Formazione 13 dicembre 2016

Numero chiuso, graduatorie riaperte? Il Miur apre uno spiraglio

Dopo le pronunce del Tar del Lazio e del Consiglio di Stato anche un’interrogazione parlamentare del M5S. Si va verso lo scorrimento dei candidati che avevano fatto ricorso dopo l’esclusione nei test del 2015. Ma il problema potrebbe ripresentarsi anche quest’anno

Nuovi spiragli per gli studenti esclusi nei test d’ingresso della facoltà di Medicina e Chirurgia. Nelle ultime ore sta infatti prendendo piede l’ipotesi di una riapertura delle graduatorie relative all’anno accademico 2015/2016. La prova in questione era stata caratterizzata da numerose irregolarità e una conseguente ondata di ricorsi che ha già portato il Tar del Lazio ad emanare sentenze favorevoli ai ricorrenti e, inoltre, ad una ordinanza del Consiglio di Stato in cui si riconosce una “disfunzione” nell’operato della macchina amministrativa. Sulla base, quindi, di queste pronunce, dopo mesi di stallo, dal Ministero della Pubblica Istruzione è trapelata la notizia di una possibile riapertura della graduatoria 2015. Una decisione che permetterebbe a numerosi candidati che hanno presentato ricorso di potersi immatricolare a Medicina e Chirurgia.

La riapertura delle liste di scorrimento era stata, ad ogni modo, oltre che da sindacati e pool di legali, anche dal Movimento Cinque Stelle attraverso un’interrogazione parlamentare rivolta al ministro della Pubblica Istruzione Stefania Giannini. «La riapertura delle graduatorie per l’accesso ai corsi di laurea in Medicina dovrebbe essere una priorità per il Miur eppure, nonostante le recenti sentenze del Consiglio di Stato e del Tribunale Regionale, tutto tace», ha dichiarato Francesco D’Uva, deputato M5S. Il pentastellato già a febbraio dello scorso anno, aveva posto l’accento sulla chiusura della graduatoria attraverso un’analoga interrogazione che denunciava come tale decisione «disponeva, altresì, la perdita di tutti i posti eventualmente non coperti».

Il problema rilevato nel 2015 e negli anni precedenti, è peraltro destinato a ripresentarsi anche quest’anno. Difatti il decreto ministeriale sulle modalità di accesso alle facoltà a numero chiuso nell’articolo 10 specifica che: «Gli eventuali posti che alla data della chiusura delle graduatorie dovessero risultare non coperti anche a seguito di rinunce successive all’immatricolazione non vengono riassegnati». Questa nozione, finora irremovibile, provoca un’ulteriore riduzione dei posti destinati agli aspiranti medici che dunque, vedono inevitabilmente calare le loro possibilità di successo. Una correzione alla norma è richiesta a gran voce da tanti studenti che, in molti casi, sono stati costretti ad agire per vie legali onde ribadire i loro diritti e denunciare graduatorie frutto di una prova d’accesso alterata da inesattezze e anomalie.

Articoli correlati
Fedeli: «Formazione e ricerca strategiche per il futuro del Paese»
«I numerosi interventi del rapporto declinano quasi esattamente i temi all’ordine del giorni del governo e del Miur. Fa piacere leggere nel rapporto che c’e’ una manifesta volonta’ di definire un’ampia politica per l’innovazione e penso ai percorsi di riforma avviati in università». Lo ha detto il Ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, intervenendo alla presentazione del […]
SIGM su nuovo Concorso Nazionale Specializzazioni: «Troppe incognite. Serve più chiarezza»
«In un orizzonte di completo silenzio da parte del MIUR la nostra Associazione s’interroga su quale sia lo stato dell’arte per il prossimo concorso SSM2017, dalle reali tempistiche per la pubblicazione del bando alla realizzabilità delle auspicate modifiche e semplificazioni sulle procedure concorsuali che la nostra Associazione, assieme al Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi, ha reiteratamente […]
Fisioterapisti, Tavarnelli (AIFI): «Sì al Ddl Lorenzin, serve ordine professionale». Primo censimento per la categoria
L’Associazione Italiana Fisioterapisti insieme al Ministero della Salute per fare il punto della situazione. «Siamo 65mila, servono più anni di formazione» la parola al Presidente dell’Associazione Mauro Tavarnelli
Scuole specializzazione, SIGM e CNAS lanciano twittmob per modifiche al concorso nazionale
Nella giornata odierna il Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi (CNAS) col supporto dell’Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM) ha lanciato un tweetmob finalizzato a richiedere e ottenere una semplificazione organizzativa, nonché delle modifiche urgenti, delle modalità selezione per l’accesso alle Scuole di Specializzazione in Medicina. Gli hashtag #SSM17 #ConcorsoNazionale2017 sono risultati in testa ai “trend topic” in […]
«I nostri giovani chirurghi scappano all’estero». SIC spiega perché e come evitare la “fuga”
Risorse, formazione, aggiornamento ECM le note dolenti. Ma le iniziative delle Società Scientifica e le partnership per gli under 35 possono finalmente segnare una svolta. Intervista al Segretario/Tesoriere di Sic, il dottor Luciano Landa.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...