Lavoro 22 novembre 2017

Pizza e birra al posto dello stipendio. Giovani medici protestano su Facebook: «No alla sanità low cost»

È legittimo offrire ad un medico una cena a base di pizza e birra al posto dell’onorario che gli spetta di diritto? E uno stipendio di 3,50 euro all’ora? E il medico, cosa deve fare quando riceve proposte del genere? «Nel momento in cui un collega accetta una tariffa che viola il tariffario minimo dev’essere […]

Immagine articolo

Personale sanitario incrocia le braccia durante uno sciopero in una immagine d’archivio. ANSA/STRINGER

È legittimo offrire ad un medico una cena a base di pizza e birra al posto dell’onorario che gli spetta di diritto? E uno stipendio di 3,50 euro all’ora? E il medico, cosa deve fare quando riceve proposte del genere? «Nel momento in cui un collega accetta una tariffa che viola il tariffario minimo dev’essere sanzionato dall’Ordine. Nessuno dev’essere messo in condizioni di prender parte a una sanità low cost». La dottoressa Lucrezia Trozzi, fondatrice del gruppo Facebook “Gmas, Giovani medici anti sfruttamento”, intervistata da Repubblica.it espone la sua proposta per combattere una deriva che negli ultimi tempi si sta facendo sempre più pesante: quella di pagare con moneta diversa dal denaro corrente, o comunque ben al di sotto del minimo, le prestazioni dei camici bianchi: «Mi sentivo in un suq arabo – ha raccontato ancora –. Mi sono ritrovata a dover contrattare il mio onorario per una prestazione di 118, un servizio di emergenza per il quale seguiamo un corso di formazione di oltre mille euro. La responsabile della cooperativa che mi aveva chiamato voleva pagarmi ancora meno della tariffa praticata a Roma, che è di 16 euro l’ora. Poi, tramite passaparola, mi è arrivata un’altra offerta: servizio di ambulanza a una corsa di cavalli. Hanno cercato di convincermi che 13 euro l’ora fossero un compenso adeguato. È stata la prima volta che ho rifiutato un’offerta di lavoro. Mi sono detta che non potevo essere la sola in questa situazione e ho creato il gruppo su Facebook».

«Cari colleghi e care colleghe – si può leggere nella descrizione del gruppo Facebook fondato da Lucrezia Trozzi e dal collega Nicola Pescetelli ad inizio novembre e che conta già 2.800 membri –, abbiamo creato questo gruppo con lo scopo di condividere tra noi le proposte di lavoro che siano risultate inadeguate, come compenso e condizioni, per dei professionisti quali siamo. Chi aderisce al gruppo pensa che un medico sia un professionista, che merita un trattamento in linea con la sua preparazione e le sue responsabilità. Vi preghiamo di ricordare chi siete ogni volta che accettate un incarico, e ci auguriamo che ognuno lotterà, supportato dai colleghi, affinché non esistano più giovani medici sfruttati sul territorio. Se non ci aiutiamo fra noi, nessuno lo farà».

«Ho aperto il gruppo perché mi sentivo sola e impotente – continua Lucrezia su Repubblica.it -, ho scoperto invece che ci sono tantissimi colleghi che la pensano come me. L’obiettivo non è denunciare chi ci fa queste proposte, ma tutelare la professione. Quello che ci interessa è avere l’attenzione degli Ordini provinciali dei medici».

Articoli correlati
Aggressioni medici, pioggia di adesioni al sit in dell’OMCeO Palermo
Da Cittadinanzattiva Sicilia all'Associazione diabetici Palermo fino al Comitato consultivo dell'azienda Arnas Civico di Palermo: tante le realtà presenti alla manifestazione in in Piazza Politeama. Amato: «Sensibilizzare i cittadini investendo nella comunicazione»
OMCeO Palermo, sit-in contro aggressioni ai medici
Basta violenza, basta aggressioni. Questo è il senso del sit-in organizzato dall’ordine dei medici di Palermo domani alle 15.30, in piazza Politeama. L’obiettivo è rilanciare l’appello a tutti i medici siciliani, professionisti della sanità, rappresentanti istituzionali, sindacali e associazioni di pazienti, a manifestare pacificamente contro ogni forma di aggressione, a partire dalle violenze che si […]
Contratto medici, Coletto (Agenas): «Serve sforzo per rinnovo. Sistema sanitario italiano è quello che costa meno in Europa»
Il presidente dell’Agenzia per i Servizi sanitari Regionali chiarisce: «Gli accantonamenti da parte delle Regioni sono stati fatti, si tratta solo di definire le modalità». Poi sottolinea: «Preparazione dei medici italiani è tra le migliori»
Cittadinanzattiva e FNOMCeO insieme per celebrare la XII Giornata Europea dei diritti del malato
Partono dall’Italia le celebrazioni della XII Giornata Europea dei diritti del malato, promossa da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato in Italia e in Europa da Active Citizenship network, progetto europeo di Cittadinanzattiva, quest’anno grazie anche alla importante partnership con la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri. Le iniziative si svolgeranno […]
#PicchiateMe, lettera aperta di Silvestro Scotti (Fimmg) ai cittadini: «Se picchiate un medico picchiate voi stessi»
Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli usa l’arma della provocazione intervenendo sul tema delle aggressioni ai camici bianchi. E sottolinea: «Lo Stato non difende chi difendendo il diritto alla salute si prende cura del senso stesso dello Stato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Lavoro

Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni

L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pe...