Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Prevenzione 12 Marzo 2020

Naso sanguinante, deglutizione dolorosa o raucedine? Licitra (Oncologa): «Potrebbero essere i sintomi di un tumore della testa e del collo»

«Bruciore o lesioni nel cavo orale, mal di gola, raucedine persistente, deglutizione dolorosa e fastidiosa, ma anche naso chiuso o che sanguina da una narice rappresentano tutti campanelli d’allarme che, se persistono da almeno tre settimane, richiedono l’aiuto di un medico specialista». A mettere in guardia dai possibili sintomi di un tumore della testa e […]

di Isabella Faggiano

«Bruciore o lesioni nel cavo orale, mal di gola, raucedine persistente, deglutizione dolorosa e fastidiosa, ma anche naso chiuso o che sanguina da una narice rappresentano tutti campanelli d’allarme che, se persistono da almeno tre settimane, richiedono l’aiuto di un medico specialista». A mettere in guardia dai possibili sintomi di un tumore della testa e del collo è Lisa Licitra, direttore della Struttura Complessa Oncologia Medica 3-Tumori Testa-collo- dell’Istituto Nazionale dei Tumori e professore associato di Oncologia Medica all’università di Milano.

LEGGI ANCHE: TIENI LA TESTA SUL COLLO; AL VIA LA CAMPAGNA PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL TUMORE MAXILLO-FACCIALE

«La diagnosi precoce può salvare la vita – spiega la professoressa Licitra -. Ecco perché occorre insegnare alla popolazione a riconoscerne i sintomi». I tumori della testa e del collo sono il settimo cancro più comune in Europa: circa la metà rispetto ai tumori del polmone, ma due volte più comune di quello del collo dell’utero.

«Questi tumori – dice la specialista – originano dalla mucosa, quello strato rosa che ricopre la cavità orale, ma anche la laringe e le prime vie aereo-digestive, come la gola o le ghiandole salivari».

Gli uomini hanno da due a tre volte più probabilità di sviluppare il cancro della testa e del collo, ma l’incidenza è in aumento pure nelle donne: «I più colpiti sono in genere in maschi over 50 – aggiunge Licitra – anche se recentemente c’è stato un aumento di casi nelle fasce più giovani, soprattutto di origine virale. Infatti, oltre a fattori di rischio che conosciamo molto bene come l’alcol e il fumo, molto più recentemente è stato scoperto che anche il papilloma virus, lo stesso che determina il tumore della cervice uterina, se infetta la bocca o la regione tonsillare può generare un tumore Hpv-correlato».

Chi fuma corre un rischio 15 volte maggiore di sviluppare un tumore della testa e del collo rispetto a un non fumatore, rischio che aumenta ulteriormente con il consumo di alcol.

Nonostante la sua gravità, il tumore della testa e del collo è poco conosciuto: il 60 % delle persone al momento della diagnosi presenta una malattia in fase avanzata e di questi il 60 % non sopravivrà durante i successivi 5 anni.

«La diagnosi precoce – spiega l’oncologa – garantisce un’efficacia delle terapie ed una notevole riduzione della mortalità. Nelle prime fasi della malattia il tasso di sopravvivenza è dell’80-90%. Più tardi  ci si presenta dal medico, più avanzato è il tumore e minori saranno le probabilità di cura, nonostante l’impiego di terapie correlate, dalla chirurgia alla radioterapia. Quando la diagnosi è precoce, invece, si fa riferimento ad un’unica terapia che da sola –  conclude Licitra – dovrebbe essere in grado di sconfiggere la malattia in modo definitivo».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...