Diritto 8 luglio 2014

Assicurazioni: Italia fanalino di coda in Europa senza un testo unificato

La presidente della Commissione Igiene e Sanità in Senato, De Biasi, sprona il Parlamento: “Necessario garantire sicurezza a professionisti e cittadini”

Immagine articolo

La legge sulla Rc professionale medica  entrerà in vigore il mese prossimo, a meno di un ennesimo – e sempre più vociferato – slittamento, ma in Parlamento il dibattito è ancora acceso.

Le istituzioni che si occupano della Sanità sono inevitabilmente in prima linea, e sul tema, il nostro giornale ha intervistato la presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato, Emilia Grazia De Biasi, che sollecita un testo unificato tra le due Camere.

L’obbligo assicurativo imminente è un tema che le istituzioni devono affrontare in modo condiviso e completo, anche in prospettiva europea.
Senza dubbio: nel decreto sulla P.A. si opera anche sulla proroga assicurativa, e si sancisce l’obbligatorietà dell’assicurazione per il settore privato, e non per il pubblico. Ciò non significa far venire meno il sistema di sicurezza, ma semplicemente che l’assicurazione resta in capo alla struttura. Un secondo punto  riguarda proprio il disegno di legge sulla responsabilità medica, da approvare con testo unificato alla Camera e al Senato, per sveltirne l’iter e vararla entro l’anno. Siamo l’unico Paese europeo a non avere ancora una normativa in materia, ed è grave dal momento che i professionisti necessitano sicurezza, e ancora più ne hanno bisogno i cittadini. Il rischio, altrimenti, è che tutto si risolva nel rapporto con gli avvocati.

Si tratta, nei casi di colpa grave, di una responsabilità che sussiste per tutti.
Certo, quello della colpa grave è un tema fondamentale. C’è un punto, però, che andrebbe chiarito anche nel disegno di legge unificato, e cioè quali sono i livelli di modifica del codice penale su cui poter agire. Posto che dovrà essere garantita la massima sicurezza per tutte le parti in causa, se non sarà possibile modificare il punto di vista penale credo che dovremo ragionare rapidamente in termini di garanzia complessiva.

Il tema delle assicurazioni introduce anche quello relativo alle cure transfrontaliere in Europa.
La medicina transfrontaliera implica che i medici e tutto il personale sanitario possano circolare liberamente in Europa. Lo stesso vale per i cittadini, che potranno scegliere liberamente dove ricevere le cure. Un obiettivo che, per essere raggiunto, ci impone di prevedere dei sistemi di informatizzazione interoperabili.

Articoli correlati
Inefficacia della copertura per mancato pagamento del premio
Sono un odontoiatra ed ho in corso da anni una polizza per la mia responsabilità professionale con una primaria compagnia di assicurazione. La mia polizza scade il 31 dicembre di ogni anno, e quest’anno, di ritorno dopo due settimane di vacanza in concomitanza del capodanno ho trovato l’avviso di scadenza e di pagamento della rata. […]
di Ennio Profeta - consulente SanitAssicura
Il mondo delle assicurazioni
La definizione di fatti e circostanze note
di Assicurazione
Il mondo delle assicurazioni
Se l’assicuratore chiede notizie di altre polizze del cliente… 
di Assicurazione
Medicina difensiva, si accelera«Ridurre controversie pretestuose»
Il dossier Alpa andrà in commissione Affari Sociali. Ecco tutte le misure per ridurre il surplus di spesa pubblica (oltre 10 miliardi) causato dalla paura di essere denunciati dai pazienti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...