Non Categorizzato 20 Maggio 2020 19:29

Cittadini (AIOP): «Ora rivedere il ruolo di tante strutture di diritto privato»

Il contributo di Barbara Cittadini, Presidente nazionale dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata

di Barbara Cittadini, Presidente nazionale AIOP

L’epidemia Covid-19 è stata ed è un’emergenza, senza precedenti, che ha messo a dura prova il nostro SSN che è riuscito, comunque, a dare una risposta di efficienza complessiva.

Una risposta che ha visto la rete degli ospedali di diritto pubblico e di diritto privato operare sinergicamente, impegnata sia a curare pazienti Covid sia pazienti con patologie urgenti e non differibili.

Grazie ad un sistema misto, il nostro SSN ha dimostrato tutta la propria potenzialità.

Al di là delle inevitabili critiche, il Covid-19 ha lasciato alcune lezioni importanti per migliorare il futuro del SSN.  Appare evidente l’esigenza di ripensare il rapporto tra ospedale e territorio, tra la Medicina per acuti e ad alta intensità di cure e la Medicina di comunità, nelle sue varie articolazioni, deputata alla gestione delle cronicità e a fare da filtro e supporto all’ospedale, contribuendo, tra le altre cose, a ridurre gli accessi impropri ai Pronto soccorso e permettere dimissioni precoci.

La sanità erogata dalle strutture della componente di diritto privato dovrà essere tenuta in considerazione da coloro che riprogrammeranno la nuova governance del Sistema. Le Regioni, soggetto deputato alla programmazione sanitaria, potendo contare su due componenti per il potenziamento dell’assistenza ospedaliera, potranno rivedere il ruolo di tante strutture di diritto privato, con un loro maggiore coinvolgimento sia nelle aree dell’assistenza ad alta intensità, quali terapie intensive e Pronti soccorsi, sia rispetto a una presenza più strutturata e capillare nell’assistenza ambulatoriale e nella presa in carico di pazienti fragili e cronici. Questa prospettiva è subordinata a precise scelte di programmazione sanitaria da parte del Governo e delle Regioni, nell’ottica di un ripensamento di un diverso mix dell’offerta degli erogatori del SSN, considerando un giusto equilibrio tra le due componenti con oneri, responsabilità e ruoli condivisi.

Al definanziamento costante e progressivo del nostro SSN, in questi anni, è seguita una fase d’imponente deospedalizzazione.

L’esperienza Covid-19 ha fatto comprendere che le scelte operate sono state poco lungimiranti e avvedute e che il Paese le ha pagate in termine di vite umane.

Oggi, che si è scelto di attribuire al settore sanitario risorse coerenti con la domanda e le esigenze reali va, anche, tenuto conto che, per tanti anni la componente di diritto privato, a parità di qualità delle prestazioni erogate, è costata mediamente ai cittadini un 30% in meno in conto economico e zero in conto capitale, elementi ed opportunità che, pur nel rispetto dell’equa distribuzione con le strutture pubbliche andrebbero, a nostro avviso, considerati e valorizzati.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Presentato il 2° Bilancio Sociale Aggregato delle strutture ospedaliere associate Aiop
Le 571 strutture dispongono di circa 62mila posti letto, di cui 56mila accreditati. Con una forza lavoro di oltre 72mila unità erogano prestazioni a più di 900mila degenti, per oltre 8 milioni di giornate di degenza e 31,8 milioni di prestazioni ambulatoriali. Il valore della produzione di tutte le strutture associate Aiop supera gli 8,8 miliardi di euro
Covid-19, Cittadini (Aiop): «Obbligo vaccinazione personale sanitario scelta giusta per uscire da emergenza»
«Il Governo si appresta ad adottare provvedimenti giusti per affrontare, in maniera risolutiva, la crisi pandemica. Con la previsione, contenuta nel decreto legge che entrerà in vigore dopo Pasqua, dell’obbligo di vaccinazione per tutto il personale sanitario, altrimenti sanzionabile e di uno scudo penale per coloro che somministreranno il vaccino, si adottano due importanti norme […]
Ospedalità privata accanto allo Stato per le vaccinazioni, Faroni (Aiop Lazio): «Strutture pronte»
Jessica Faroni, presidente di Aiop Lazio, rimarca ai nostri microfoni: «L'Ospedalità privata è accanto al Ssn di cui fa parte, le strutture sono pronte a vaccinare». Come già succede in qualche città
Dai contratti alle liste di attesa, parla Cittadini (AIOP): «Regioni in ritardo su intesa. Ora modificare norma su tetto di spesa»
Colloquio con la presidente dell’Associazione ospedalità privata che spiega perché non si procede al rinnovo del contratto dei medici: «Siamo ancora in attesa che 8-9 regioni diano seguito a quello del comparto». E sulle liste di attesa chiede al MEF «di estendere la norma del Dl agosto 2020: Speranza è d’accordo». Poi lancia l’allarme: «Senza un decreto sulle tariffe Covid non sappiamo come classificare le prestazioni»
Sanità, Cittadini (AIOP): «Serve una riforma strutturale del SSN e una forte sinergia tra la sua componente di diritto pubblico e quella di diritto privato»
«Non è più accettabile, ma soprattutto è controproducente, un approccio che prevede solo tagli lineari, spesa a silos e blocco delle risorse» ha spiegato la Presidente AIOP in audizione presso la Commissione Sanità del Senato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 aprile, sono 143.863.870 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.058.640 i decessi. Ad oggi, oltre 928,68 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...