri

Un cambio di passo culturale che coinvolga tutti gli attori in campo per attuare un sistema anticorruzione davvero efficace in sanità. È il tema dell’incontro promosso da Ispe – Sanità alla Camera di Commercio di Roma in cui il presidente Francesco Macchia ha presentato un decalogo di standard minimi che le strutture sanitarie devono assicurare per garantire un adeguato livello anticorruzione: dalla gestione del conflitto di interessi al whistleblowing, dalla valorizzazione della trasparenza alla costruzione di una leadership etica. La corruzione è un problema grave del nostro Sistema sanitario, anche perché, come ha recentemente affermato il presidente Anac Raffaele Cantone, “ogni atto corruttivo in sanità è un attacco al nostro Ssn”. Ne abbiamo parlato con Pierpaolo Sileri, chirurgo e senatore del Movimento Cinque Stelle, tra gli ospiti dell’incontro che ha visto la partecipazione, tra gli altri, anche dell’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato.

LEGGI ANCHE: SANITÀ, GRILLO INCONTRA I DIPENDENTI DEL MINISTERO: «MERITO ED EFFICIENZA CAPISALDI DEL MIO MANDATO»

Senatore Sileri, la corruzione in sanità è un tema che le sta a cuore per la sua storia professionale. Si tratta di un tema da tenere sempre in considerazione per il nuovo Governo

«Il governo è partito, ci aspettano cinque anni di lavoro intenso. La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico ed universitario ho vissuto e vivo la corruzione nella sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti. Su 110 miliardi stanziati per la sanità, circa il 5-6% viene speso in problemi legati alla corruzione che rallenta un po’ tutto e mangia le risorse che invece dovrebbero essere destinate alla riduzione delle liste d’attesa o a offrire un servizio migliore e più omogeneo tra nord e sud d’Italia».

Quali sono gli altri grandi temi all’ordine del giorno da affrontare con urgenza, sia a livello parlamentare che governativo?

«Beh innanzitutto, come ha detto il presidente Conte, sarà necessario investire: investire significa far crescere e migliorare ciò che abbiamo, rivedere i contratti dei medici e degli infermieri che sono fermi da troppo tempo, gli orari di lavoro, le assunzioni; tutti problemi che sono andati via via peggiorando e hanno portato alla situazione che oggi osserviamo».

Articoli correlati
Zanzara tigre, Alessio d’Amato (Regione Lazio): «Una task force per una prevenzione in rete»
«I casi di Chikungunya verificatisi l’anno scorso hanno evidenziato l’importanza della prevenzione e del controllo dell’insetto che trasmette questa malattia: la  zanzare tigre». Lo ha dichiarato l’Assessore alla Sanità e Integrazione Socio-sanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato, presentando il tavolo di esperti del settore che ha come obiettivo quello di creare una task force per rafforzare […]
Vaccini, il Ministro Grillo: «Mai stata contro. Sono presidio fondamentale di prevenzione»
«Qualunque titolo di giornale che abbia riportato il contrario ha detto il falso», chiarisce l’esponente M5S. Sulle liste d’attesa: «Ordinare materia per farla funzionare»
Sanità, le sfide di Paola Boldrini (PD): «Medicina di genere e malattie rare tra le priorità. Ministro Grillo difenda salute pubblica»
La senatrice democratica annuncia una proposta di legge sulla fibromialgia. E si dice pronta ad un’opposizione costruttiva sui temi sanitari: «Quando c’è un problema da risolvere si devono superare anche i colori politici»
ECM, il Presidente FNOMCeO Anelli: «Ordini sollecitino iscritti su formazione. Verifica dei crediti del triennio 2014-2016 comincerà dal 2019»
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici, in una nota, ribadisce che «l’aggiornamento professionale resta un dovere di ogni medico» e annuncia le prossime scadenze in materia
Crisi Fondazione Ime, 30 lavoratori scrivono a Ministri e Regione Lazio: «Istituire al più presto tavolo»
L’Istituto Mediterraneo di Ematologia è in liquidazione dal 2015, ora è corsa contro il tempo per salvare i posti di lavoro. Nella struttura, interna al Policlinico Tor Vergata, vengono effettuati trapianti di midollo osseo in bambini affetti da patologie ematologiche provenienti da tutto il mondo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Leucemia infantile, tra le cause anche la mancata esposizione ai microbi. La ricerca pubblicata su Nature

Il Professor Greaves, autore dello studio: «L’incidenza della leucemia linfoblastica acuta infantile è maggiore nei Paesi sviluppati, non a causa di onde elettromagnetiche o agenti chimici, ma deg...