Mondo assicurativo 1 agosto 2016

La polizza di responsabilità del libero professionista si estende automaticamente alla conduzione dello studio?

Sono un odontoiatra con un mio studio professionale in provincia di Benevento. Ho stipulato da molti anni una polizza di responsabilità professionale con una importante compagnia italiana. In tutti questi anni, nonostante non abbia mai denunciato alcun sinistro, la polizza mi è stata modificata almeno tre volte con un premio di assicurazione sempre più elevato. […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono un odontoiatra con un mio studio professionale in provincia di Benevento. Ho stipulato da molti anni una polizza di responsabilità professionale con una importante compagnia italiana. In tutti questi anni, nonostante non abbia mai denunciato alcun sinistro, la polizza mi è stata modificata almeno tre volte con un premio di assicurazione sempre più elevato. A fronte di questa mia costante disponibilità, la prima situazione di necessità ha mostrato tutta la debolezza della polizza e la scarsa affidabilità del mio assicuratore. Si è verificata una perdita d’acqua da uno degli impianti sanitari dello studio; questa perdita ha provocato danni abbastanza importanti all’appartamento sottostante. La mia compagnia di assicurazione ha risposto alla mia denuncia informandomi che «la polizza non prevede questa tipologia di danni, in quanto questi esulano dalla responsabilità professionale» e che quindi non assumeva la gestione del sinistro. Io sono rimasto veramente sorpreso per la risposta della compagnia. Pensavo di essere assicurato in maniera completa per la mia attività professionale ed in verità ancora lo ritengo. Chiedo dunque la sua opinione: il fatto accaduto rientra o meno nella mia attività, e quindi nella responsabilità professionale?

Una risposta specifica sul caso dipende dalla verifica della sua polizza di assicurazione. In via generale posso precisare che di norma la polizza di responsabilità professionale si limita a garantire gli effetti dannosi della personale negligenza, imperizia o imprudenza del professionista assicurato. Quindi tutto il resto dovrebbe esulare dalla copertura; In particolare l’area di rischio che riguarda la “conduzione dello studio”. Condivido la sua opinione circa la scarsa attenzione che il suo assicuratore ha riservato alla sua polizza ed alla analisi del suo profilo di rischio. Nel suo caso ben altre e più importanti possono essere le lacune della sua polizza. Per esempio quelle riguardanti i danni provocati dai suoi collaboratori di studio e quelli da questi subiti durante l’attività lavorativa. Debbo anche precisare che, mentre la gran parte delle compagnie esclude nelle polizze tutti i rischi non direttamente professionali, vi sono invece compagnie di assicurazione che autonomamente prevedono per i liberi professionisti l’estensione ai rischi della conduzione del loro studio professionale. Suggerisco quindi a Lei di revisionare al più presto la sua polizza adeguandola alle sue effettive esigenze ed ai suoi colleghi di utilizzare un consulente professionale che, tramite una intervista mirata sul profilo della attività del medico, sia capace di individuare l’effettiva specifica necessità di copertura assicurativa.

Articoli correlati
Legge Gelli, parla il chirurgo: «Valutare caso per caso, a volte il rischio è necessario»
In attesa dei decreti attuativi, il punto di vista del professor Valentino Valentini, chirurgo Maxillo-Facciale: «Quello che viene definito ‘errore’, spesso è un tentativo di salvare la vita del paziente»
«Il 50% dei magistrati ancora non applica Legge Gelli sulla nomina dei consulenti»
Il Professor Macrì: «Molti magistrati stanno vanificando le innovazioni della Legge. Medici e cittadini hanno diritto ad avere un vaglio tecnico di qualità, negato dalle nomine di un solo un consulente»
Legge Gelli: prime applicazioni giurisprudenziali. Gaudio, Rettore Sapienza: «Finalmente medico torna a fare il medico»
«La Legge Gelli ha determinato anche un grosso risparmio per il sistema, la medicina difensiva ha dei costi notevoli ed è un bene che si esca da questo terreno paludoso» lo dichiara Eugenio Gaudio, Magnifico Rettore dell’Università Sapienza di Roma
Calano denunce ma aumentano risarcimenti: ecco i primi effetti della Legge 24/2017. Gelli: «Decreti assicurazioni entro fine novembre»
Colpa grave: come funziona quando il professionista è autonomo ma opera in una struttura? «Non ci sono dubbi, la tutela deve essere garantita dall’assicurazione della struttura». Presentato da Consulcesi & Partners il manuale edito da Giuffrè
Legge Gelli: esperti a confronto sul rischio clinico e il contenzioso medico legale
Il 19 ottobre a Roma, il network di studi legali Consulcesi & Partners e “Sanità Sicura” presentano “La nuova responsabilità sanitaria e la sua assicurazione” il libro, a cura dell’Onorevole Federico Gelli edito da Giuffrè, che chiarisce i connotati della responsabilità medico-sanitaria dopo l'approvazione della Legge e in attesa degli ultimi decreti attuativi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...