Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Malattie e terapie 3 Ottobre 2023

Ictus cerebrale: attenzione all’incontinenza emotiva

A.L.I.Ce. Italia Odv: «La sintomatologia può variare molto da persona a persona: fondamentale riconoscere i segnali e non lasciare solo né il paziente, né il caregiver»

Immagine articolo

Si chiama “incontinenza emotiva” e si presenta in molte persone a seguito di un ictus. Chi ne è affetto, avendo difficoltà nel regolare le emozioni, manifesta reazioni esagerate, sia in positivo che in negativo. Capita, quindi, frequentemente di assistere a episodi più o meno contenuti di apatia, irritabilità, ansia e depressione. Ad accendere i riflettori su questa problematica sono gli esperti di A.L.I.Ce. Italia Odv, che avvertono: «Se non ci si concentra sulle conseguenze emotive dell’ictus, anche la riabilitazione fisica potrebbe non sortire gli effetti voluti».

Il ruolo dello psicologo-psicoterapeuta

«La disponibilità di psicologi esperti nel campo dell’ictus è necessaria – spiega la dottoressa Marina Farinelli, responsabile del Servizio Psicologia Clinica, Presidio Ospedaliero Privato Accreditato Villa Bellombra – Bologna- Consorzio Colibrì e membro del Comitato Tecnico-Scientifico di A.L.I.Ce. Italia Odv -. Lo psicologo psicoterapeuta, attraverso specifiche competenze, ha il compito di facilitare la narrazione stessa, che non sempre e per varie ragioni risulta facile e spontanea, e può portare un contributo per contenere sintomi e disagio, oltre che per favorire la costruzione dei progetti di cura. Allo stesso tempo, suggerisce e condivide le strategie per risvegliare le risorse personali utili per ritrovare il migliore adattamento possibile, il benessere e la miglior qualità di vita possibile».

L’incidenza dell’ictus

L’ictus cerebrale è un evento improvviso e inaspettato che colpisce ogni anno circa 100mila persone in Italia e che rappresenta la terza causa di morte dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie. La quotidianità può apparire fin da subito molto diversa e il cambiamento è un fenomeno cruciale che le persone colpite e i loro familiari riportano spesso, insieme ad una percezione di stress, solitudine e diminuzione delle relazioni sociali che caratterizzano soprattutto i caregiver. In tal senso, come spiegato da A.L.I.Ce. Italia Odv, la comunicazione interpersonale riveste un ruolo cruciale: le persone parlano dell’episodio quando possono, nel modo in cui sanno fare, con familiari, amici, con i medici e con tutti i professionisti che incontrano nel loro percorso e nel loro cammino. Tra questi, terapisti della riabilitazione, fisioterapisti e logopedisti diventano interlocutori privilegiati proprio per la relazione di fiducia e confidenza che si viene a creare a partire dall’alleanza terapeutica che si instaura tra professionista e paziente, accordandosi su obiettivi condivisi.

La percezione del tempo e dello spazio

Quando ci sono limitazioni motorie, il tempo solitamente diventa più lento, gli spazi si dilatano. Il disorientamento e la confusione possono rendere necessari accorgimenti protettivi particolari. Il giorno e la notte, il tempo del sonno e della veglia e i loro ritmi possono subire variazioni e addirittura invertirsi: per questo motivo è molto utile che siano sempre a portata di mano un orologio che segni possibilmente le 24 ore e un calendario abbastanza grande, semplice e chiaro. Allo stesso modo, lo spazio intorno può assume diverse connotazioni: raggiungere un luogo anche molto vicino, semplicemente spostarsi, soprattutto nelle prime fasi, può essere un importante obiettivo da raggiungere. E dopo, ritrovare la confidenza, l’accessibilità e la vivibilità delle stanze della propria casa, può diventare un altro traguardo significativo.

Il ritorno alla vita sociale

Successivamente tornare ad uscire, raggiungere spazi di socialità, esporsi e mostrarsi può richiede un ulteriore impegno da sostenere. Il superamento delle diverse barriere interne ed esterne è spesso una costante della vita dopo l’ictus. L’alterazione della comprensione e del linguaggio (afasia), quando presente, risulta per le persone colpite e i loro familiari un grande ostacolo, specie nelle prime fasi, generando demoralizzazione, rabbia, impotenza. Nello stesso tempo, il bisogno e il grande desiderio di ritrovare il nome delle persone amate e delle cose di tutti i giorni diviene un grande motore per provare a tornare a comunicare. A seguito delle conseguenze dell’ictus spesso vengono ridisegnate anche le trame relazionali. Possono cambiare i ruoli e i rapporti di interdipendenza che connotano le relazioni adulte tra pari tendo a sbilanciarsi. A volte i propri compagni di vita, i figli o altri parenti diventano caregiver. I legami affettivi, il reciproco prendersi cura l’uno dell’altro, il darsi in concreto una mano, la cooperazione nel vivere quotidiano tendono a diventare a senso unico. Per le persone colpite l’esperienza della dipendenza e il recupero delle autonomie sono, non di rado, un rilevante passaggio di adattamento e di vita.

L’impegno di A.L.I.Ce. Italia Odv

«La nostra Associazione A.L.I.Ce. Italia Odv è da sempre aperta all’ascolto e all’accoglienza e, grazie alle molteplici attività offerte alle persone colpite e ai loro familiari, incoraggiamo molto l’espressione e la comunicazione dei vissuti legati all’ictus che, oltre ad essere concepita come una malattia improvvisa e traumatica, si trasforma in un evento di vita – dice Andrea Vianello, Presidente di A.L.I.Ce. Italia Odv, Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale -. Siamo certi che la creazione di occasioni di condivisione affettiva, oltre che informativa, assuma già di per sé una valenza terapeutica, che aiuta a superare le non poche difficoltà che le persone incontrano in tutte le fasi, da quella acuta alla riabilitazione, dal ritorno a casa, fino -conclude  – alla ripresa della partecipazione sociale e lavorativa, quando possibile».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Telemedicina, dall’Oms Europa le linee guida per i sistemi sanitari nazionali e le singole strutture

La direttrice delle politiche e dei sistemi sanitari nazionali dell’Oms/Europa: "Implementare nuove tecnologie nei sistemi sanitari maturi può essere un compito impegnativo, quindi noi de...
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...