La voce degli studenti: «Più difficile dello scorso anno. Per rispondere serve preparazione universitaria»

Logica, biologia e chimica: ecco le materie che hanno fatto tremare i concorrenti al test di ammissione alla facoltà di Medicina e Chirurgia. E per la cultura generale è la definizione di “frattale” ad aver scatenato il panico

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Il test di ammissione alla facoltà di Medicina e Chirurgia è stato molto più difficile dello scorso anno». È stata questa la frase più pronunciata ai microfoni di Sanità Informazione al termine della prova all’Università Federico II di Napoli. Un’affermazione che ha messo un po’ tutti d’accordo: sia gli studenti al secondo o terzo tentativo, sia i neodiplomati che il test lo avevano solo potuto simulare.

Ragionamento induttivo, relazioni di sinonimia, tavole di verità, sillogismi, sono i principali argomenti proposti nelle domande di logica, una delle materie più temute dai concorrenti di quest’anno.

«Anche i quesiti di biologia e chimica richiedevano una preparazione accademica». Parola di studentessa universitaria, di chi ha sperimentato sulla sua pelle la differenza tra prepararsi per un esame e studiare per un’interrogazione. «Ho già frequentato un anno di biotecnologie mediche – ha continuato la giovane – e questo mi permette di giudicare il grado di preparazione necessario per rispondere alle domande del test di ammissione alla facoltà di Medicina e Chirurgia di quest’anno». Per Sara, come per tanti degli aspiranti camici bianchi, che lo scorso 4 settembre hanno sostenuto la prova, non è stato il primo tentativo.

LEGGI LO SPECIALE DI SANITA’ INFORMAZIONE SUL NUMERO CHIUSO

Molti, in attesa di giocarsi un’altra carta, percorrono una strada alternativa e temporanea: «Dopo la delusione dello scorso anno, mi sono iscritta altrove – ha aggiunto Sara – sostenendo tutti gli esami che sarà possibile convalidare anche alla facoltà di Medicina».

Ma se in linea generale, per la maggioranza degli studenti il test è risultato più difficile che in passato, il grado di complessità del singolo quesito resta una sfida soggettiva: in poco più di un’ora e mezza è necessario mettere in campo tutte le proprie conoscenze, non solo quelle apprese tra i banchi di scuola.

Anche la cultura generale, infatti, con la definizione di “frattale” (un ente geometrico che gode delle proprietà della autosimilarità e della ricorsività ) e la costituzione più antica attualmente in vigore (quella degli Stati Uniti d’America), ha scatenato attimi di panico. «La parte dedicata alla logica è stata quella più facile – ha commentato uno dei concorrenti napoletani – sono state le domande di cultura generale, invece, a mettermi in seria difficoltà».

Insomma, «domande squilibrate», come  commentato da altri aspiranti camici bianchi «alcune estremamente facili ed altre molto complesse». «Ma la speranza –  ha aggiunto un altro giovane studente – è sempre l’ultima a morire».

È stato proprio il confronto tra i vari partecipanti, al termine della prova, a risollevare gli animi dei concorrenti più sfiduciati: «Se l’impressione che il test sia stato più difficile per tutti è cosi diffusa, allora – ha ironizzato una delle partecipanti – non resta che augurarsi che tutti abbiamo fatto un punteggio basso».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone