Formazione 13 dicembre 2016

Numero chiuso, graduatorie riaperte? Il Miur apre uno spiraglio

Dopo le pronunce del Tar del Lazio e del Consiglio di Stato anche un’interrogazione parlamentare del M5S. Si va verso lo scorrimento dei candidati che avevano fatto ricorso dopo l’esclusione nei test del 2015. Ma il problema potrebbe ripresentarsi anche quest’anno

Nuovi spiragli per gli studenti esclusi nei test d’ingresso della facoltà di Medicina e Chirurgia. Nelle ultime ore sta infatti prendendo piede l’ipotesi di una riapertura delle graduatorie relative all’anno accademico 2015/2016. La prova in questione era stata caratterizzata da numerose irregolarità e una conseguente ondata di ricorsi che ha già portato il Tar del Lazio ad emanare sentenze favorevoli ai ricorrenti e, inoltre, ad una ordinanza del Consiglio di Stato in cui si riconosce una “disfunzione” nell’operato della macchina amministrativa. Sulla base, quindi, di queste pronunce, dopo mesi di stallo, dal Ministero della Pubblica Istruzione è trapelata la notizia di una possibile riapertura della graduatoria 2015. Una decisione che permetterebbe a numerosi candidati che hanno presentato ricorso di potersi immatricolare a Medicina e Chirurgia.

La riapertura delle liste di scorrimento era stata, ad ogni modo, oltre che da sindacati e pool di legali, anche dal Movimento Cinque Stelle attraverso un’interrogazione parlamentare rivolta al ministro della Pubblica Istruzione Stefania Giannini. «La riapertura delle graduatorie per l’accesso ai corsi di laurea in Medicina dovrebbe essere una priorità per il Miur eppure, nonostante le recenti sentenze del Consiglio di Stato e del Tribunale Regionale, tutto tace», ha dichiarato Francesco D’Uva, deputato M5S. Il pentastellato già a febbraio dello scorso anno, aveva posto l’accento sulla chiusura della graduatoria attraverso un’analoga interrogazione che denunciava come tale decisione «disponeva, altresì, la perdita di tutti i posti eventualmente non coperti».

Il problema rilevato nel 2015 e negli anni precedenti, è peraltro destinato a ripresentarsi anche quest’anno. Difatti il decreto ministeriale sulle modalità di accesso alle facoltà a numero chiuso nell’articolo 10 specifica che: «Gli eventuali posti che alla data della chiusura delle graduatorie dovessero risultare non coperti anche a seguito di rinunce successive all’immatricolazione non vengono riassegnati». Questa nozione, finora irremovibile, provoca un’ulteriore riduzione dei posti destinati agli aspiranti medici che dunque, vedono inevitabilmente calare le loro possibilità di successo. Una correzione alla norma è richiesta a gran voce da tanti studenti che, in molti casi, sono stati costretti ad agire per vie legali onde ribadire i loro diritti e denunciare graduatorie frutto di una prova d’accesso alterata da inesattezze e anomalie.

Articoli correlati
Test di medicina, boom di irregolarità: +75%. Presentata interrogazione parlamentare. Dal 3 ottobre pubblica graduatoria nazionale
Il portale www.numerochiuso.info ha registrato un incremento del 75% di denunce di irregolarità rispetto al 2016 provenienti da tutta Italia. Richiesta a gran voce una soluzione normativa
«La normativa sul numero chiuso va rivista». L’intervista al Senatore Antonio De Poli
Presentata un’interrogazione parlamentare sull’accesso programmato ad alcune facoltà universitarie. «Dobbiamo garantire una formazione a tutti i ragazzi che intendono studiare medicina, anche a distanza, grazie ai sistemi telematici»
Test d’ingresso a Medicina, boom di irregolarità denunciate: 5 atenei finiscono nel mirino
Problemi relativi a scheda anagrafica, non rispetto delle tempistiche, mancati controlli: centinaia di denunce raccolte. E chi è stato escluso già prepara il ricorso
Test Medicina, pubblicati i punteggi anonimi. I più bravi a Padova, Milano e Bologna
L’87,26% dei candidati è risultato idoneo, ottenendo il punteggio minimo di 20. È di 44,68 il risultato medio degli aspiranti medici, ma secondo le proiezioni si deve aver ottenuto almeno 60 punti per sperare in un posto in facoltà
Università di Firenze: test d’ammissione sbagliati per cinque facoltà. Tutti ammessi
I quesiti proposti non erano conformi a quelli indicati nel bando per l’ammissione: meno domande, materie diverse e parti mancanti. Per questo i 1.329 candidati che lo scorso 8 settembre avevano tentato il test d’ingresso per le facoltà di Biotecnologie, Scienze biologiche, Scienze farmaceutiche applicate, Farmacia e Controllo qualità, Chimica e tecnologia farmaceutiche all’Università di […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...