Diritto 6 dicembre 2016

Referendum, l’Italia ha detto No. Quale futuro per la sanità?

A rischio Lea, Ddl Gelli, rinnovo contratti e convenzioni SSN. Con il No al Referendum si aprono nuovi scenari per la sanità. Tante le domande in attesa di risposta

Lea, rinnovo contratti, rischio clinico, Ddl concorrenza e nodo farmacie, su questi punti forti incertezze all’indomani del No. Bocciata la riforma costituzionale, si aprono altri scenari politici. Un nuovo premier e una nuova squadra, il Governo è da riscrivere e anche per il comparto sanità c’è da mettere in conto una serie di cambiamenti. Intanto su richiesta del presidente della Repubblica Mattarella, il premier Renzi ha congelato le sue dimissioni in previsione dell’approvazione della importantissima Legge di Bilancio, il cui iter parlamentare ipoteticamente si concluderà entro la settimana. Nei prossimi giorni sarà tutto da vedere. Ma quali saranno le possibili trasformazioni che subirà la sanità? Alla guida del Ministero della Salute rimarrà Beatrice Lorenzin? Il Ministro, una delle maggiori sostenitrici del Sì e insieme a Matteo Renzi, con cui ha sottoscritto un patto dalle larghe intese, incassa la drammatica sconfitta. Dopo un iniziale silenzio stampa la Lorenzin ha fatto capolino su Twitter: «Insieme a milioni di italiani, abbiamo giocato una bella partita e l’abbiamo persa. È stato bello e giusto giocarla: per l’Italia», ha dichiarato con un pizzico di malinconia.

Sono molti i provvedimenti il cui futuro, all’indomani del No, diventa incerto. Innanzitutto, che accadrà ai Lea? Sui Livelli Essenziali di Assistenza il Parlamento deve ancora pronunciarsi ma dopo un lungo iter sembrava fossero giunti vicini al traguardo. Ora lo stop è inevitabile. Dunque toccherà al nuovo Governo vararli in Consiglio dei Ministri, ma quando? Con a capo quale Premier? I tempi sono stretti e per adesso si brancola nel buio. Molto probabilmente per l’approvazione definitiva si dovrà attendere più del previsto. Per quanto riguarda il rinnovo dei contratti invece, cosa accadrà? Quello per il pubblico impiego sembrerebbe una promessa che Renzi vuole mantenere a tutti i costi, ma i dipendenti del Sistema Sanitario Nazionale cosa devono aspettarsi? E per il rinnovo delle convenzioni? In questo scenario anche il rischio clinico rischia di sprofondare nella palude dell’incertezza.

Per quanto riguarda la responsabilità professionale invece, quale sarà il destino del Ddl Gelli? Il Disegno è stato approvato lo scorso gennaio alla Camera e attende la seconda lettura in Senato. Anche in questo caso, l’ipotesi più attendibile è un probabile slittamento a data da definire. C’è poi la Riforma Madia sulla Pubblica Amministrazione che, respinta dalla Corte Costituzionale, rimane sospesa insieme agli sforzi della Lorenzin e della Madia per riformare il sistema di nomine dei Direttori generali delle Aziende sanitarie con la costituzione del primo Albo nazionale. A rischio inoltre l’approvazione del Ddl di Riforma degli ordini, il Ddl Concorrenza e tutta la partita sul farmaco, sui ticket e sulle cure.

Articoli correlati
Più risorse e abbattimento liste d’attesa, le proposte del M5S in tema di Sanità
Al Villaggio Rousseau il candidato premier Di Maio ha illustrato i 20 punti del programma pentastellato. Previsti 17 miliardi per aiutare le famiglie con figli. Tra i candidati anche il presidente del Forum italiano Disabilità Vincenzo Zoccano
Aggiornamento medici: Policlinico Palermo ed Omceo firmano protocollo
L’Azienda ospedaliera universitaria-Policlinico Paolo Giaccone di Palermo ha affidato la gestione della formazione e dell’aggiornamento professionale per i medici della struttura ospedaliera all’Ordine dei medici di Palermo. Ѐ stato infatti siglato un protocollo tra le due istituzioni, a firma del commissario dell’Azienda ospedaliera Fabrizio De Nicola e il presidente dell’Omceo di Palermo Toti Amato. Obiettivi dell’accordo? Avere medici sempre […]
Meritocrazia, stop precariato ed estensione cure sanitarie: ecco il programma Sanità del centrodestra
Nel decalogo della coalizione anche più sostegno alla famiglia e centralità del rapporto medico-paziente nel circuito dell'assistenza sanitaria. Il patto firmato ad Arcore da Berlusconi, Meloni e Salvini
L’appello di Ricciardi (Iss) e altri 40 medici: «Serve alleanza tra politica e scienza»
Il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità condivide su Facebook un messaggio in cui chiede più collaborazione tra mondo scientifico e mondo politico e approva «il dialogo più stretto tra istituzioni e mondo della ricerca» portato avanti dal ministro Lorenzin.
Contratto Sanità, Cosmed: «Niente rinnovo dal 2009, ma partono formalità per 2019 -2021»
La Confederazione sindacale della dirigenza medica denuncia l'avvio delle misure per la rilevazione della rappresentatività sindacale ai fini della stagione contrattuale 2019-21. «In materia di contratti la burocrazia è la cosa che funziona meglio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...