Giovani 16 dicembre 2014

Giovani medici: dopo il pasticcio, per i test è l’ora della verità

La pubblicazione delle graduatorie non ferma le polemiche e i ricorsi. Intanto il ministro Giannini posticipa al 2016 l’abolizione del Numero Chiuso per Medicina

Immagine articolo

Per i giovani medici, o aspiranti tali, che vivono, studiano e lavorano nel nostro Paese, sono giornate cruciali.

I camici bianchi che hanno partecipato al test di ammissione alle scuole di specializzazione viziato da irregolarità, accertate anche dal Miur, stanno proprio in questi giorni avendo aggiornamenti sul proprio destino professionale: il 12 dicembre sono infatti state pubblicate le graduatorie aggiornate di ogni scuola di specializzazione con l’indicazione per ogni candidato della posizione e della sede universitaria in cui lo stesso è assegnato (prima preferenza utile) tenendo conto della posizione in graduatoria di tutti i candidati che lo precedono e delle relative preferenze. I candidati stanno provvedendo proprio in questi giorni alla propria iscrizione presso gli Atenei. Il termine massimo per farlo sono quattro giorni lavorativi.

Entro il 18 dicembre ogni Università dovrà preoccuparsi di comunicare al Cineca (il Consorzio che ha gestito materialmente le prove) i nomi dei candidati iscritti alla scuola. Il giorno successivo, invece, il Cineca stesso procederà alla pubblicazione delle nuove graduatorie provvisorie e si riavvieranno conseguentemente le procedure. Le date dei successivi scorrimenti saranno, infine, pubblicate settimanalmente sul sito riservato dei candidati. Caso chiuso? Neanche per sogno. Le polemiche non si placano e i ricorsi sono molto più che un’ipotesi.

Ma dicembre è stato un mese importante anche per chi medico vuole diventarlo. Il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini ha infatti ribadito la sua ferma intenzione di modificare sostanzialmente il metodo di ingresso alla facoltà di Medicina. Il percorso si compone di due tappe: la prima, prevista per il prossimo anno, prevede “un serio orientamento in tutte le scuole” che permetta “una prima scrematura in base all’autoesclusione degli studenti che scopriranno così da soli di non avere l’inclinazione per medicina”; la seconda, invece, è la riforma vera e propria che partirà nel 2016 e garantirà “l’accesso libero di tutte le matricole e uno sbarramento al primo anno o dopo sei mesi”. Perché così tardi? “Perché – spiega il ministro Giannini – non vogliamo mettere a rischio la qualità del primo anno del corso di Medicina, secondo per qualità solo alla Francia, secondo tutti i ranking internazionali”.

Articoli correlati
SIGM su nuovo Concorso Nazionale Specializzazioni: «Troppe incognite. Serve più chiarezza»
«In un orizzonte di completo silenzio da parte del MIUR la nostra Associazione s’interroga su quale sia lo stato dell’arte per il prossimo concorso SSM2017, dalle reali tempistiche per la pubblicazione del bando alla realizzabilità delle auspicate modifiche e semplificazioni sulle procedure concorsuali che la nostra Associazione, assieme al Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi, ha reiteratamente […]
Lorenzin ai medici FNOMCeO: «Giovani hanno pagato crisi più degli altri»
Il Ministro alla Salute al Consiglio Nazionale della Federazione ha anche fissato le priorità del nuovo governo: approvazione Legge sulla responsabilità professionale e Riforma delle Professioni Sanitarie
«I nostri giovani chirurghi scappano all’estero». SIC spiega perché e come evitare la “fuga”
Risorse, formazione, aggiornamento ECM le note dolenti. Ma le iniziative delle Società Scientifica e le partnership per gli under 35 possono finalmente segnare una svolta. Intervista al Segretario/Tesoriere di Sic, il dottor Luciano Landa.
Giovani medici, Presenti (Cic): «Puntare sull’innovazione per garantire formazione ai giovani»
Il presidente del Collegio Italiano Chirurghi, Luigi Presenti, ai microfoni di Sanità Informazione: «Ben venga l’obbligo dei crediti che sensibilizza sulla necessità dell’aggiornamento. Percorsi formativi innovativi per il medico del futuro, per i giovani fondamentale aggiornarsi per inserirsi nel mondo del lavoro»
Ex specializzandi, transazione all’esame finale. Aiello (NCD): «In tempi brevi si arriverà a soluzione»
Sanità Informazione ha intervistato il primo firmatario (insieme ad altri 20 senatori) del Disegno di legge unificato che propone un accordo transattivo per chi ha frequentato una scuola post-laurea in medicina tra il 1978 e il 2006. Nel frattempo, altri 18 milioni di euro consegnati da Consulcesi ai camici bianchi di Napoli e provincia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...