Formazione 18 novembre 2014

ECM, confermato l’obbligo dei 150 crediti per il prossimo triennio. Le soluzioni per una formazione di qualità

Intervista ad Andrea Tortorella, amministratore unico di Sanità in-Formazione

Immagine articolo

Anche nel prossimo triennio i professionisti della sanità avranno l’obbligo di aggiornarsi sulla formazione. Più che un obbligo, però, l’Educazione Continua in Medicina è un’opportunità: attraverso provider di alto profilo che si avvalgono di nuove tecnologie, corsi interattivi e sempre aggiornati, per il medico la formazione diventa facile e piacevole, anche a distanza.

Abbiamo intervistato, sul tema, Andrea Tortorella, amministratore unico di Sanità in-Formazione, provider accreditato Age.Na.S. .

Il governo ha appena ribadito l’esigenza dei 150 crediti formativi anche per il prossimo triennio…
Sì, era importante che il governo ricordasse a tutti i professionisti sanitari l’esigenza dell’aggiornamento formativo anche per il triennio 2014 – 2016.

Sanità in-Formazione è un provider di qualità in costante crescita…
Sì, è uno dei principali provider italiani, ed è quello che ha il maggior numero di corsi a disposizione, in continuo aumento: l’obiettivo è variegare il più possibile l’offerta formativa dando a tutti i professionisti la possibilità di aggiornarsi. Per questo motivo abbiamo in cantiere nuovi corsi, aggiornati con le ultime forme didattiche che oggi la tecnologia ci offre, e sempre rispondenti agli standard elevatissimi di cui gode la nostra piattaforma. Penso, ad esempio, al “paziente virtuale”, che annunceremo a breve.

Si tratta di corsi molto interessanti e molto seguiti…
Il nostro primo corso d’inglese dedicato ai professionisti della sanità – tradotto interamente da noi – ha avuto, come ci aspettavamo, un enorme successo: questo ci ha confermato di poter procedere su questa linea per i moduli successivi. Il secondo modulo, infatti – ancora più rispondente alle specifiche esigenze formative dei medici – sarà fruibile tra pochi giorni, ed altri lo saranno nei prossimi mesi. Ma non ci fermiamo qui: il successo del corso d’inglese ci ha spinto ad avviare la produzione di altri corsi in lingua, in spagnolo e francese, tanto per cominciare.

Si avvicina anche il mese di dicembre: pochissime settimane per ottenere i 50 crediti necessari…
Abbiamo notato che le fruizioni dei nostri corsi hanno un’impennata nei mesi di novembre e dicembre, perché prossimi alla scadenza per l’ottenimento dei 50 crediti annui. In questi giorni, infatti, stiamo potenziando le nostre strutture per far fronte all’enorme richiesta prevista per dicembre. Colgo l’occasione, a proposito, per ricordare che i 50 crediti necessari all’esigenza formativa annuale dovranno essere ottenuti entro il 31 dicembre.

Chi vuole informarsi come può farlo?
Chiamando il nostro numero verde 800.135.959: i nostri consulenti sono disponibili nel fornire qualsiasi dettaglio a chi voglia formarsi tramite la nostra piattaforma.

Articoli correlati
Formazione ECM, Chiriatti (FIMMG Roma): «Scadenza si avvicina, FAD soluzione utile e semplice per ottemperare obbligo»
Il Vicesegretario Provinciale Vicario della Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale parla ai nostri microfoni dell’imminente fine della proroga: «Abbiamo visto tutti cosa è successo ai medici competenti. Spero non si ripeta un caso simile»
Formazione ECM, Bovenga (Segretario FNOMCeO): «Requisito indispensabile per professione»
Il Segretario FNOMCeO ritorna su un argomento fondamentale per tutta la categoria: l'aggiornamento professionale. L'articolo 16 quater della Legge 502 del 1992 impone formazione a tutti gli operatori sanitari e per le strutture private con dipendenti non in regola c'è la sospensione dell'accreditamento
Formazione, Bellomo (Univ. D’Annunzio Rieti): «Necessaria per medici e riabilitatori, ancora pochi in regola»
Ai microfoni di Sanità Informazione Rosa Bellomo, professoressa di Medicina Riabilitativa e membro del Comitato Scientifico del Provider ECM 2506 Sanità in-Formazione: «Nuove conoscenze, invenzioni e scoperte cambiano costantemente la medicina. Impensabile fermarsi alla formazione universitaria»
ECM, parte la proroga: «Ma ora ci saranno più controlli e più valore alla certificazione»
Tempo fino al 31 dicembre 2017 per mettersi in regola, ma solo per chi ha conseguito il 50% del punteggio complessivo. Matteo Cestari (Cogeaps): «Ci sarà più attenzione da parte degli Ordini: la ratio è sensibilizzare la categoria al raggiungimento dell’obiettivo formativo, ormai requisito abilitante della professione»
Sanità di Frontiera a Lampedusa, il primo corso ECM. Bartolo: «Insegnare consapevolezza»
Immigrazione, ennesimo sbarco sulle coste della Sicilia. Sull’isola il corso ECM rivolto ai medici per insegnare a curare senza confini. Pietro Bartolo, il medico simbolo dell'emergenza: «C’è bisogno di consapevolezza e competenza per fronteggiare la tragedia. Prima di tutto occorre un approccio umano prima che scientifico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...