Dalla Redazione 20 Maggio 2020 19:29

Cittadini (AIOP): «Ora rivedere il ruolo di tante strutture di diritto privato»

Il contributo di Barbara Cittadini, Presidente nazionale dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata

di Barbara Cittadini, Presidente nazionale AIOP

L’epidemia Covid-19 è stata ed è un’emergenza, senza precedenti, che ha messo a dura prova il nostro SSN che è riuscito, comunque, a dare una risposta di efficienza complessiva.

Una risposta che ha visto la rete degli ospedali di diritto pubblico e di diritto privato operare sinergicamente, impegnata sia a curare pazienti Covid sia pazienti con patologie urgenti e non differibili.

Grazie ad un sistema misto, il nostro SSN ha dimostrato tutta la propria potenzialità.

Al di là delle inevitabili critiche, il Covid-19 ha lasciato alcune lezioni importanti per migliorare il futuro del SSN.  Appare evidente l’esigenza di ripensare il rapporto tra ospedale e territorio, tra la Medicina per acuti e ad alta intensità di cure e la Medicina di comunità, nelle sue varie articolazioni, deputata alla gestione delle cronicità e a fare da filtro e supporto all’ospedale, contribuendo, tra le altre cose, a ridurre gli accessi impropri ai Pronto soccorso e permettere dimissioni precoci.

La sanità erogata dalle strutture della componente di diritto privato dovrà essere tenuta in considerazione da coloro che riprogrammeranno la nuova governance del Sistema. Le Regioni, soggetto deputato alla programmazione sanitaria, potendo contare su due componenti per il potenziamento dell’assistenza ospedaliera, potranno rivedere il ruolo di tante strutture di diritto privato, con un loro maggiore coinvolgimento sia nelle aree dell’assistenza ad alta intensità, quali terapie intensive e Pronti soccorsi, sia rispetto a una presenza più strutturata e capillare nell’assistenza ambulatoriale e nella presa in carico di pazienti fragili e cronici. Questa prospettiva è subordinata a precise scelte di programmazione sanitaria da parte del Governo e delle Regioni, nell’ottica di un ripensamento di un diverso mix dell’offerta degli erogatori del SSN, considerando un giusto equilibrio tra le due componenti con oneri, responsabilità e ruoli condivisi.

Al definanziamento costante e progressivo del nostro SSN, in questi anni, è seguita una fase d’imponente deospedalizzazione.

L’esperienza Covid-19 ha fatto comprendere che le scelte operate sono state poco lungimiranti e avvedute e che il Paese le ha pagate in termine di vite umane.

Oggi, che si è scelto di attribuire al settore sanitario risorse coerenti con la domanda e le esigenze reali va, anche, tenuto conto che, per tanti anni la componente di diritto privato, a parità di qualità delle prestazioni erogate, è costata mediamente ai cittadini un 30% in meno in conto economico e zero in conto capitale, elementi ed opportunità che, pur nel rispetto dell’equa distribuzione con le strutture pubbliche andrebbero, a nostro avviso, considerati e valorizzati.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Salute, Cittadini (Aiop): «Condividiamo appello della Commissione Salute delle Regioni sui rischi del Servizio Sanitario Nazionale»
«La sostenibilità economico-finanziaria dei bilanci sanitari è fortemente compromessa dall'insufficiente livello di finanziamento del SSN» ha ribadito la presidente dell'Associazione Italiana Ospedalità Privata
Sanità, Cittadini (Aiop): «Payback sanitario non risolve criticità SSN»
La presidente di AIOP Barbara Cittadini sottolinea, però che resta il problema dei tetti di spesa «che non è stato ancora risolto in maniera adeguata e continua ad investire negativamente la componente di diritto privato del SSN»
Legge di Bilancio, Cittadini (Aiop): «Ignorate le esigenze della sanità»
La Presidente dell'Associazione Italiana Ospedalità Privata valuta negativamente la bocciatura degli emendamenti che puntavano ad abrogare il tetto di spesa per l’acquisto di prestazioni dalle strutture di diritto privato del SSN
Dl Aiuti quater, Cittadini (Aiop): «Anche l’attuale Governo penalizza la sanità: a rischio il 30% delle cure»
Aiop evidenzia come tra gli anni 2020 e 2022 i costi dell’energia elettrica delle strutture sanitarie e sociosanitarie accreditate siano aumentati di circa 3 volte e quelli del gas di 4,7 volte
Sanità, Cittadini (Aiop): «Con Tavolo Ministero Salute-FoSSC nuove prospettive SSN»
«L’apertura di un confronto permanente tra Ministero della Salute e Società Scientifiche dei Clinici Ospedalieri e Universitari Italiani è senz’altro una notizia positiva, che offre nuove prospettive di sviluppo in ambito sanitario». Così Barbara Cittadini, Presidente nazionale di Aiop, l’Associazione italiana ospedalità privata, in merito al Tavolo di Consultazione Permanente istituito tra il Ministero della Salute […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...