Formazione 3 ottobre 2016

ECM – “Richiamo” ai medici dagli OMCeO: «Mettersi in regola»

Il Vicepresidente dell’Ordine di Catania, Antonio Biondi: «Non sono pochi i colleghi in ritardo con l’obbligo. Dialogo aperto con le istituzioni per il rispetto della legge»

C’è una data, quella del 31 dicembre, cerchiata in rosso sul calendario perché segna la scadenza del triennio ECM 2014-2016. Da una parte ci sono i medici, a quanto risulta in molti casi indietro con i crediti, e per questo chiamati ad un’affannosa rincorsa. Dall’altra parte le istituzioni delle categorie, impegnate sia a svolgere i compiti di verifica sia a raccogliere gli input della categoria per rivedere un sistema formativo i cui scricchiolii rappresentano, ormai, campanelli d’allarme. Nelle ultime settimane si è fatto largo il progetto CPD (Continuous Professional Developement), che varcando le segrete stanze della Commissione Nazionale ECM in cui era al vaglio, ha avviato un nuovo confronto sul tema. Un tema al centro anche del recente appuntamento romano incentrato sulla chirurgia dove insieme a sostenibilità, innovazione, etica e tutela legale si è discusso anche dell’aggiornamento ECM. Importante la presenza di rappresentanti anche degli OMCeO, vere e proprie “sentinelle” della formazione continua con il loro strategico ruolo di raccordo tra i professionisti e le istituzioni preposte. Presente all’Auditorium Parco della Musica, Antonio Biondi, vice-presidente dell’Ordine dei Medici, Chirurghi e Odontoiatri di Catania, nonché consigliere del CNU (Consiglio Nazionale Universitario), ha offerto una interessante chiave di lettura della questione ECM.

Siamo alla scadenza del triennio 2014-2016 e si va verso il nuovo triennio con la prospettiva di diverse novità senza aver però ancora un quadro preciso, dal punto di vista numerico o di percentuale, dei medici in regola con l’obbligo formativo.

«Sì, credo che questa sia un po’ la nota dolente. In realtà non so fornire percentualmente un dato, però i medici che non hanno portato a buon fine non sono pochi. Noi Ordini dovremmo fare chiarezza su questo e fare “un richiamo” agli assistiti affinché si mettano in regola. Non vogliamo essere punitivi perché non è questo lo spirito, però è giusto che se c’è una legge venga rispettata».

Avvierete anche un momento di confronto con le istituzioni proprio per dare la possibilità a tutti di mettersi in regola?

«Sì, io credo che questo sia un passaggio importante, con gli OMCeO da una parte e le istituzioni dall’altra. Bisogna trovare il punto di congiunzione affinché tutti gli iscritti ai vari Ordini si mettano in regola per questo triennio e chiudere, dunque, questa pagina e guardare al futuro del prossimo triennio».

Da più parti, a cominciare dai pazienti, si chiede maggiore trasparenza sull’aggiornamento dei medici. Tra le proposte anche quella di esporre i crediti acquisiti negli studi medici, negli ambulatori, negli ospedali.

«Questo è da vedere e sarebbe una novità forte. Credo, però, che su questo si debba andare con piedi di piombo. Trasparenza sì, ma nel modo giusto per evitare che si producano messaggi fuorvianti: non è detto che il medico che abbia fatto tutti i suoi 150 crediti sia poi il più aggiornato. Insomma, prima di esporre questa medaglia, dobbiamo capirne il reale valore».

Articoli correlati
Anelli (Omceo Bari): «Per ECM servono qualità, indipendenza e innovazione. Puntare su casi simulati e nuove tecnologie»
Sergio Bovenga (FNOMCeO): «Sempre più il sistema giudiziario e delle assicurazioni porranno la loro attenzione sullo stato di aggiornamento dei professionista eventualmente coinvolto in un contenzioso professionale e farsi trovare impreparati, ovvero non in regola con le norme Ecm, non aiuterà di certo". Un motivo in più per fare formazione e tenersi sempre aggiornati
Bambini disabili: lo sport giusto fa bene. Ma lo deve prescrivere il medico: dal tennis al nuoto, ecco i consigli
L’attività fisica è un elemento fondamentale nella crescita ed evoluzione psicofisica dei giovani. Bambini e adolescenti affetti da malattie croniche e disabilità non devono fare eccezione. I consigli dello specialista esperto per la scelta delle attività più indicate nelle differenti situazioni patologiche
Migranti e salute, le indicazioni del SIMM. Marceca: «Puntare su formazione personale e corretta comunicazione»
Il Presidente della Società Italiana di Medicina delle Migrazioni spiega ai nostri microfoni quali sono i benefici di un corretto approccio al processo migratorio: «Gli operatori sanitari devono essere addestrati adeguatamente ad affrontare qualsiasi situazione». E aggiunge: «La capacità di curare gruppi di popolazione più vulnerabili fa crescere anche la qualità dei servizi forniti agli “autoctoni”»
Formazione ECM, Bovenga (Segretario FNOMCeO): «Requisito indispensabile per professione»
Il Segretario FNOMCeO ritorna su un argomento fondamentale per tutta la categoria: l'aggiornamento professionale. L'articolo 16 quater della Legge 502 del 1992 impone formazione a tutti gli operatori sanitari e per le strutture private con dipendenti non in regola c'è la sospensione dell'accreditamento
ECM, proroga in scadenza. Bovenga: «Premiare medici che investono in formazione»
Il Segretario FNOMCeO: «Sempre più frequenti le situazioni nelle quali i percorsi formativi dei professionisti vengono presi in considerazione nei procedimenti giudiziari ed addirittura nelle polizze assicurative. Non è questo l’aspetto che più mi appassiona, ma chi lo ignora rischia di venirne travolto»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Formazione

Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare

Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intant...