Lavoro 2 febbraio 2016

Orari di lavoro, l’Asl Roma 6 punta su «strategie non convenzionali»

Inizia il nostro viaggio nelle aziende sanitarie. Il direttore sanitario Narciso Mostarda: «Avviati progetti pilota sperimentali per stroncare i turni massacranti». Personale in sofferenza, in tanti fanno ricorso per le violazioni pregresse: «Colpa del meccanismo, bisogna fare un passo avanti»

Immagine articolo

Blocco del turn over e orari di lavoro massacranti? Niente paura. La Sanità del Lazio raccoglie la sfida e, in attesa, di soluzioni concrete “dall’alto”, si rimbocca le maniche. Per fare cosa, ce lo ha raccontato il direttore sanitario della Asl Roma 6 di Albano Laziale, il dottor Narciso Mostarda. Di recente le ASL del Lazio riordinate per un’efficienza che tenti di affrontare al meglio le problematiche della Sanità.


«La riorganizzazione è un punto di forza soprattutto in un momento difficile come questo, dopo 8 anni di blocco del turnover e dei concorsi. Questo ha generato un vulnus rispetto al numero di professionisti utili per costruire nuovi progetti di salute ed una compressione dell’attività lavorativa. Questi fattori stanno inducendo le aziende sanitarie locali di questa regione, e immagino di tutte quelle in piano di rientro, a costruire strategie non convenzionali di tipo assistenziale».

Di che tipo?
«Abbiamo cominciato a ragionare con i professionisti, sia a quelli del comparto che a quelli della dirigenza, perché c’è la necessità di mettere insieme le aree omogenee, non più per specialità singola, ma per branche di specialità che afferiscono alla stessa area. Stiamo cercando di mettere insieme tutta l’area chirurgica negli ospedali, così come tutta l’area medica, lasciando a sé l’area critica che è quella dell’emergenza, del pronto soccorso. Questa riorganizzazione ovviamente cerca di ottimizzare le risorse, di generare dei percorsi assistenziali diversi. Lo stiamo sperimentando negli ospedali di Velletri ed Anzio: sono dei progetti pilota. Stiamo pensando sostanzialmente a un week hospital e ad un long hospital, cioè una week surgery e una long surgery. Questo ci consente di provare a comprimere la necessità di alcuni setting assistenziali per alcuni giorni della settimana, garantendo sull’emergenza invece un setting dilatato 24 ore per tutti i giorni della settimana. Ovviamente cambiare è difficile ed è anche faticoso».

Lei ha accennato alla necessità di uno sblocco del turnover. Anche le istituzioni hanno più volte confermato che questa è la soluzione. Ma ora ci si ritrova a fare i salti mortali per affrontare i nuovi orari di lavoro dettati dall’entrata in vigore della legge 161/2014 in applicazione della direttiva Ue 2003/88.
«Sull’orario di lavoro stiamo garantendo una cosa essenziale: il periodo di riposo di astensione dal lavoro a tutti per un tempo di 11 ore consecutive. Questo è un paletto. Intorno a questa necessità inderogabile stiamo però ricostruendo anche la turnistica. È ovvio che una volta si poteva e capitava spesso di sforare i turni ordinari. Questo avveniva per malattie o assenze improvvise: chi era in servizio non poteva lasciarlo perché il cambio di turno avveniva a vista. Oggi cosa accade? Teoricamente non è cambiato nulla. Noi non possiamo sguarnire le unità operative. Però l’organizzazione ha messo al centro questo tempo di riposo e di astensione dal lavoro che è fondamentale. Per cui stiamo ricorrendo anche ad alcune figure che sono dei jolly reperibili laddove ci fossero queste assenze improvvise. Piuttosto che pesare su dipendenti che hanno già fatto il loro turno, potrebbero garantire il riposo naturale a chi ha già lavorato. Sono delle misure che stiamo provando ad adottare. Siamo comunque molto fiduciosi che ci possa essere una riapertura per provare a recuperare delle risorse nuove».

Effettivamente si sta ancora cercando delle soluzioni attraverso le assunzioni. Nel frattempo numerosi medici stanno avviando ricorsi in virtù di un diritto sancito anche dall’Unione europea.
«Sì, questa è una situazione molto delicata e direi anche paradossale per certi versi. Professionisti che hanno sempre svolto e che continuano a svolgere con grande dedizione e abnegazione un lavoro impegnativo e faticoso. Ora sono costretti ad attivare dei percorsi anomali rispetto al riconoscimento di un diritto fondamentale alla tutela della propria salute da lavoratore per giunta impegnato al servizio della salute di altri. Questo meccanismo purtroppo mi sembra un po’ paradossale e sarebbe molto più interessante se riuscissimo a fare uno scatto in avanti, provando a dosare meglio, a restituire un po’ di linfa ai servizi perché penso che siamo arrivati al punto critico. Questo vale  a cominciare dai servizi di emergenza. Molti pronto soccorso degli ospedali di questa regione vanno in crisi durante la stagione influenzale».

Articoli correlati
Turni massacranti, un anno dopo: legge inapplicata, i medici dicono basta
Camici bianchi in agitazione: senza gli emendamenti richiesti alla legge di Bilancio, lunedì 28 sarà sciopero: assunzioni, contratto e stabilizzazioni temi centrali esattamente come dodici mesi fa quando entrò in vigore la Legge 161 sugli orari di lavoro. Ecco cosa (non) è cambiato…
Poco personale e giovani precari, l’allarme dei cardiologi Romeo (Tor Vergata): «Così il nostro lavoro è quintuplicato»
Niente assunzioni dal 2008 e giovani precari anche dopo 7 anni di lavoro. È il quadro che il dottor Franco Romeo, direttore della Cattedra di Cardiologia dell’Università degli Studi Tor Vergata di Roma, fa della realtà in cui lavora. Realtà che, fatta esclusione per alcune strutture analoghe che non registrano grossi problemi di organico, rispecchia il generale andamento nazionale
Massa: la prima estate del Nuovo Ospedale Apuano, tra turni massacranti e casi di buona sanità
Un bambino di appena 4 anni, azzannato al volto e alla testa da un molosso, è stato ricoverato d’urgenza per una delicata operazione al Nuovo Ospedale Apuano, da gennaio 2016 punto di riferimento di tutta la provincia di Massa Carrara. Secondo quanto riportato dal quotidiano “La Nazione” soccorso e cure sono state prestate con celerità, consentendo al bambino di conservare l’uso della vista ed evitare conseguenze più gravi. Un risultato non indifferente, considerati i sit-in recentemente organizzati dalle principali sigle sindacali per denunciare la carenza strutturale di personale e il ricorso a turni di lavoro massacranti.
Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…
Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Medici e burn-out: un corso per “difendersi”
Non esiste una soluzione facile, né permanente. È una amara constatazione quella del dottor Dike Drummond, medico di famiglia e uno dei massimi esperti americani nella prevenzione e cura della sindrome da burn-out, lo stress psicoemotivo che affligge i camici bianchi sottoposti a turni massacranti e alla pressione dovuta dalle responsabilità di un mestiere così […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Ecm

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti E...