Formazione 18 novembre 2014

ECM, confermato l’obbligo dei 150 crediti per il prossimo triennio. Le soluzioni per una formazione di qualità

Intervista ad Andrea Tortorella, amministratore unico di Sanità in-Formazione

Immagine articolo

Anche nel prossimo triennio i professionisti della sanità avranno l’obbligo di aggiornarsi sulla formazione. Più che un obbligo, però, l’Educazione Continua in Medicina è un’opportunità: attraverso provider di alto profilo che si avvalgono di nuove tecnologie, corsi interattivi e sempre aggiornati, per il medico la formazione diventa facile e piacevole, anche a distanza.

Abbiamo intervistato, sul tema, Andrea Tortorella, amministratore unico di Sanità in-Formazione, provider accreditato Age.Na.S. .

Il governo ha appena ribadito l’esigenza dei 150 crediti formativi anche per il prossimo triennio…
Sì, era importante che il governo ricordasse a tutti i professionisti sanitari l’esigenza dell’aggiornamento formativo anche per il triennio 2014 – 2016.

Sanità in-Formazione è un provider di qualità in costante crescita…
Sì, è uno dei principali provider italiani, ed è quello che ha il maggior numero di corsi a disposizione, in continuo aumento: l’obiettivo è variegare il più possibile l’offerta formativa dando a tutti i professionisti la possibilità di aggiornarsi. Per questo motivo abbiamo in cantiere nuovi corsi, aggiornati con le ultime forme didattiche che oggi la tecnologia ci offre, e sempre rispondenti agli standard elevatissimi di cui gode la nostra piattaforma. Penso, ad esempio, al “paziente virtuale”, che annunceremo a breve.

Si tratta di corsi molto interessanti e molto seguiti…
Il nostro primo corso d’inglese dedicato ai professionisti della sanità – tradotto interamente da noi – ha avuto, come ci aspettavamo, un enorme successo: questo ci ha confermato di poter procedere su questa linea per i moduli successivi. Il secondo modulo, infatti – ancora più rispondente alle specifiche esigenze formative dei medici – sarà fruibile tra pochi giorni, ed altri lo saranno nei prossimi mesi. Ma non ci fermiamo qui: il successo del corso d’inglese ci ha spinto ad avviare la produzione di altri corsi in lingua, in spagnolo e francese, tanto per cominciare.

Si avvicina anche il mese di dicembre: pochissime settimane per ottenere i 50 crediti necessari…
Abbiamo notato che le fruizioni dei nostri corsi hanno un’impennata nei mesi di novembre e dicembre, perché prossimi alla scadenza per l’ottenimento dei 50 crediti annui. In questi giorni, infatti, stiamo potenziando le nostre strutture per far fronte all’enorme richiesta prevista per dicembre. Colgo l’occasione, a proposito, per ricordare che i 50 crediti necessari all’esigenza formativa annuale dovranno essere ottenuti entro il 31 dicembre.

Chi vuole informarsi come può farlo?
Chiamando il nostro numero verde 800.135.959: i nostri consulenti sono disponibili nel fornire qualsiasi dettaglio a chi voglia formarsi tramite la nostra piattaforma.

Articoli correlati
Formazione ECM, Bovenga (Segretario FNOMCeO): «Requisito indispensabile per professione»
Il Segretario FNOMCeO ritorna su un argomento fondamentale per tutta la categoria: l'aggiornamento professionale. L'articolo 16 quater della Legge 502 del 1992 impone formazione a tutti gli operatori sanitari e per le strutture private con dipendenti non in regola c'è la sospensione dell'accreditamento
Formazione, Bellomo (Univ. D’Annunzio Rieti): «Necessaria per medici e riabilitatori, ancora pochi in regola»
Ai microfoni di Sanità Informazione Rosa Bellomo, professoressa di Medicina Riabilitativa e membro del Comitato Scientifico del Provider ECM 2506 Sanità in-Formazione: «Nuove conoscenze, invenzioni e scoperte cambiano costantemente la medicina. Impensabile fermarsi alla formazione universitaria»
ECM, parte la proroga: «Ma ora ci saranno più controlli e più valore alla certificazione»
Tempo fino al 31 dicembre 2017 per mettersi in regola, ma solo per chi ha conseguito il 50% del punteggio complessivo. Matteo Cestari (Cogeaps): «Ci sarà più attenzione da parte degli Ordini: la ratio è sensibilizzare la categoria al raggiungimento dell’obiettivo formativo, ormai requisito abilitante della professione»
Sanità di Frontiera a Lampedusa, il primo corso ECM. Bartolo: «Insegnare consapevolezza»
Immigrazione, ennesimo sbarco sulle coste della Sicilia. Sull’isola il corso ECM rivolto ai medici per insegnare a curare senza confini. Pietro Bartolo, il medico simbolo dell'emergenza: «C’è bisogno di consapevolezza e competenza per fronteggiare la tragedia. Prima di tutto occorre un approccio umano prima che scientifico»
Il futuro della chirurgia? Per Acoi viene prima il presente dei giovani
Al congresso di Roma il Presidente Diego Piazza si concentra su due sfide: sistema universalistico e migliori opportunità per i giovani colleghi: «Già tante iniziative in campo, ma stiamo lavorando anche a nuovi accordi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Formazione

Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare

Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intant...