Non Categorizzato 6 Marzo 2020

Coronavirus: FSI-USAE scrive al Presidente e chiede misure straordinarie per il personale della sanità del FVG

In questi giorni di emergenza di coronavirus, la Segreteria Regionale FSI-USAE del Friuli Venezia Giulia ha seguito con particolare attenzione il susseguirsi delle notizie ed ha veicolato le comunicazioni degli enti istituzionalmente preposti verso i cittadini ed i colleghi della sanità.   Le ore straordinarie, i richiami in servizio, i turni massacranti, le pronte disponibilità, […]

In questi giorni di emergenza di coronavirus, la Segreteria Regionale FSI-USAE del Friuli Venezia Giulia ha seguito con particolare attenzione il susseguirsi delle notizie ed ha veicolato le comunicazioni degli enti istituzionalmente preposti verso i cittadini ed i colleghi della sanità.  

Le ore straordinarie, i richiami in servizio, i turni massacranti, le pronte disponibilità, sono diventate un mezzo per la tenuta del sistema sanitario regionale che comporta privazioni  per la normale vita degli operatori addetti. 

Insomma dice Adamo Bonazzi: ”L’attuale situazione di emergenza provocata da COVID-19 sta mettendo a dura prova i lavoratori della sanità pubblica che, con grande spirito di abnegazione e di dedizione, sono in prima linea a gestire tutte le attività in modo da poter fornir sempre una risposta efficiente ed efficace al cittadino. Ma questi professionisti sono stanchi, delusi e vanno motivati. Anche perché, con le nuove direttive, risultano essere esposti al contagio di persone infette ma non segnalate solo perché non verranno mai controllate con l’apposito tampone.  Direttiva questa che, ovviamente, evita di aumentare il numero dei contagiati ufficiale ma evita anche e soprattutto di dover mettere in isolamento il personale (che ovviamente risulterebbe difficilmente sostituibile). Una situazione che in condizione normale sarebbe – per ogni datore di lavoro – non solo deprecabile ma addirittura sanzionabile.”

Insomma, mentre il carico di lavoro ed il rischio aumentano in modo esponenziale, paradossalmente, il numero degli addetti e le soddisfazioni economiche degli stessi diminuiscono in continuazione. Ed in più ora si prevedono l’allargamento dei posti letto di terapia intensiva e il raddoppio dei posti letto di semi intensiva.

FSI-USAE ha quindi richiesto al Presidente e all’Assessore l’immediata assunzione del personale sanitario necessario con le graduatorie esistenti e l’immediata messa in campo di nuovi concorsi, in deroga ad ogni blocco.  Ma anche uno specifico stanziamento da destinare al pagamento delle ore di straordinario: sia per quelle già erogate e non ancora pagate che di quelle che, inevitabilmente, da ora e sino alle nuove assunzioni si renderanno necessarie.

Inoltre, poiché i recenti decreti varati dal governo con la chiusura delle scuole quale misura di contenimento del virus, ha creato e crea ulteriori difficoltà alle famiglie dei lavoratori del servizio sanitario regionale, FSI USAE ha chiesto anche delle altre misure straordinarie ed urgenti per la concessione di benefici (welfare) assistenziali quali bonus baby sitter, copertura economica piena dei congedi parentali e l’istituzione di un apposito permesso di assenza provvisoria determinazione per motivi inerenti all’emergenza COVID-19.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

 

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 29 settembre, sono 33.362.341 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.001.800 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 29 settembre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 313.011 (1.648 in più rispetto a ieri). 90.185 i […]
E se il nuovo coronavirus non fosse così nuovo?
Emergono alcuni studi che mostrano una risposta immunitaria in pazienti non toccati dal Covid-19. Alessandro Sette (La Jolla Institute, California): «Si tratta di linfociti T e questo non basta, non si è immuni»
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus, nell’ultima settimana +26% di ricoveri e +41% di terapie intensive
Nella settimana 9-15 settembre si stabilizza l’incremento dei nuovi casi, ma cala di oltre 58mila il numero dei tamponi. Il report di Gimbe
Recovery Fund, Senatrice Binetti: «Ministero dimentica di destinare quota alle malattie rare»
Presentata relazione programmatica dell’intergruppo parlamentare per le malattie rare sottoscritta dalle Associazioni di pazienti: «Dimenticati durante la pandemia, da quattro anni aspettiamo un nuovo Piano Nazionale finanziato»
Coronavirus e cariche virali: a dieci anni resta positivo (e in isolamento) per tre mesi con pochissimi sintomi
Due studi dell’Istituto Villa Santa Maria di Como, pubblicati sul Journal of Infection, approfondiscono casi asintomatici fra bambini e adolescenti dimostrando che possono risultare positivi al tampone per lunghi periodi a causa della cariche virali alte
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 settembre, sono 33.362.341 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.001.800 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 29 settembre: Ad oggi ...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...