Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Ricerca 8 Settembre 2017

Diabete, niente più punture. Ecco i nuovi glucometri

Immagine articolo

La tecnologia fa ogni giorno passi da gigante e raggiunge obiettivi importanti volti a migliorare la vita di tutti i giorni. E le persone affette da determinate malattie non fanno eccezione. I pazienti con diabete, ad esempio, devono controllare molto frequentemente i valori della glicemia, pungendosi anche più volte al giorno un dito. Oggi tuttavia sono disponibili nuovi strumenti per la misurazione della glicemia che evitano i prelievi. Ne parla la dottoressa Catia Sbarra, infermiera.

Quali sono i nuovi strumenti che la tecnologia ci offre per misurare la glicemia in pazienti con diabete?

«Recentemente è uscito un glucometro di nuova generazione che è un glucometro a rilevazione della glicemia interstiziale. Il paziente molto comodamente a casa applica un sensore dietro l’avambraccio e per rilevare la glicemia sarà sufficiente passarvi sopra il glucometro. Quindi è evidente la comodità per il paziente insulinodipendente che magari deve effettuare cinque o anche sei rilevazioni al giorno – dipende se è un diabete compensato o scompensato. Di conseguenza i pazienti diabetici avranno il notevole vantaggio di non dover più fare i prelievi capillari».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 24 novembre, sono 59.219.229 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.397.176 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 24 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli