Salute 24 marzo 2015

Con “Punto Biblio” la miglior cura è la lettura

L’iniziativa di Club Medici valorizza la struttura e arricchisce il paziente

Immagine articolo

La salute va a braccetto con la cultura, e l’ospedale può essere un luogo più rilassante e ameno di quello che comunemente si pensa.

E’ questo il doppio messaggio lanciato da Club Medici, protagonista del progetto “Punto Biblio”, un servizio di prestito bibliotecario e biblioteca multimediale istituito presso il Policlinico Universitario di Tor Vergata, rivolto ai pazienti e al personale ospedaliero, che si aggiunge all’ampia gamma di servizi offerti dall’associazione. Il riscontro del pubblico è tangibile, come costatato da Sanità Informazione e confermato con entusiasmo dagli operatori: “Settimana dopo settimana vediamo aumentare le iscrizioni: è una grandissima soddisfazione”.

L’iniziativa merita di essere esportata ad ampio raggio, per il valore aggiunto che apporta alle strutture che la mettono in atto: “L’ospedale è in tal modo valorizzato sia dal punto di vista dei pazienti sia dal punto di vista degli operatori sanitari. I servizi offerti sono vari: il servizio bibliotecario per chi è esterno o ricoverato, il servizio bibliotecario unito a quello di Club Medici, il servizio finanziario, turistico e assicurativo, rivolto a tutti gli operatori interni alla struttura, che possono usufruire di consulenze durante tutto l’arco dell’anno”.

“La nostra iniziativa – afferma Vincenzo Pezzuti, amministratore di Club Medici – è frutto di una riflessione su come qualificare il brand Club Medici non solo su servizi di quotidiana utilità come quello finanziario, assicurativo o turistico, ma anche su quelli a carattere sociale. Da qui l’idea di diventare lo strumento del servizio pubblico nel prestito bibliotecario. Un’esperienza fino ad oggi fantastica, e che auspichiamo venga condivisa anche da altre strutture ospedaliere. Credo che questo rapporto pubblico-privato sia un modello virtuoso e che darà buoni frutti.

Un interesse  manifestato anche dalle istituzioni? “Assolutamente sì – continua Pezzuti – basti pensare che all’inaugurazione del “Punto Biblio” è stata tenuta una conferenza con il Rettore dell’Università. Anche il Comune di Roma, peraltro direttamente coinvolto, ha manifestato attenzione per questa iniziativa. I prossimi mesi saranno impegnativi, e vedranno il coinvolgimento degli organi di stampa e istituzionali per divulgare questo modello che, senza costi, inserisce servizi di comfort in luoghi dove c’è sofferenza”.

Articoli correlati
Bambini disabili: lo sport giusto fa bene. Ma lo deve prescrivere il medico: dal tennis al nuoto, ecco i consigli
L’attività fisica è un elemento fondamentale nella crescita ed evoluzione psicofisica dei giovani. Bambini e adolescenti affetti da malattie croniche e disabilità non devono fare eccezione. I consigli dello specialista esperto per la scelta delle attività più indicate nelle differenti situazioni patologiche
Migranti e salute, le indicazioni del SIMM. Marceca: «Puntare su formazione personale e corretta comunicazione»
Il Presidente della Società Italiana di Medicina delle Migrazioni spiega ai nostri microfoni quali sono i benefici di un corretto approccio al processo migratorio: «Gli operatori sanitari devono essere addestrati adeguatamente ad affrontare qualsiasi situazione». E aggiunge: «La capacità di curare gruppi di popolazione più vulnerabili fa crescere anche la qualità dei servizi forniti agli “autoctoni”»
Velocità e precisione: all’Ifo di Roma arriva Cyberknife, il robot che rivoluziona la radiochirurgia
Precisione, salvaguardia dei tessuti sani, minore invasività, riduzione degli effetti collaterali e del dolore. Sono questi i benefici di CyberKnife rispetto alle procedure di radioterapia tradizionali. Giuseppe Sanguineti, Direttore di Radioterapia oncologica dell’Ifo, lo definisce una vera rivoluzione e descrive le peculiarità e le funzionalità ai microfoni di Sanità Informazione
Autocertificazione malattia, Giansante (Medicina Fiscale): «Un errore, solo il medico può capire reale entità problema»
Il Vicepresidente ANMEFI (Associazione Nazionale Medici di Medicina Fiscale) commenta ai nostri microfoni la proposta di legge firmata dal Senatore Romani che ipotizza la possibilità per i lavoratori di autogiustificare i primi tre giorni di assenza per malattia dal lavoro
La Giunta regionale stanzia 34 milioni di euro per progetti di alta specializzazione
La Giunta regionale dell’Emilia Romagna ha deciso di destinare 34 milioni di euro alle Aziende sanitarie e all’Istituto Ortopedico Rizzoli per finanziare funzioni specifiche all’interno dei tre “macro livelli” dell’assistenza: ospedaliera, territoriale, sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro. L’ortopedia ad elevata complessità, la cardiologiapediatrica, la cura della talassemia, la chirurgia della mano […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...