Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Prevenzione 25 Febbraio 2020

Coronavirus, come lavarsi le mani: le indicazioni di OMS e Ministero

Il numero dei contagiati da nuovo coronavirus, in Italia, continua a salire. Tra le regole stabilite dall’Istituto Superiore di Sanità e dall’Organizzazione mondiale della sanità, per contenere il diffondersi del Covid-19, e riprese dalle autorità c’è, in primis, il lavaggio “accurato ed energico” delle mani. Lavare le mani è fondamentale sempre ma ancor di più […]

Il numero dei contagiati da nuovo coronavirus, in Italia, continua a salire. Tra le regole stabilite dall’Istituto Superiore di Sanità e dall’Organizzazione mondiale della sanità, per contenere il diffondersi del Covid-19, e riprese dalle autorità c’è, in primis, il lavaggio “accurato ed energico” delle mani.

Lavare le mani è fondamentale sempre ma ancor di più in una situazione di emergenza sanitaria come quella che sta attraversando il nostro Paese. Ha, infatti, un ruolo predominante nel rimuovere germi e batteri presenti sulla cute, attraverso un’azione meccanica. Un’azione semplice ma efficace a cui però, dobbiamo dedicare un po’ di tempo e attenzione: almeno 40-60 secondi. Non basta, infatti, aprire il rubinetto e passare le mani sotto il getto dell’acqua per eliminare il problema.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) promuove ogni anno, il 5 maggio, la Giornata mondiale per il lavaggio delle mani per ricordare quanto sia essenziale per la prevenzione delle infezioni trasmissibili, soprattutto negli ambienti ospedalieri e di cura.

LEGGI ANCHE: LA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS IN TEMPO REALE NEL MONDO E IN ITALIA

Ecco alcune semplici regole per un efficace e igienico lavaggio delle mani:

  • Utilizza sapone (meglio quello liquido della saponetta) e acqua corrente, preferibilmente calda. Il sapone liquido non è esposto all’aria e quindi non permette ai germi di proliferare, come invece può accadere sulla superficie della saponetta
  • Applica il sapone su entrambi i palmi delle mani e strofina sul dorso, tra le dita e nello spazio al di sotto delle unghie (dove si annidano più facilmente i germi), per almeno 40-60 secondi
  • Risciacqua abbondantemente con acqua corrente
  • Asciuga le mani possibilmente con carta usa e getta o con un asciugamano personale pulito o con un dispositivo ad aria calda
  • Non toccare rubinetti o maniglie con le mani appena lavate. Per chiudere il rubinetto usa una salviettina pulita, meglio se monouso.
  • Applica, eventualmente, una crema o lozione idratante per prevenire le irritazioni, in caso di detergenti troppo aggressivi o dopo lavaggi prolungati.

Tuttavia, non è sempre possibile avere a disposizione acqua e sapone per lavare le mani, ma è importante farlo più volte durante la giornata: dopo essere stati sui mezzi pubblici o aver frequentato ospedali, aeroporti, stazioni palestre o aver toccato denaro; prima di mangiare e dopo essere stati in bagno o aver accarezzato gli animali. E allora, cosa dobbiamo fare se ci troviamo fuori casa?

Per rimuovere i germi dalle mani è sufficiente il comune sapone, ma, in assenza di acqua, si possono utilizzare gli hand sanitizers (igienizzanti per le mani), a base alcolica non meno di 30-40 secondi. Questi prodotti vanno usati quando le mani sono asciutte, altrimenti non sono efficaci e non spesso, perché provocano secchezza della cute.

In commercio esistono presidi medico-chirurgici e biocidi autorizzati con azione battericida ma non bisogna abusarne perché con l’uso prolungato c’è il rischio di aumentare la resistenza batterica alle infezioni.

In generale, il lavaggio delle mani è importante

PRIMA DI:

  • mangiare
  • maneggiare o consumare alimenti
  • somministrare farmaci
  • medicare o toccare una ferita
  • applicare o rimuovere le lenti a contatto
  • usare il bagno
  • cambiare un pannolino
  • toccare un ammalato

DOPO:

  • aver tossito, starnutito o soffiato il naso
  • essere stati a stretto contatto con persone ammalate
  • essere stati a contatto con animali
  • aver usato il bagno
  • aver cambiato un pannolino
  • aver toccato cibo crudo, in particolare carne, pesce, pollame e uova
  • aver maneggiato spazzatura
  • aver usato un telefono pubblico, maneggiato soldi, ecc.
  • aver usato un mezzo di trasporto (bus, taxi, auto, ecc.)
  • aver soggiornato in luoghi molto affollati, come palestre, sale da aspetto di ferrovie, stazioni, aeroporti e cinema

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 aprile, sono 937.783 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 47.261 i decessi e 190.330 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...