Diritto 5 giugno 2017

Anestesisti, in calo le denunce per malpractice. Marinangeli, (AAROI EMAC Simulern): «Merito della formazione»

«Dato confortante, l’obiettivo è assicurare sempre il massimo della qualità» lo dichiara Alessandro Vergallo, Presidente Nazionale AAROI-EMAC in occasione della presentazione dello studio dell’Osservatorio nazionale permanente sul contenzioso medico-legale

Denunce in calo nei confronti degli anestesisti rianimatori. Lo rileva la seconda edizione dello Studio Aaroi Emac, realizzato dall’Osservatorio nazionale permanente sul contenzioso medico-legale istituito dall’Associazione nel 2016 e presentata al 13esimo Congresso Siared.  Prendendo in esame il triennio 2014-2016, emerge che le denunce analizzate sono state complessivamente 1.382 per un totale di 873 sinistri su oltre 10mila iscritti all’Associazione. Precisamente, nel 2014 sono state rilevate 540 denunce e 333 sinistri, 458 denunce e 263 sinistri nel 2015 e 384 denunce e 277 sinistri nel 2016. La riduzione netta delle denunce acquisisce un maggiore interesse se si considera che nel triennio valutato sono aumentati gli iscritti all’Aaroi Emac.

«Sono dati che mostrerebbero una diminuzione del coinvolgimento dei nostri colleghi nei processi di responsabilità civile – interviene Alessandro Vergallo, Presidente Nazionale AAROI-EMAC -. Il penale purtroppo segue un’altra via perché, come ben sappiamo, gli avvisi di garanzia vengono inviati a pioggia nei confronti di chiunque abbia anche minimamente transitato in un turno di lavoro finalizzato ad assistere il paziente. Però questi primi dati preliminari sono confortanti perché attestano che la rischiosità della nostra categoria è molto meno elevata di quella che si può normalmente essere portati a pensare. Trattandosi di un ambito di lavoro estremamente delicato su pazienti particolarmente fragili e spesso critici, è chiaro che è un dato confortante rispetto al livello di qualità che i nostri colleghi sono in grado di assicurare nella realtà quotidiana».

«Gli anestesisti rianimatori italiani, e precisamente l’istituzione AAROI EMAC, stanno lavorando da anni per ridurre la sinistrosità – commenta Franco Marinangeli, responsabile scientifico del centro di formazione di AAROI EMAC Simulern di Bologna – importante è cercare mediante corsi di formazione di migliorare la cultura. Ecco, lavoriamo ormai da anni su questo e riteniamo che, in parte, questi risultati siano dovuti anche veramente al miglioramento della qualità degli anestesisti rianimatori, in parte a un processo fisiologico. Infatti questa riduzione delle denunce in realtà io credo che rispecchi quello che accade anche per le altre categorie di medici, ed è un qualcosa che è già avvenuto negli anni scorsi nel mondo anglosassone, quindi ritengo che sia anche fisiologico».

«Ribadisco – prosegue – che la formazione sia stata in qualche modo fondamentale per questa riduzione di denunce. È un processo di miglioramento di qualità che rispecchia quello che si è fatto nei decenni scorsi anche nelle aziende manifatturiere. La differenza sostanziale tra noi e queste aziende è che noi lavoriamo su materiale umano, però l’oggetto è lo stesso, cioè cercare di arrivare a un sistema a zero difetti: lavorare sulle carenze, cercare di vedere il difetto nel sistema, le problematiche per cercare di correggere a monte il processo lavorativo».

Articoli correlati
Legge Gelli: esperti a confronto sul rischio clinico e il contenzioso medico legale
Il 19 ottobre a Roma, il network di studi legali Consulcesi & Partners e “Sanità Sicura” presentano “La nuova responsabilità sanitaria e la sua assicurazione” il libro, a cura dell’Onorevole Federico Gelli edito da Giuffrè, che chiarisce i connotati della responsabilità medico-sanitaria dopo l'approvazione della Legge e in attesa degli ultimi decreti attuativi
La nuova responsabilità sanitaria e la sua assicurazione, la parola a Federico Gelli
Il 19 ottobre a Roma, il Responsabile Sanità del Pd Federico Gelli, gli avvocati Maurizio Hazan e Daniela Zorzit, i tre autori del libro “Nuova responsabilità e la sua assicurazione”, illustreranno l’impatto della Legge Gelli sulla responsabilità medico-sanitaria in campo penale e civile. A moderare l'incontro la giornalista RAI Vira Carbone
AAROI-EMAC, Vergallo confermato Presidente degli anestesisti rianimatori ospedalieri: «Diremo no ad un contratto in perdita»
Oltre al rinnovo contrattuale, il Congresso ha affrontato i temi della qualità e la sicurezza del lavoro e dell’aggiornamento professionale
Robot in corsia: il Careggi già in pista. La tecnologia ruberà lavoro ai medici? L’intervista al Direttore dell’AOU di Firenze
Sempre più ospedali tecnologicamente virtuosi si dotano di macchinari all’avanguardia che sostituiscono l’operato dell’uomo. Saranno spazzati via milioni di posti di lavoro? La risposta di Monica Calamai, Direttore Generale dell’Ospedale Careggi di Firenze...
Congresso CIMO a Firenze, il sondaggio tra i medici: «Basta burocrazia, #Liberalaprofessione»
Tra scienza medica e medicina amministrata, una sanità in costante evoluzione tecnologica ma in crisi di valori e di risorse. Questo lo spunto per l’assise del sindacato degli ospedalieri dal 21 al 24 settembre che eleggerà al Gran Hotel Mediterraneo a Firenze anche il nuovo Presidente
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

Enpam: «Pronti da subito a pagare pensioni in cumulo. Ora il problema sono i tempi»

Prime reazioni alla pubblicazione della circolare Inps che dà operatività al cumulo contributivo gratuito. «Resta il problema di quando queste pensioni saranno pagate» precisa la Fondazione