Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Prevenzione 8 Settembre 2023

Ritorno dalle vacanze, Confapi Sanità: «Attenzione al rischio infezioni»

Gli specialisti  raccomandano sempre un check-up completo, soprattutto in determinate fasi dell’anno, come quella della fine dell’estate. Consigliati controlli per cuore e pelle, oltre alla prevenzione oncologica

Immagine articolo

I cambi di temperatura, i postumi di un soggiorno al mare, le infezioni sessualmente trasmissibili sono alcune delle insidie per la salute che, se sottovalutate, possono avere delle conseguenza anche gravi. Per questo, la Confapi, la Confederazione italiana della piccola e media industria privata, ha messo a punto alcune misure di controllo e prevenzione da seguire al rientro dalle vacanze estive. Gli specialisti raccomandano sempre un check-up completo, soprattutto nella fasi dell’anno di maggior cambiamento, come la fine dell’estate.

Il cuore

«Innanzitutto è consigliato uno screening cardiologico – dice Mariastella Giorlandino, presidente Confapi Sanità e Salute Regione Lazio -. In secondo luogo, è opportuna una visita dermatologica, soprattutto per chi sia stato esposto al sole in mare o in montagna, per verificare eventuali danni provocati dagli stress stagionali, come esposizione al sole e scottature, per effettuare il controllo dei nei in epiluminescenza, per curare dermatiti e altre eventuali affezioni della pelle e delle unghie (come le micosi)».

Le infezioni

Inoltre, sarebbe anche importante effettuare una visita ginecologica e screening infettivologici per escludere la presenza di infezioni che possono essere state contratte nel periodo estivo: «Il contatto con la sabbia e con l’acqua del mare, infatti, unito alle alte temperature – continua Giorlandino -, favorisce la proliferazione di batteri, virus e altri microrganismi, basti pensare alle cistiti frequenti, causate nella maggior parte dei casi da un comune batterio (Escherichia coli). Inoltre, occorre ribadire la necessità di uno screening delle patologie sessualmente trasmissibili, che possono essere indotte da patogeni come Clamidia, Neisseria, Micoplasmi, Ureaplasmi, Papilloma virus e herpes virus tra i più comuni. Non a caso, una grossa fetta di popolazione ha contratto nella sua vita almeno una di queste infezioni»

Le patologie oncologiche

Da non trascurare nemmeno la prevenzione delle patologie oncologiche, troppo trascurata durante la pandemia. «Per un’efficace prevenzione oncologica il dualismo pubblico-privato deve essere decisamente superato e le liste di attesa per la prevenzione secondaria devono essere definitivamente abbattute»,  sottolinea il prof. Armando Bartolazzi, Dirigente Unità di Istologia e Anatomia Patologica presso l’Ospedale Sant’Andrea.

La diagnosi precoce del tumore

Le principali società scientifiche hanno calcolato che, in piena pandemia, le nuove diagnosi di neoplasia si sono ridotte dell’11% rispetto al 2019, i nuovi trattamenti farmacologici del 13%, gli interventi chirurgici del 18%. Gli screening per il tumore della mammella, della cervice uterina e del colon retto hanno registrato una riduzione di 2 milioni e mezzo di esami. Inoltre, con l’aumento dell’aspettativa media di vita a 87 anni per le donne e a 83 anni per gli uomini si assiste ad una sempre maggiore richiesta di prestazioni sanitarie a carico del SSN. «La diagnosi precoce del tumore – continua Bartolazzi – resta l’unica reale possibilità non solo per favorire guarigioni certe, ma anche per evitare l’implosione un Sistema Sanitario Nazionale Universalistico che tutti ci invidiano ma che ormai non è più sostenibile per la montante richiesta di prestazioni sanitarie troppo onerose».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...