Cause 5 giugno 2017

Anestesisti, in calo le denunce per malpractice. Marinangeli, (AAROI EMAC Simulern): «Merito della formazione»

«Dato confortante, l’obiettivo è assicurare sempre il massimo della qualità» lo dichiara Alessandro Vergallo, Presidente Nazionale AAROI-EMAC in occasione della presentazione dello studio dell’Osservatorio nazionale permanente sul contenzioso medico-legale

Denunce in calo nei confronti degli anestesisti rianimatori. Lo rileva la seconda edizione dello Studio Aaroi Emac, realizzato dall’Osservatorio nazionale permanente sul contenzioso medico-legale istituito dall’Associazione nel 2016 e presentata al 13esimo Congresso Siared.  Prendendo in esame il triennio 2014-2016, emerge che le denunce analizzate sono state complessivamente 1.382 per un totale di 873 sinistri su oltre 10mila iscritti all’Associazione. Precisamente, nel 2014 sono state rilevate 540 denunce e 333 sinistri, 458 denunce e 263 sinistri nel 2015 e 384 denunce e 277 sinistri nel 2016. La riduzione netta delle denunce acquisisce un maggiore interesse se si considera che nel triennio valutato sono aumentati gli iscritti all’Aaroi Emac.

«Sono dati che mostrerebbero una diminuzione del coinvolgimento dei nostri colleghi nei processi di responsabilità civile – interviene Alessandro Vergallo, Presidente Nazionale AAROI-EMAC -. Il penale purtroppo segue un’altra via perché, come ben sappiamo, gli avvisi di garanzia vengono inviati a pioggia nei confronti di chiunque abbia anche minimamente transitato in un turno di lavoro finalizzato ad assistere il paziente. Però questi primi dati preliminari sono confortanti perché attestano che la rischiosità della nostra categoria è molto meno elevata di quella che si può normalmente essere portati a pensare. Trattandosi di un ambito di lavoro estremamente delicato su pazienti particolarmente fragili e spesso critici, è chiaro che è un dato confortante rispetto al livello di qualità che i nostri colleghi sono in grado di assicurare nella realtà quotidiana».

«Gli anestesisti rianimatori italiani, e precisamente l’istituzione AAROI EMAC, stanno lavorando da anni per ridurre la sinistrosità – commenta Franco Marinangeli, responsabile scientifico del centro di formazione di AAROI EMAC Simulern di Bologna – importante è cercare mediante corsi di formazione di migliorare la cultura. Ecco, lavoriamo ormai da anni su questo e riteniamo che, in parte, questi risultati siano dovuti anche veramente al miglioramento della qualità degli anestesisti rianimatori, in parte a un processo fisiologico. Infatti questa riduzione delle denunce in realtà io credo che rispecchi quello che accade anche per le altre categorie di medici, ed è un qualcosa che è già avvenuto negli anni scorsi nel mondo anglosassone, quindi ritengo che sia anche fisiologico».

«Ribadisco – prosegue – che la formazione sia stata in qualche modo fondamentale per questa riduzione di denunce. È un processo di miglioramento di qualità che rispecchia quello che si è fatto nei decenni scorsi anche nelle aziende manifatturiere. La differenza sostanziale tra noi e queste aziende è che noi lavoriamo su materiale umano, però l’oggetto è lo stesso, cioè cercare di arrivare a un sistema a zero difetti: lavorare sulle carenze, cercare di vedere il difetto nel sistema, le problematiche per cercare di correggere a monte il processo lavorativo».

Articoli correlati
AIOP Giovani, Michele Nicchio è il nuovo Presidente: «Tecnologie e formazione per vincere la sfida della sanità del futuro»
Succede a Lorenzo Miraglia. Guiderà l’associazione fino al 2021. «Vogliamo cambiare la cultura sanitaria in Italia, far capire che non è un costo ma un investimento per l’economia, per le nostre imprese ma soprattutto per il benessere dei pazienti e dei cittadini italiani», ha detto ai microfoni di Sanità Informazione
Responsabilità professionale e formazione ECM: medici non aggiornati a rischio nei contenziosi (e pagano assicurazioni più salate)
La Legge Gelli sulla responsabilità medico-sanitaria ha compiuto il suo primo anno di vita e, in attesa degli ultimi decreti attuativi che ne chiuderanno definitivamente il perimetro, l’aggiornamento professionale è lo snodo centrale della normativa
Simeu, XI Congresso nazionale. Le sfide del futuro, la Presidente Ruggieri: «Fermare aggressioni e aumentare posti scuole di specializzazione»
«Nei Pronto Soccorso italiani, oltre alle emergenze sanitarie, tutto il personale è chiamato a gestire altre due grandi sfide: le aggressioni ai danni dei sanitari e il sovraffollamento. Preoccupante la riduzione dei posti nelle scuole di specializzazione». È questo lo scenario delineato da Maria Pia Ruggieri, Presidente e Responsabile Scientifico del Congresso Nazionale Simeu, all’apertura dei lavori della XI edizione
di Isabella Faggiano
Maxi simulazione in esterna a Lampedusa: 130 medici italiani si formano sull’emergenza sanitaria
È in corso la II edizione del SIAARTI Academy CREM (Critical Emergency Medicine), evento formativo innovativo della Società Italiana di Anestesia, Analgesia, Rianimazione e Terapia Intensiva rivolto ai medici in formazione provenienti dalle 39 scuole di specializzazione in Anestesia, Rianimazione, Terapia Intensiva e del Dolore. Fino al 26 maggio Lampedusa sarà teatro naturale dell’evento SIAARTI […]
Come cambia il ruolo del paziente? Recchia (GSK Italia): «Da soggetto passivo ad attore, sarà fondamentale per la ricerca sul farmaco»
Il Direttore Medico e Scientifico dell’azienda farmaceutica spiega cosa si intende per “paziente esperto” e in che modo questa figura rivoluzionerà il mondo della ricerca farmacologica grazie alla formazione e al coinvolgimento diretto nella ricerca
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...
Lavoro

Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»

Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»