Ex specializzandi, il nuovo parere 31 Maggio 2018 11:15

Ex specializzandi, per parere pro veritate la prescrizione non è scattata. Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «È il momento giusto per fare causa»

Ecco quanto stabilisce una recente interpretazione giuridica: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva, medici fate causa e abbiate fiducia»

Immagine articolo

Niente prescrizione per la vicenda che vede protagonisti gli ex specializzandi (‘78-‘91) contro lo Stato che non gli ha riconosciuto la corretta remunerazione durante la scuola di specializzazione. La partita si riapre anche grazie ad una recente interpretazione giuridica.

Secondo lo studio «in assenza di sentenze e normative chiare ed univoche sulla posizione dei medici immatricolati dal 1978 in poi, non si è formata la certezza del diritto necessaria per il decorso della prescrizione». Una posizione condivisa e sempre sostenuta da Consulcesi, realtà leader nell’assistenza legale in sanità che ha fatto riconoscere oltre 530 milioni di euro ai medici specialisti. «Un parere molto importante – commenta Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi ai microfoni di Sanità Informazione -, rappresenta la più autorevole, indipendente e credibile conferma della permanenza ancora oggi del diritto al risarcimento per i medici che hanno svolto i corsi di specializzazione dal 1978 e che la prescrizione non è decorsa».

Presidente, si riaprono le cause per gli ex specializzandi: una notizia che probabilmente farà la storia per tanti medici. Per chi si è specializzato tra il 1978 e il 1991, dunque, non è scattata la prescrizione, come sostiene una recente interpretazione giuridica.

«I termini della prescrizione non sono decorsi.  Secondo il parere si può ritenere che la prescrizione decennale sia iniziata a decorrere dal 2011, cioè da quando la Terza Sezione della Cassazione ha delineato in modo completo l’ambito di esercizio del diritto dei medici. Quindi noi invitiamo tutti quei medici, che ancora non lo abbiano fatto, ad attivarsi dinanzi agli organi di Giustizia per richiedere il riconoscimento dei loro diritti e tutti coloro che hanno già un contenzioso in corso (primo, secondo o terzo grado) di perseverare forti anche di una voce più che autorevole dalla loro parte».

LEGGI ANCHE: EX SPECIALIZZANDI, SI RIAPRE TUTTO: «LA PRESCRIZIONE NON È MAI SCATTATA»

Una novità giuridica importantissima ma che non giunge nuova a Consulcesi che ha sempre mantenuto questa linea di pensiero.

«Sempre, sempre mantenuta e sostenuta. A gran voce e con gran forza. Questa è una risposta a chi ingiustamente ne ha sostenuto l’infondatezza, arrivando in qualche caso a denigrare il nostro operato».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...