Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Sesso 29 Settembre 2017

Ecco come non soffrire di disturbi del sonno

Dormire bene è fondamentale per ricaricare le batterie e iniziare al meglio un nuovo giorno di lavoro o di studio. I disturbi del sonno però sono sempre più frequenti. Ecco perché l’Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna (ONDA) ha elaborato dieci semplici regole che possono aiutare a dormire bene e a lungo: 1 – Coricarsi […]

Dormire bene è fondamentale per ricaricare le batterie e iniziare al meglio un nuovo giorno di lavoro o di studio. I disturbi del sonno però sono sempre più frequenti. Ecco perché l’Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna (ONDA) ha elaborato dieci semplici regole che possono aiutare a dormire bene e a lungo:

1 – Coricarsi e alzarsi ad orari regolari;

2 – Evitare di dormire troppo a lungo nel pomeriggio;

3 – Dormire in ambienti ben climatizzati e isolati acusticamente;

4 –  Andare a letto solo quando si ha sonno;

5 – Evitare di leggere o guardare la TV a letto;

6 – Non svolgere attività fisica o mentale intensa nelle ore serali;

7 – Evitare l’esposizione prolungata la sera a sorgenti luminose (computer o televisione);

8 – Non assumere pasti serali copiosi;

9 – Evitare l’assunzione serale di sostanze stimolanti quali caffè, tè o nicotina;

10 – Moderare il consumo serale di bevande alcoliche.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale