Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Prevenzione 7 agosto 2017

Gozzo, cos’è e cosa fare per evitarlo

Il gozzo è la più comune patologia tiroidea ed è il risultato dell’aumento di volume della tiroide. Il primo sintomo riscontrabile inizialmente è l’ingrossamento della ghiandola; successivamente possono comparire dei noduli. Il gozzo endemico è prevenibile seguendo una profilassi iodica: infatti mangiando, ad esempio 2 porzioni di pesce a settimana e il latte e un […]

Il gozzo è la più comune patologia tiroidea ed è il risultato dell’aumento di volume della tiroide. Il primo sintomo riscontrabile inizialmente è l’ingrossamento della ghiandola; successivamente possono comparire dei noduli. Il gozzo endemico è prevenibile seguendo una profilassi iodica: infatti mangiando, ad esempio 2 porzioni di pesce a settimana e il latte e un po’ di formaggio tutti i giorni, si assume solo il 50% del fabbisogno giornaliero di iodio. La iodoprofilassi è inoltre indispensabile nelle donne in gravidanza e in allattamento, periodi in cui il fabbisogno di iodio aumenta.

 

Min. Salute – La Salute della donna – vademecum per un benessere psicofisico al femminile

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...