Giovani 11 aprile 2017

Fisioterapisti, Tavarnelli (AIFI): «Sì al Ddl Lorenzin, serve ordine professionale». Primo censimento per la categoria

L’Associazione Italiana Fisioterapisti insieme al Ministero della Salute per fare il punto della situazione. «Siamo 65mila, servono più anni di formazione» la parola al Presidente dell’Associazione Mauro Tavarnelli

Sono 64.866 i fisioterapisti in Italia. Questa la fotografia scattata dall’Associazione Italiana Fisioterapisti in occasione del primo censimento della categoria presentato qualche giorno fa presso l’Hotel Nazionale in Piazza Montecitorio. Il censimento, che ha visto una collaborazione tra AIFI e Ministero della Salute, sarà utile per definire nel dettaglio le caratteristiche di una professione sanitaria in via di sviluppo che richiama sempre più iscritti e allo stesso tempo reclama l’istituzione di un ordine professionale attualmente inesistenti. Su questi temi, ai nostri microfoni Mauro Tavarnelli, il presidente dell’AIFI.

In occasione dei risultati del censimento dei fisioterapisti è possibile tracciare un quadro della situazione della categoria?

«Finalmente abbiano dei dati iniziali, siamo riusciti con un lavoro di cooperazione con i Ministeri competenti, ad arrivare a questo numero di circa 65mila unità attualmente formate in fisioterapia e abilitate all’esercizio. Adesso, con un ulteriore lavoro, riusciremo a sapere nei dettagli quanti realmente esercitano, quanti sono vicini all’età pensionabile, quanti sono uomini e donne, in modo che si possa fare una migliore programmazione di tutte le attività fisioterapiche necessarie al sistema».

In questa ottica, il Disegno di Legge Lorenzin sul riordino delle professioni sanitarie, approvato in Senato e presentato alla Camera, in che modo interviene sulla professione e qual è il punto di vista della categoria?

«Noi auspichiamo che il Disegno Legge vada velocemente in porto. Speriamo diventi Legge proprio perché è fondamentale per poter avere cognizione sulla quantità precisa di fisioterapisti in Italia e avere dunque un ordine professionale. Oggi possiamo tracciare in modo certo i nostri associati, ma non essendoci obbligo di iscrizione, non possiamo sapere il numero preciso di fisioterapisti».

Deontologia e trasparenza sono le colonne portanti del Ddl che, tra le altre cose, punta a combattere l’abusivismo professionale. Da questo punto di vista quanto è importante la formazione e l’aggiornamento per la categoria?

«La formazione è fondamentale e tutto il percorso, oramai esclusivamente universitario, porta ad avere dei professionisti debitamente formati. Allo stesso tempo, riteniamo che sia necessario che questo percorso diventi di 5 anni per avere professionisti ancora più formati con alle spalle un percorso di studi più lungo che permetta una formazione realmente adeguata ai bisogni dei cittadini».

Accede alla facoltà è difficile perché il numero di candidati ai test d’ingresso è ogni anno maggiore. Molti studenti rimangono esclusi dalla selezione, cosa vuole dire per incoraggiarli?

«Posso dire di insistere perché la nostra è una bellissima professione quindi capisco il loro desiderio e ne sono veramente contento. Mi dispiace per coloro che non riescono ad entrare ma li vorrei spronare ad insistere perché ne vale la pena. La fisioterapia è una professione stupenda, socialmente utile e che allo stesso tempo offre grandissime soddisfazioni».

Articoli correlati
Fabbisogni formativi professioni sanitarie: il Miur rimanda il tavolo tecnico al 19 luglio
«Una ripartizione pesantemente iniqua» lo ha dichiarato il Governatore del Veneto sulla ripartizioni dei posti per le immatricolazioni ai corsi di laurea in medicina. Il Miur accoglie la critica e aggiorna il tavolo tecnico al 19 luglio
Soffocamento da cibo, ecco come prevenirlo. Il Ministro risponde…
Il Documento “Linee di indirizzo per la prevenzione del soffocamento da cibo, in età pediatrica”, contiene delle raccomandazioni, a carattere nazionale, con specifici interventi concreti ed effettivamente realizzabili ed un set di regole principali per un “pasto sicuro”. Il documento è stato redatto da un Gruppo di lavoro multidisciplinare e multistakeholder, istituito presso la Direzione […]
di Beatrice Lorenzin - Ministro della Salute
Il piccolo Charlie cerca cure, Lorenzin: «Dovesse arrivare in Italia, daremmo il supporto necessario»
Il Ministro della Salute chiarisce: «Medici e famiglia faranno le loro valutazioni ma il Governo non dice nulla». Lana (Presidente Unione Forense per i Diritti dell'Uomo): «Scelta drammatica e discutibile quella di porre fine alla vita di un bambino»
Dimmi dove vivi, ti dirò come stai: come l’ambiente condiziona il nostro benessere
Ernesto Cappellano (Commissione Prevenzione OMCeO Roma): «Grande passo del Ministero della Salute che ha inserito nel Piano Nazionale la valutazione e l'impatto degli insediamenti industriali sulla salute umana». E aggiunge: «Servono medici più formati sul tema»
Vaccini: dal 2013 in diminuzione, ecco perché obbligo. Rezza (ISS): «Non sottovalutare immunità gregge»
L’Istituto Superiore di Sanità ha consegnato alla Commissione Sanità del Senato un’analisi dell’impatto epidemiologico delle patologie per i quali il decreto ha reso obbligatorie le vaccinazioni. «Vaccini vittime del loro stesso successo: l’immunità abbassa la percezione del rischio» lo spiega Gianni Rezza, Direttore Dipartimento Malattie infettive dell’ISS
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...