Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

infanzia 7 Novembre 2023

Virus sinciziale e bronchiolite: ecco cosa c’è da sapere. I consigli dei pediatri

Chiamare il pediatra in presenza di: inappetenza, lunghe pause respiratorie (apnea), scarsa reattività o la sonnolenza. I bambini più a rischio di bronchiolite grave sono i lattanti nati prematuri, con cardiopatie congenite, malattie polmonari croniche, malattie neuromuscolari e condizioni di immunodepressione

Immagine articolo

La bronchiolite è la causa più frequente di ricovero ospedaliero tra i bambini che hanno ancora non hanno compiuto un anno e, nei casi più gravi, può essere necessario anche ricorrere alla terapia intensiva. In Italia, la stagione epidemica comincia nel mese di novembre per poi terminare a marzo, motivo per cui, proprio in questi giorni Eugenio Baraldi, responsabile dell’Unità di Terapia intensiva neonatale azienda ospedale-università di Padova, della Società italiana di pediatria (Sip), Fabio Midulla, presidente Società italiana per le malattie respiratorie infantili (Simri) e Susanna Esposito, responsabile Tavolo tecnico malattie infettive Sip, hanno diffuso dei consigli pratici rivolti ai genitori dei più piccoli. “Alcune semplici misure – dicono i pediatri – sono in grado di ridurre drasticamente la diffusione del virus in particolare nei neonati e lattanti”.

Il virus respiratorio sinciziale: diffusione e trasmissione

Ogni anno il virus respiratorio sinciziale è responsabile di circa 3,4 milioni di ricoveri nel mondo con un’alta mortalità nei paesi in via di sviluppo. “I sintomi compaiono dopo 2-6 giorni dal contatto e la durata media della bronchiolite è 5-7 giorni. Ma anche altri virus come il rinovirus possono causare la bronchiolite. Il virus – spiegano gli specialisti – si diffonde da persona a persona molto facilmente, soprattutto attraverso il contatto con le secrezioni del naso e la saliva ma anche attraverso microparticelle disperse nell’aria con gli starnuti o i colpi di tosse da parte di una persona infetta. I lattanti quasi sempre contraggono l’infezione dai contatti con familiari raffreddati. Il virus può sopravvivere molte ore sulle superfici (tavoli, maniglie delle porte, cellulari, tastiere dei Pc) e si può contrarre, dunque, anche semplicemente toccando giocattoli o altri materiali contaminati. Il virus si diffonde rapidamente dove ci sono gruppi di bambini piccoli come negli asili!. L’uso delle mascherine, il lavaggio delle mani e il distanziamento sociale durante la pandemia Covid hanno ridotto del 70-80% i casi di bronchiolite ma quando queste norme sono state rallentate si sono verificate importanti epidemie in numerosi paesi del mondo.

Come proteggere i più piccoli

Ma come proteggere i bambini dal virus respiratorio sinciziale? “La prima arma è il latte materno che contiene anticorpi contro numerosi agenti infettivi e riduce il rischio di infezioni gravi da virus respiratorio sinciziale e di ospedalizzazione per bronchiolite – dicono i pediatri -. Importante poi lavare le mani con acqua e sapone o con un gel alcolico prima di toccare il bambino, vale per i genitori come per le altre persone che entrano in contatto con il piccolo. Utile, poi, l’uso della mascherina in caso di raffreddore per chi si avvicina al bambino. Con sintomi di raffreddore bisogna astenersi dal baciare il bambino ed evitare di toccargli la faccia. Il bambino, quindi, va tenuto lontano da altri bambini o adulti con il raffreddore. Altre regola fondamentale è lavare e disinfettare le superfici e gli oggetti (giocattoli) che vanno in contatto con il bambino. Vanno, poi, evitate le sigarette in casa perché il fumo aumenta il rischio di infezione. Se poi il bambino è prematuro o affetto da malattie cardiache o polmonari serve chiedere al pediatra se vi sono le indicazioni all’utilizzo degli anticorpi monoclonali per la prevenzione delle infezioni da virus respiratorio sinciziale”.

Quando contattare il pediatra: i campanelli di allarme

Tutte queste misure, ovviamente, “aiutano a prevenire anche le infezioni respiratorie causate da altri virus e batteri”, aggiungono i pediatri. In casi di sintomi, però, ci sono alcuni campanelli d’allarme per avvertire il pediatra. In particolare in presenza di difficoltà respiratoria: “Respirazione veloce, tosse insistente, movimento delle pinne nasali, comparsa di fossetta al giugulo e rientramenti a livello sternale, respiro rumoroso o respirazione con sibilo udibile avvicinando l’orecchio alla bocca del bambino. Un segno di allarme è la comparsa di un colore violaceo delle labbra o del viso”, avvertono gli specialisti. E ancora: serve chiamare il pediatra anche in presenza di inappetenza, ovvero, l’assunzione di latte meno del 50% rispetto al solito, che è il primo segno che indica che il bambino sta peggiorando. “Nei lattanti, infatti – continuano – la riduzione dell’alimentazione può rapidamente portare a disidratazione (labbra secche, poca pipì, pianto senza lacrime). Segnali da non trascurare sono anche le lunghe pause respiratorie (apnea) possono essere una complicanza dell’infezione da anche senza un quadro evidente di bronchiolite. I lattanti al di sotto dei 3 mesi sono più a rischio e possono deteriorare rapidamente. La scarsa reattività o la sonnolenza sono segni di allarme”.

I trattamenti

Per quanto riguarda la cura “non vi sono terapie efficaci per la bronchiolite – sottolineano i pediatri – . In caso di ospedalizzazione viene messa in atto una ‘terapia di supporto’ per mantenere un’adeguata idratazione e, se necessario, viene somministrato l’ossigeno. Nei casi gravi si ricorre alla ventilazione meccanica in terapia intensiva. Sono utili lavaggi nasali con soluzione salina e aspirazione delle secrezioni nasali (in particolare prima dei pasti). Importante incoraggiare il bambino ad assumere liquidi a piccoli sorsi o ad assumere pasti piccoli e frequenti. Farmaci come i broncodilatatori, i cortisonici e gli antibiotici non sono indicati di routine. Gli antibiotici in particolare non vanno utilizzati perché l’agente responsabile è un virus e le sovrainfezioni batteriche sono rare”.

I bambini più a rischio

I bambini più a rischio di una bronchiolite grave sono i lattanti nati prematuri, con cardiopatie congenite, malattie polmonari croniche, malattie neuromuscolari e condizioni di immunodepressione. “In questi bambini è possibile fare la profilassi contro il virus respiratorio sinciziale utilizzando un anticorpo monoclonale a somministrazione mensile dall’inizio della stagione epidemica. Il 30-40% di bambini che hanno avuto una bronchiolite, in particolare se hanno necessitato di ricovero, possono presentare episodi ricorrenti di broncospasmo fino all’età scolare e in certi casi vi può essere un’evoluzione verso l’asma. Queste conseguenze a lungo termine alterano la qualità di vita di questi bambini e delle loro famiglie. Una volta guariti – concludono gli specialisti dovrebbero essere seguiti nel tempo ed è utile fare una misurazione della funzionalità respiratoria (spirometria) una volta raggiunta l’età scolare”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici di famiglia, Scotti (Fimmg): “Entro il 2026 15 milioni di italiani saranno senza” 

Intanto scoppia il 'caos estate': “I sostituti sono introvabili e c'è chi va in pensione anticipata per concedersi le ferie”
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...