Speciale influenza 11 Gennaio 2018

Dall’olio ai probiotici, come contrastare l’influenza a tavola

Il vademecum di Coldiretti sui cibi più efficaci contro il virus. Fondamentali le verdure di stagione, soprattutto quelle ricche di vitamine A

di Giovanni Cedrone

La salute comincia a tavola. Questo vecchio adagio assume ancora più rilevanza in tempo di epidemia influenzale, che ha già portato milioni di italiani a richiedere le cure del medico. La Coldiretti ha varato un vademecum di cibi indicati per fronteggiare al meglio il virus. In primis si possono aumentare le calorie consumate per rafforzare le difese immunitarie dal rischio dell’insorgenza dell’influenza favorita dal freddo gelido. A tavola non possono mancare latte, uova e alimenti ricchi di elementi probiotici quali yogurt e formaggi come il parmigiano.

LEGGI ANCHE: DECALOGO CONTRO IL FREDDO

Fondamentali le verdure di stagione, soprattutto quelle ricche di vitamina A (spinaci, cicoria, zucca, ravanelli, zucchine, carote, broccoletti, ottimi anche cipolle e aglio possibilmente crudi per la valenza antibatterica non indifferente) perché danno il giusto quantitativo di sali minerali e vitamine antiossidanti che sono di grande aiuto per combattere le conseguenze dello stress del cambio di stagione sull’organismo.

  • L’Aglio contiene una sostanza, l'allicina, particolarmente attiva nella prevenzione

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto