Diritto 22 luglio 2014

ACOI: su assicurazioni e formazione è l’Europa il modello da seguire

Intervista esclusiva a Diego Piazza, il nuovo presidente dei Chirurghi Ospedalieri Italiani

Immagine articolo

Il ruolo – ed il peso –  che il nostro Paese avrà nei prossimi sei mesi all’interno dell’Ue potrebbe portare sviluppi importanti ed incidere ad ampio raggio sulle politiche nostrane, tra cui quella sanitaria, attualmente alle prese con scadenze da rispettare e obblighi a cui ottemperare.

E’ questo l’auspicio del neoeletto presidente di ACOI, Diego Piazza, che Sanità Informazione ha ascoltato su alcuni fra i temi più scottanti per il mondo medico italiano.

Il semestre europeo a guida italiana è un momento importante, con tante iniziative che coinvolgono anche i Chirurghi Ospedalieri Italiani.
Assolutamente sì:  ho fatto dell’Europa il mio cavallo di battaglia, perché ritengo che farne parte sia un’opportunità e non un vincolo. Dobbiamo parlare in un termini europei sia nell’ambito della formazione pre-laurea e post-laurea, sia per quanto riguarda il dossier formativo dei singoli medici, sia sotto il profilo della qualità e della sicurezza negli ospedali italiani. A mio parere il modello positivo a cui tendere è quello rappresentato dal Nord Europa.

Nel nostro Paese sono tante le tegole che cadono costantemente sui medici…
Sì, penso ad esempio alla questione medico-legale affrontata in maniera totalmente errata. Anche in questo senso, guardiamo agli altri Paesi europei e cerchiamo di adeguarci al loro modello. Bisogna porre fine alla barbarie del procedimento medico-legale così come è concepito oggi in Italia, con periti inadeguati e oneri assicurativi incompatibili con il livello dei salari dei chirurghi italiani, salari che andrebbero anch’essi allineati agli standard europei.

A proposito di assicurazioni, ad agosto scatta il termine per la RC professionale. Probabilmente slitterà di nuovo ma, al di là dei termini, le istituzioni devono trovare una soluzione condivisa.
Per i medici che lavorano a tempo pieno nel sistema sanitario nazionale, credo che il problema assicurativo non debba riguardarli come singoli. Spetterebbe al Ssn, infatti, assumersi il rischio d’impresa: il professionista  opera in un sistema così complesso per cui la responsabilità non può essergli attribuita come individuo, ma dev’essere a carico del sistema di cui fa parte.

Tags

Articoli correlati
Il futuro della chirurgia? Per Acoi viene prima il presente dei giovani
Al congresso di Roma il Presidente Diego Piazza si concentra su due sfide: sistema universalistico e migliori opportunità per i giovani colleghi: «Già tante iniziative in campo, ma stiamo lavorando anche a nuovi accordi»
«Anche le aziende sanitarie dalla parte dei medici. Lo Stato risponda dei risarcimenti»
Intervista a Diego Piazza, presidente Acoi: “Stare vicino ai singoli professionisti che decidono di fare azioni individuali per tutelarsi”
Presenti (Acoi): “App e nuove tecnologie sono una grande opportunità, ma vanno certificate” 
Il presidente dei chirurghi ospedalieri plaude all'avvento delle App mediche. A patto che siano di qualità e affidabili
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...