Università 31 marzo 2015

Pasticcio test specializzazione, il Consiglio di Stato reintegra 300 candidati 

Gli studenti potranno seguire i corsi in via temporanea fino alla decisione di merito. Il SIGM: “Impossibile realizzare meritocratica selezione della classe dirigente medica”

Immagine articolo

Trecento candidati che avevano preso parte al test d’ingresso alla scuola di specializzazione in medicina che ha avuto luogo lo scorso novembre potranno frequentare i corsi fino al momento in cui verrà presa una decisione definitiva di merito.

Il Consiglio di Stato ha accolto l’istanza di sospensiva ordinando l’ammissione – temporanea, in sovrannumero e con effetto immediato – di alcuni ricorrenti che non avevano superato la prova.

La vicenda riguarda gli aspiranti specializzandi che hanno partecipato ai quiz ormai divenuti tristemente famosi per il “pasticcio” delle domande invertite. Al momento di sottoporre il questionario ai medici, infatti, il Cineca (ovvero il consorzio interuniversitario che ha proprio il compito di organizzare i test) ha per sbaglio sostituito i quesiti destinati ai candidati di Area Medica con quelli previsti per l’Area dei Servizi Clinici. Il Ministero si è accorto dell’errore in ritardo, decidendo per questo motivo di annullare la prova e di farla ripetere.

Tornando alla sentenza di Palazzo Spada, è evidente che questa strida parecchio con quanto stabilito solo pochi giorni fa dal TAR del Lazio, che aveva respinto un analogo ricorso. A partire da questo momento, dunque, tutti i ricorrenti hanno a disposizione 60 giorni per appellarsi al Consiglio di Stato e chiedere, in questo modo, la riammissione ai corsi.

Immediata la presa di posizione dei giovani medici del SIGM: “La giustizia amministrativa – spiegano infatti in una nota – ancora una volta conferma come questo sia il Paese in cui non si riesce a realizzare una adeguata e meritocratica selezione della classe dirigente della sanità”. Ma oltre ai “gravi disservizi” che sono stati registrati in occasione del concorso, “il MIUR continua a dimostrare scarsa attenzione nei confronti del capitolo della formazione medica specialistica anche su altri fronti”. Secondo l’Associazione Italiana Giovani Medici, il dicastero starebbe infatti “disattendendo la corretta implementazione della riforma del riordino dell’ordinamento didattico delle scuole di specializzazione, non ricorrendo alla definizione di indicatori di qualità per l’accreditamento ed imponendo un passaggio di ordinamento a scatola chiusa agli specializzandi in corso”. Per questi motivi il SIGM chiede “l’adozione di un piano strutturale di interventi per tutelare il diritto ad una formazione specialistica in linea con gli standard di qualità europea”.

Nel frattempo, l’associazione ha organizzato un “mail bombing” per chiedere “al MIUR ed al Ministero della Salute di farsi garanti dell’adozione e dell’utilizzo” di “specifici indicatori di qualità” da affiancare “agli standard e ai requisiti strutturali e organizzativi ad oggi utilizzati ai fini dell’accreditamento ed attivazione delle scuole di specializzazione”. Sono invitati ad aderire all’iniziativa tutti i medici in formazione specialistica e gli aspiranti specializzandi.

Articoli correlati
Università di Firenze: test d’ammissione sbagliati per cinque facoltà. Tutti ammessi
I quesiti proposti non erano conformi a quelli indicati nel bando per l’ammissione: meno domande, materie diverse e parti mancanti. Per questo i 1.329 candidati che lo scorso 8 settembre avevano tentato il test d’ingresso per le facoltà di Biotecnologie, Scienze biologiche, Scienze farmaceutiche applicate, Farmacia e Controllo qualità, Chimica e tecnologia farmaceutiche all’Università di […]
Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare
Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intanto si parla di una probabile interrogazione parlamentare sul tema
Università, al via il test d’accesso a Medicina 2017: Come tutelarsi e vincere l’ansia
Il fatidico giorno del test nazionale per la facoltà di Medicina e Chirurgia è arrivato: il 5 settembre infatti, 66.907 ragazzi proveranno a superare la temutissima prova d’ingresso
Al via i test per l’accesso a Medicina: solo un candidato su sette ce la farà. Ecco tutti i numeri
66.907 ragazzi il 5 settembre tenteranno il test, ma i posti in palio sono solo 10.008. Dal 19 settembre saranno disponibili i risultati del concorso e il 3 ottobre sarà pubblicata la graduatoria
Fedeli: «Formazione e ricerca strategiche per il futuro del Paese»
«I numerosi interventi del rapporto declinano quasi esattamente i temi all’ordine del giorni del governo e del Miur. Fa piacere leggere nel rapporto che c’e’ una manifesta volonta’ di definire un’ampia politica per l’innovazione e penso ai percorsi di riforma avviati in università». Lo ha detto il Ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, intervenendo alla presentazione del […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...