Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Nutrizione 24 Aprile 2023

Nitrosammine: cosa sono i composti contenuti in alcuni alimenti che possono causare il cancro

Attenzione a carni lavorate, fritture, prodotti sottaceto e birra, possono contenere nitrosammine che sono cancerogene

Immagine articolo

Le nitrosammine sono sostanze chimiche che si formano negli alimenti nella fase di preparazione e di trasformazione. Per intenderci possono interessare tutti i prodotti alimentari che per essere immessi sul mercato richiedono una lavorazione. Stiamo parlando dunque di un parterre enorme su cui hanno acceso i riflettori l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro e l’Autorità Europea per la sicurezza alimentare (Efsa), esprimendo una certa preoccupazione per la correlazione tra queste molecole e diversi tipi di cancro, in particolare fegato, esofago e stomaco.

Quali alimenti contengono nitrosammine

A confermare la pericolosità di queste molecole  è Raffaella Cancello, medico Nutrizionista Clinica –Auxologico IRCCS. «Sono cancerogeni certi dal 1970, si producono a partire dai nitrati che si trasformano in nitriti e danno origine in determinate condizioni alle nitrosammine – spiega l’esperta -. Questo processo si chiama nitrosazione ed è molto controllato perché occorre evitare che nitrati e nitriti vadano a trasformarsi in nitrosammine che sono gli elementi pericolosi». Fondamentale è dunque monitorare il livello di esposizione alle nitrosammine a cui i cittadini sono sottoposti.

 Le nitrosammine aumentano il rischio di tumore al fegato, all’esofago e allo stomaco

Studi internazionali hanno dimostrato che il rischio maggiore che si corre con un’esposizione prolungata alle nitrosammine riguarda lo sviluppo del tumore al fegato, all’esofago e allo stomaco. «Le nitrosammine sono sostanze cancerogene – precisa Cancello – perché  provocano un danno di tipo genotossico, ovvero vanno ad alterare il DNA, ne cambiano le caratteristiche e possono attivare i processi di proliferazione incontrollata».

I fattori scatenanti

Da tempo l’Efsa controlla le nitrosammine nel cibo. Ha studiato trenta alimenti, di questi ventitré  sono risultati cancerogeni certi e dieci sono cibi. «I fattori scatenanti sono diversi – evidenzia l’esperta – dalla grigliatura alla frittura, oppure la conservazione in salamoia». Non esiste  però un valore soglia stabilito, ma si controlla il livello di nitrito (150 milligrammi per chilo di prodotto). «Il nitrito è infatti il precursore della nitrosammina -puntualizza Cancello-. Ma non esistono dati certi di sicurezza perché ci  sono diverse metodiche di lavorazione e sensibilità differenti».

Come evitare l’assunzione di nitrosammine

Non essendoci un valore soglia, per evitare di correre pericoli il medico nutrizionista di Auxologico suggerisce di fare attenzione alle carni lavorate, processate  e sottoposte ad alte temperature e ai metodi di cottura. «Tutte le parti annerite nella cottura della carne sono un concentrato di nitrosammina – aggiunge -, poi occorre fare attenzione agli alimenti conservati in salamoia, come verdure e sottaceti e alla birra, in passato ricca di nitrosammine, ma oggi grazie a nuove tecnologie alimentari il livello è più basso. È comunque un alimento da attenzionare».

Con Vitamina C e E si può mitigare l’accumulo di nitrosammine

Oggi per mitigare il consumo di nitrosammine esistono degli espedienti che l’esperta di Auxologico consiglia:  «Gli ascorbati o  il tocoferolo, che sono vitamine C e E,  e le antocianine del the verde, sono alimenti naturali che inibiscono la formazione e l’accumulo di nitrosammine nei cibi e nelle carni lavorate – spiega -. Altri alimenti naturali che catturano i nitriti e li sottraggono al processo di nitrosazione sono i composti solforati come quelli presenti nell’aglio, nella cipolla e nelle fragole. Quindi inserire questo tipo di alimenti nella dieta aiuta».

I pericoli sono anche nei prodotti per la cura della persona

«È bene sapere che le nitrosammine sono anche in molti  prodotti cosmetici, nei detergenti, negli sciampo, nei saponi e anche in alcuni  farmaci  – fa notare Cancello -. Perché tutto ciò che è sottoposto a liofilizzazione e a un trattamento termico può provocare, in presenza di nitrati, l’acculo di nitrosammine. Quindi è opportuno leggere bene le etichette di tutti gli alimenti che si consumano, che siano cibi, bevande o prodotti per la cura della persona. Anche se il fumo resta il principale fattore di rischio. Quindi occorre dissuadersi dall’abitudine al fumo in particolare se ci sono casi di tumore al fegato, all’esofago o allo stomaco in famiglia».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Patologie dei polmoni, ‘Respiriamo Insieme’: “Una legge ad hoc per il riconoscimento dell’asma grave”

La Presidente Barbaglia: "Necessario assegnare un codice specifico e riconoscere numerose prestazioni fondamentali, al fine di garantire a tutti i pazienti una tempestiva e corretta diagnosi, follow-u...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...