Formazione 22 dicembre 2017

Tè verde, ananas e avena “alleati” delle donne: ecco i segreti per affrontare sindrome premestruale e menopausa

Con una corretta alimentazione si evitano i fastidiosi sintomi della sindrome premestruale e le complicanze della menopausa. I consigli della nutrizionista Serena Missori

Una dieta corretta, supportata dai giusti integratori alimentari, è la miglior medicina per affrontare la sindrome premestruale e la menopausa. Ad ogni fase della vita della donna, dall’età fertile in poi, corrispondono infatti esigenze e problematiche ben precise, troppo spesso sottovalutate anche per l’imbarazzo delle pazienti nel confidare determinati disturbi al proprio medico. La dottoressa Serena Missori, specialista in endocrinologia, diabetologia e nutrizione, svela consigli utili a sconfiggere la sindrome premestruale e per vivere con maggiore serenità la delicata fase della menopausa.

«La PMS (Premenstrual syndrome) – ricorda la dottoressa Missori – colpisce circa l’80% delle donne in età fertile», tuttavia «si tende, di fatto, a parlarne molto poco; si fa anche molto poco per cercare di risolverla». La sindrome premestruale comporta sintomi fisici e disturbi psichici di varia entità che hanno luogo prima del ciclo mestruale; in alcune circostanze può assumere caratteristiche cliniche importanti, tanto da rientrare in quello che il DSM-5 (il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali), definisce come “disturbo disforico premestruale”, il quale comporta un elevato livello di gravità e disabilità. Le donne non devono, quindi, «avere anche il timore di dire ‘io ne soffro’: anche i medici ne soffrono, anche io ne ho sofferto», spiega la Missori. Tra le conseguenze più diffuse della PMS troviamo depressione, ansia, irritabilità, cefalea e ritenzione idrica. «Di fatto, attraverso l’alimentazione corretta, la sindrome può essere drasticamente ridotta», sottolinea l’esperta. Ma quali sono gli alimenti e gli integratori più indicati per affrontarla? La dottoressa Missori consiglia cetrioli, sedano, ananas e betulla.

Con il passare degli anni la donna è soggetta a tappe endocrino-metaboliche che hanno rilevanti ricadute sulla qualità della sua vita: la fase della menopausa viene troppo spesso vissuta come una malattia, pur trattandosi di un normale ed inevitabile evento fisiologico. Ciò non significa, tuttavia, sottovalutare i disturbi e le complicanze derivanti dalla menopausa stessa: dalle fluttuazioni emotive fino a gravi patologie quali ipertensione, obesità e osteoporosi. Anche in questo caso, in abbinamento ad un’attività fisica finalizzata, il cibo e gli integratori alimentari sono i migliori alleati delle donne: in particolare, la dottoressa Missori indica l’avena, il tè verde matcha, l’anguria e il biancospino.

Questi ed altri preziosi consigli sono contenuti nel corso ECM FAD “Sindrome premestruale e terapie naturali, menopausa e terapie naturali”, disponibile sul sito www.corsi-ecm-fad.it; attraverso tre lezioni, si pone l’obiettivo di formare e informare i professionisti della Sanità su come affrontare in modo naturale, grazie a una corretta alimentazione, i fastidi della sindrome premestruale e della menopausa. Il corso prevede inoltre un questionario finale che accerta la comprensione dei contenuti e assegna 3 crediti formativi ECM.

Sindrome premestruale e terapie naturali, menopausa e terapie naturalisi aggiunge all’ampio catalogo di oltre 120 corsi FAD offerti dal provider ECM 2506 Sanità in-Formazione, di cui fanno parte anche i Film Formazione: una lista di produzioni che hanno già riscosso enorme successo tra i camici bianchi grazie a film selezionati in prestigiosi festival cinematografici.

Articoli correlati
Diabete: arriva l’insulina fast-acting, più veloce contro la glicemia dopo i pasti
In Italia le persone con diabete misurano la glicemia postprandiale, ossia dopo aver mangiato, in media solo 2 volte al mese, nonostante le principali linee guida internazionali, inclusi gli Standard italiani per la cura del diabete mellito, ne raccomandino il controllo tra 1 e 2 ore dall’inizio del pasto. Il dato, che emerge da un’analisi […]
Alimentazione, il 70% degli italiani non sa mangiare. Tonelli (ANDID): «Donne più attente, anziani più in difficoltà»
«Le abitudini alimentari sane devono essere una priorità nelle politiche sanitarie e dell’istruzione, strategia fondamentale per limitare le disuguaglianze e migliorare le condizioni di salute», lo dichiara il Presidente dell’Associazione Nazionale Dietisti
Obesità, diabete e malattie metaboliche: arriva la macchina che mappa i grassi ed è made in Italy
Ha una sonda fluorescente che illumina i grassi e ne segue l'elaborazione e l'immagazzinamento. «Una scoperta importante per la ricerca biomedica» così Giuseppe Maulucci, Professore di Fisica alla Facoltà di Medicina dell'Università Cattolica
Dieta mediterranea personalizzata nei bimbi per combattere obesità e diabete: al via lo studio Italia-Israele
Tra gli obiettivi dello studio Caprii (Children Alimentary Research Italy Israel), la creazione di algoritmi capaci di predire la risposta personale ad alimenti specifici, persino prima che vengano consumati
Università Cattolica e Policlinico Gemelli scoprono “la macchina mappa grassi”
Grazie a una ricerca condotta presso la sede di Roma dell’Università Cattolica e della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli – IRCCS in collaborazione con la Hebrew University di Gerusalemme è stata messa a punto una “macchina mappa grassi” che consente di vedere come i lipidi si formano (a partire dai cibi consumati), si immagazzinano nel […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Osteopatia e chiropratica sono professioni sanitarie? De Sena (Simmfir): «La legge c’è, mancano i decreti attuativi»

Avrebbero dovuto attenere il riconoscimento, al pari degli ostetrici, dei tecnici di radiologia o degli infermieri, già prima di questa estate. Almeno stando alla legge 11 gennaio 2018 n. 3. Ma manca...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...